in

Reddito di cittadinanza, le folli idee del consulente di Di Maio

Dimensioni testo

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 29 ottobre 2018

00:00 Arriva il decreto Salva banche. Chi l’avrebbe mai detto?

02.53 Renato Brunetta vuole convincerci che lo spread 2018 è diverso dallo spread 2011…

04:25 Reddito di cittadinanza, le folli idee di Pasquale Tridico, consulente di Luigi Di Maio.

06:17 Tap, niente da fare: il governo non può fermare i lavori. Ma il prezzo da pagare sarà molto più oneroso: bloccare la Torino Lione.

09:50 Per la sinistra il nuovo uomo nero è Bolsonaro, neo presidente del Brasile.

11:25 Favoloso Pietrangelo Buttafuoco che ci spiega perché vendono molti libri e incassano pochi voti.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
michele giovanni carrera
michele giovanni carrera
29 Ottobre 2018 23:49

ieri sera ho visto un documentario sulla ( sanguinosa ) rivoluzione francese , piena di esaltati giustizialisti.
oggi mi son visto la storia di Savonarola e il suo moralismo giustizialista .
entrambi erano portatori di buoni principi , ma l’integralismo e conseguente la stupidità ha portato rovina a loro e alla loro comunità.
anche le cose buone devono essere applicate con gradualità.
infatti, prima delle cose giuste o sbagliate , ci sono le cose che funzionano e quelle che portano rovina .
questi purtroppo ci faranno vedere le stelle , molto più di cinque e di sicuro non romantiche .
ed ho la sensazione che Salvini abbia dovuto ingoiare molti rospi pur di ottenere il decreto sicurezza

Adrian Marcelo Salord
Adrian Marcelo Salord
29 Ottobre 2018 19:25

Buon giorno,sono titolare di un centro estetico-solarium e fiscalmente è una società di persone s.a.s.di cui io socio accomandatario al 99% e mia moglie accomandante con 1 % ma avrei potuto anche lavorare tranquillamente come ditta individuale….Ho una dipendente e fatturo 40000 euro all’anno ma non posso usufruire della flat tax se invece fossi sotto forma di ditta individuale avrei potuto rientrare nella flat tax….perchè questa discriminazione? volendo potrei mantenere la società spostando l’ 1% di utile di mia moglie a mio nome risultando cosi il 100% degli utili a nome mio.Non ho altri lavori o altre entrate quindi sarei come una partita iva sotto forma di società che sta sotto i 65000 euro.Per quale motivo dovrei chiudere la società e aprire una partita iva individuale sostenedo costi,perdendo tempo con tutta la burocrazia quando il risultato finale sarebbe il medesimo?

Ricky Passamonte
Ricky Passamonte
29 Ottobre 2018 17:43

Bravissimo condivisione piena e V “l’uomo nero” appena eletto con maggioranza schiacciante
A questa sera quarta repubblica

Andrea Salvadore
Andrea Salvadore
29 Ottobre 2018 17:08

Quello che suggerisce il suggeritore di Di Maio mi da un idea della miseria intellettuale di questi “laureati” in economia che evidentemente comunicano la loro ignoranza ai poveracci al potere. Sono idee il cui costo si mangia tutto quello che é assegnasegnato al cosí detto Diritto di Cittadinanza. É una moltiplicazione all’ennesima potenza della inutile moltiplicazione delle Universiá fatta per accomodare eletori e studenti svogliati e lauree di pura fantasia e nulla possibilitá di impiego.A parte il Tridico, abbiamo dimenticato quello che ho imparato nella prima ginnasio: il cittadino ha prima doveri e poi diritti, come diceva Mazzini i, diritti uno se li merita o li conquista e se li ha deve difenderli continuamente. Una una cosa é certa NON PIOVONO DAL CIELO e non esistono per essere scoperti da convulsioni intellettuali. Ricordiamoci che i fondamenti della nostra civiltá moderna hanno le loro radici nell’illuminismo e nella rivoluzione francese, nessuno dei nostri valori
risiede nel passato remoto, sono chiaramente espressi nel primo articolo della costituzione francese del 1789.

tullo
tullo
29 Ottobre 2018 16:19

Ma la Lezzi olezza?

Filiberto Rossi
Filiberto Rossi
29 Ottobre 2018 14:09

Oltre alle giuste critiche sul reddito di cittadinanza propongo una variante : trasformare questo reddito in una dotazione individuale da attribuire al 50% per 24 mesi al neo datore di lavoro e al neo assunto al momento dell asunzione. Le liste di collocamento si trasformerebbero in un serbatoio dal quale attingere lavoro a basso prezzo ed i datori di lavoro andrebbero alla ricerca di gente da assumere.

Luigi
Luigi
29 Ottobre 2018 13:47

Il cattocomunista Fico è di fatto un sottaciuto problema del 5S che assieme al reddito di cittadinanza a cascata, determineranno l’inizio della deriva del movimento, sia per le difficoltà a distribuirlo e ancor più per le conseguenze della necessità a sospenderlo.
Intanto che Salvini e i rottami della destra si fragano le mani e fanno cattivi pensieri.

valentino tarateta
valentino tarateta
29 Ottobre 2018 13:47

Gentilissimo dottore, oltre al reddito di cittadinanza credo che occorra anche soffermarsi sulla nuova versione con imposta sostitutiva al 15% per le piccole partite iva. Leggendo la bozza della stabilità del 23/10/2018 alla pagine 6, art 3 comma lettera “d” dsi stabilisce che: “Non possono applicare l’imposta sostitutiva di cui al comma 1: “…….gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone, ad associazioni o imprese familiari di cui all’articolo 5 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, ovvero a società a responsabilità limitata o ad associazioni in partecipazione;” La norma è fortemente limitativa rispetto all’attuale regime che prevede tra le cause di esclusione al regime agevolato solo i soci di società di persona ed i soci di società di capitale che hanno optato per il regime di tassazione per trasparenza ai sensi ex art.116 del Tuir. Attualmente quindi, chi è socio di una srl con tassazione ordinaria può optare per il regime agevolato, così come confermato da una serie di risoluzioni dell’Agenzia delle Entrate. Come è invece scritto nella bozza della legge di stabilità, lo si vieta a chiunque abbia partecipazioni in qualsiasi tipo di società, anche nelle società di capitali, a prescindere dal regime prescelto, con evidenti limiti rispetto… Leggi il resto »