Commenti all'articolo Sfera Ebbasta e quei testi schifosi

Torna all'articolo
Avatar
guest
20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gianluca
Gianluca
12 Dicembre 2018 15:45

Non si capisce il motivo per cui un incidente terribile che sarebbe potuto accadere in qualsiasi altro luogo affollato, anche ad un raduno di evangelici per dire (anche se lì forse è più raro che un cretino tiri fuori lo spray), venga trasformato in un processo ai testi di questi personaggi.
Dopo le porcherie fascio-socialiste degli ultimi mesi (sussidi a pioggia, stop ai trattati di libero scambio, stangate al settore del gaming, crociate contro i negozi aperti la domenica, tentativi di reintrodurre la naja coatta, ecc.) la prossima genialata cosa sarà? La censura talebana ai testi delle canzoni? Un PMRC in versione gialloverde?

Antonio
Antonio
12 Dicembre 2018 12:17

Bello Figo che fine ha fatto?

Melany
Melany
12 Dicembre 2018 9:42

A quanto pare, i commenti li scegliete tutti a favore dell’articolo. Ve la cantate e ve a suonate tra di voi. Giusto!! avrei dovuto accompagnare l’idea dell’articolo, per potermi leggere tra i commenti. OK la prossima volta che avrò una opinione e vorrò esprimerla qui, la costruisco come piace a voi.

Melany
Melany
11 Dicembre 2018 19:40

Vi invio un po di testi per vostra informazione e non ho voluto esagerare col numero. Ma cosa c’è di schifoso in questi testi? Vi lamentate e giudicate una generazione, che a differenza del passato, cantano la loro vita “senza filtro”, Poveri!!! Eravate abituati alla poesia? “La chiamavano bocca di rosa Metteva l’amore, metteva l’amore La chiamavano bocca di rosa Metteva l’amore sopra ogni cosa” Pupo “Gelato al cioccolato”, ( ma a quest’età, lo avete capito cosa si intende per gelato al cioccolato?) Viola Valentino ” Comprami”, Pensiero stupendo, Il triangolo, Lucio Dalla – “Disperato erotico stomp” “Ti hanno visto bere a una fontana, che non ero io. Ti hanno vista spogliata la mattina, birichina biricò… prima di salir le scale mi son fermato a guardare una stella. Sono molto preoccupato il silenzio m’ingrossava la cappella.” Califano “Avventura di un travestito” Giusto! Siete abituati alle metafore, il detto e non detto, per non offendere per vostre povere orecchie e non farvi venire pensieri impuri. Certo che non vi fa piacere ascoltare la loro realtà detta in questo modo, meglio le favole per non sentirsi responsabili di nulla. Ma i tempi son cambiati e loro non sono altro che il prodotto di tutti noi adulti , NESSUNO ESCLUSO!! non esoneratevi dall’esame di coscienza, perché anche solo, l’ignoranza nel giudicare senza conoscere,… Leggi il resto »