Zuppa di Porro: rassegna stampa del 20 dicembre 2019

Salvini a processo, la Sea Watch libera

Condividi questo articolo


00:00 Zingaretti dice al Corriere della Sera che il governo giallorosso ha evitato la bancarotta e l’aumento delle tasse. Ma dove vive?!

01:20 La Coca Cola non vuole più investire in Italia per colpa della sugar tax e della plastic tax. Come dargli torto.

03:29 Le sei leggi elettorali in trent’anni raccontante da Antonio Polito.

3:52 Ezio Mauro ci spiega su Repubblica che l’antipolitica ha prosciugato se stessa e dunque è la fine del populismo. Un concetto che non mi è chiaro.

05:00 Salvini si arrabbia per l’autorizzazione a procedere che arriverà il 20 gennaio per la questione Gregoretti.

07:25 Nel frattempo è stata dissequestrata la nave Sea Watch di Carola Rackete.

08:10 Sallusti titola Di Maio “ominicchio” citando Sciascia.

08:30 La Carfagna si perde per strada Antonio Martino e i leghisti continuano a corteggiare in parlamento i senatori grillini.

09:50 Il casino dell’impeachment di Donald Trump.

10:47 Toc toc: mi sono sbagliato anch’io, a Sondrio non si trattava di un attacco nazista ma di una fantastica costruzione ad opera di una Sardina.

11:48 Due pagine sulle sardine su Repubblica che sono tutte da non leggere.

14:23 Adesso Filippo Nogarin si lamenta perché vive in povertà. Si è dimenticato di essere un Cinque Stelle?

15:40 L’accordo sulla riforma della giustizia tra Pd e 5Stelle: sarà un inferno penale.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Buongiorno Sal, anche se abbiamo visioni diverse per me sei una brava persona di famiglia a cui stringere la mano. Con il mio figliolo grande (adulto) discutiamo spesso su queste cose e alla fine, senza soluzione, ci sorridiamo benevolmente. ^_^

  2. @ Laval

    Vedi caro Laval, è davvero un mistero il fatto che io veda nello stesso soggetto qualcosa di così diverso da te. Un giuggiolone pericoloso. A me è questa l’impressione che dà. Con un’idea infantile del cristianesimo (santini, fioretti e cerimonie ma senza umanità), un’idea puerile delle forze dell’ordine (fatta di divise, macchinine ed eroi a cui tutto è permesso), un’idea vaga e abborracciata dell’economia (sforare il debito e stampare euro), una retorica vuota e ripetitiva (poltrone! tradimento!) un atteggiamento nei modi il più lontano da qualunque forma strutturata del potere politico (meglio la pochette di Conte).

    Ma tant’è. Come dicevano i due antichi filosofi?

    Tutto scorre caro mio!

    Tutto è fermo miei cari!

    Ognuno la vede come crede.

  3. Bellissima rassegna stampa. Complimenti!!! Per fortuna ci sono giornalisti intelligenti come lei che mettono i puntini sulle i aprendo gli occhi agli italiani!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *