Reddito di cittadinanza, le folli idee del consulente di Di Maio

Condividi questo articolo


Zuppa di Porro: rassegna stampa del 29 ottobre 2018

00:00 Arriva il decreto Salva banche. Chi l’avrebbe mai detto?

02.53 Renato Brunetta vuole convincerci che lo spread 2018 è diverso dallo spread 2011…

04:25 Reddito di cittadinanza, le folli idee di Pasquale Tridico, consulente di Luigi Di Maio.

06:17 Tap, niente da fare: il governo non può fermare i lavori. Ma il prezzo da pagare sarà molto più oneroso: bloccare la Torino Lione.

09:50 Per la sinistra il nuovo uomo nero è Bolsonaro, neo presidente del Brasile.

11:25 Favoloso Pietrangelo Buttafuoco che ci spiega perché vendono molti libri e incassano pochi voti.


Condividi questo articolo


2 Commenti

Scrivi un commento
  1. ieri sera ho visto un documentario sulla ( sanguinosa ) rivoluzione francese , piena di esaltati giustizialisti.
    oggi mi son visto la storia di Savonarola e il suo moralismo giustizialista .
    entrambi erano portatori di buoni principi , ma l’integralismo e conseguente la stupidità ha portato rovina a loro e alla loro comunità.
    anche le cose buone devono essere applicate con gradualità.
    infatti, prima delle cose giuste o sbagliate , ci sono le cose che funzionano e quelle che portano rovina .
    questi purtroppo ci faranno vedere le stelle , molto più di cinque e di sicuro non romantiche .
    ed ho la sensazione che Salvini abbia dovuto ingoiare molti rospi pur di ottenere il decreto sicurezza

  2. Buon giorno,sono titolare di un centro estetico-solarium e fiscalmente è una società di persone s.a.s.di cui io socio accomandatario al 99% e mia moglie accomandante con 1 % ma avrei potuto anche lavorare tranquillamente come ditta individuale….Ho una dipendente e fatturo 40000 euro all’anno ma non posso usufruire della flat tax se invece fossi sotto forma di ditta individuale avrei potuto rientrare nella flat tax….perchè questa discriminazione? volendo potrei mantenere la società spostando l’ 1% di utile di mia moglie a mio nome risultando cosi il 100% degli utili a nome mio.Non ho altri lavori o altre entrate quindi sarei come una partita iva sotto forma di società che sta sotto i 65000 euro.Per quale motivo dovrei chiudere la società e aprire una partita iva individuale sostenedo costi,perdendo tempo con tutta la burocrazia quando il risultato finale sarebbe il medesimo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *