in

Vaccini in panne: il metodo Ursula fa pena

Rassegna stampa del 21 febbraio 2021

Dimensioni testo

00:00 Saluti.

01:00 Il gran casino dei vaccini. Abbandonato lo stile Arcuri, ma il problema è che non ci arrivano le dose. Anche se solo il 75% di quelle arrivate le abbiamo somministrate.

03:55 Il presidente di Confindustria, Bonomi, chiede la vaccinazione nelle fabbriche. Si è svegliato!

05:28 Vaccinazione, a noi tocca il fallimentare metodo Ursula. Ecco come procede nel resto del mondo…

08:15 Attesa per lunedì: il governo chiuderà? L’infografica della Stampa con numeri farlocchi: ieri scrivono a pagina due che i ricoveri in terapia intensiva sono aumentati del 4 per cento: falso. Il saldo è di quattro nuove terapie intensive. Tutto così.

10:17 Parola ai commensali.

11:08 Le espulsioni dei grillini e gli ondeggiamenti di Di Battista.

12:50 Il governo dei rinvii dice Travaglio.

14:00 Anche Confedilizia si arrabbia, ma sul rinvio degli sfratti: obbrobrio contro i proprietari e a favore dei furbetti.

15:17 Odio contro la Meloni, ma Stefano Feltri del Domani si occupa di quello digitale, orribile, contro la Segre. Dimenticanza? Mattarella telefona e non si dimentica: bravo.

18:05 Bella intervista della Morvillo a quello scrittore che così scriveva: “Mi chiamo Walter Siti come tutti”. Da leggere.

19:05 Parola ai commensali.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
101 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Caro Porro, la prova che gli italiani sono assuefatti al terrore - La Posta
4 Aprile 2021 7:00

[…] a febbraio per segnalarti un dato volutamente terroristico degli “stampisti” che hai citato nella zuppa del 21 febbraio. Brevemente vorrei raccontarti un episodio accaduto il 28 […]

paolospicchidi@
paolospicchidi@
22 Febbraio 2021 9:42

@Luca Beltrame DA UN ARTICOLO DELL’INTERNAZIONALE
Nonostante le restrizioni economiche e di forniture mediche dovute all’embargo statunitense, scrivono Ed Augustin e Natalie Kitroeff sul New York Times, Cuba sta per entrare nella fase tre della sperimentazione di uno dei quattro vaccini contro il covid-19 attualmente allo studio sull’isola. Il Soberana 2 nella terza fase sarà sperimentato su 15omila persone a Cuba e in Iran, che ha mostrato interesse ad avere il farmaco. Come il vaccino della statunitense Novavax, il Soberana 2 si basa su una proteina che contiene una parte del virus. Richiede la somministrazione di tre dosi a distanza di quindici giorni e non ha bisogno di essere conservato alle basse temperature richieste dai vaccini della Pfizer della Moderna, il che potrebbe agevolare la distribuzione nei paesi più poveri. I laboratori farmaceutici cubani producono otto dei dodici vaccini pediatrici somministrati ai bambini dell’isola e il paese esporta vaccini in più di trenta paesi. A Cuba, dove a gennaio è stata intercettata la variante “sudafricana”, i contagi sono in crescita quasi costante da gennaio. In totale il paese, che ha 11,34 milioni di abitanti, ha registrato 41.688 contagi e 282 decessi. Cuba non figura per il momento tra i paesi presenti nella lista di quelli che riceveranno i vaccini dalla piattaforma Covax promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
22 Febbraio 2021 9:34

ucanBeltrame DA UN ARTICOLI DI OXFAM
Vaccini anti-Covid: per battere la pandemia dobbiamo superare la logica dei brevetti
1 mese fa
È possibile considerare i vaccini un bene pubblico globale? Mentre l’Europa attende l’approvazione del vaccino di AstraZeneca, molti paesi poveri saranno tagliati fuori per tutto l’anno: il punto sugli “interessi in gioco” e sul dibattito da cui dipende il nostro futuro prossimo.
È possibile considerare i vaccini un bene pubblico globale? Mentre l’Europa attende l’approvazione del vaccino di AstraZeneca, molti paesi poveri saranno tagliati fuori per tutto l’anno: il punto sugli “interessi in gioco” e sul dibattito da cui dipende il nostro futuro prossimo.Quando chiesero a Jonas Salk, lo scienziato che ha sviluppato i primi vaccini efficaci contro la poliomielite, chi ne detenesse il brevetto, lui rispose: “le persone, direi. Non c’è brevetto. Potremmo brevettare il sole?”
COSA NE PENSA?
Mu sembra che in questa direzione direzione si stiano muovendo un centinaio di Paesi, tra cui India e Sud Africa.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
21 Febbraio 2021 22:21

@Luca Beltrame Era quello che intendevo dire, mi sembra di ricordare che con quello russo, fosse partita la somministrazione prima di aver superato alcuni test… e cmq non era posto al controllo dei test europei o almeno questo io ricordo. Poi ho letto che Israele l’aveva acquistato e ho concluso che fosse un buon vaccino.
Se poi per motivi di alleanze politiche/ strategiche non lo si acquisti… mi sembra una stupidata… il virus ci vede tutti uguali… anche per il vaccino dovrebbe essere lo stesso.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
21 Febbraio 2021 18:33

@diduve @zazza456 @paolo del po
E se invece si abolisse almeno per questa pandemia e casi simili il BREVETTO e si concedesse a tutte le industrie farmaceutiche in grado di farlo di produrre il vaccino e distribuirlo a tutta l’umanità, anche ricoprendo d’oro la Pfizer, Moderna, ecc

Roberto
Roberto
21 Febbraio 2021 17:57

Porro critica sempre, a pescindere. Ce l’ha con il Governo, con Arcuri, con Ursula Von Der Leyen, persino con Draghi (anche lui sarebbe partito con il piede sbagliato). Manca il Papa e poi …Dio….
Al di là che non è per niente obiettivo, è sicuramente antipatico.

Gianfilippo
Gianfilippo
21 Febbraio 2021 17:43

Chiedo scusa per la confusione del mio precedente scritto.
Vorrei soltanto che si potesse rivredere e commentare quel servizio di REPORT del 2015.

Gianfilippo
Gianfilippo
21 Febbraio 2021 17:41

Carissimo Porro
vorr questa nazione ha impestato il mondo intero e nessuno ha voglia di fargliela pagare, al contrario, tuttiei tanto che tu rispoilverassi un servizio su RAI 3 del 2015, trasmissione REPORT.
Il servizio riguardava il laboratorio di Wuhan dove si facevano esperimenti sul virus Sarl 2 dei pipistrelli.Nel servizio si diceva del timore che tale virus potesse uscire fuori dal laboratorio perché tale laboratorio non aveva le stesse precauzioni dei laboratori militari.
Credo sarebbe bene far vedere il suddetto servizio e, mettere la Cina di fronte alle sue responsabilità. Di fatto per colpa sua iol mondo intero é infetto.Nessuno che gli punti il dito contro, al contrario si é pronti a genuflesserci per convenienze economiche e, chi se ne frega delle migliaia di morti, delle economie distrutte , del grande casino in cui vzersa oggi il mondo intero.
VOLGIAMO A GRAN VOCE RICORDARE TUTTO QUESTO???