in

25 aprile, quei manifesti vergognosi

Una parte della sinistra sembra ormai caduta nella “foiba” della stupidità più assoluta. Per il 25 aprile è stato realizzato un manifesto fondo rosso, nel quale è disegnato in nero una foiba dentro al quale sono sprofondate una striscia verde, che indica la Lega, e una gialla, indicante i Cinque Stelle. Ad accompagnare l’immagine, la seguente scritta: “25 aprile piazza delle Camelie ore 10. Oggi come ieri Roma est antifascista. Questo 25 aprile intendiamo ridare vita lo storico corteo antifascista a Centocelle. Un corteo che faccia risuonare nelle strade dei nostri quartieri quello spirito di resistenza antifascista propria degli studenti e degli abitanti.”

Questi ignoranti non sanno o fingono di non sapere che nelle foibe furono sprofondate ammazzate persone che non avevano nulla a che fare con la guerra civile che era in corso (fu anche un regolamento di conti personale e non solo militare). Questo manifesto, dunque, è una vergogna che offende la coscienza dei parenti delle vittime degli infoibati e offende la coscienza di tutti gli italiani che abbiano un po’ di sale in zucca.

Condividi questo articolo
  • 1.8K
    Shares

51 Commenti

Scrivi un commento
  1. Certo che no, che discorsi! Il problema è che essendo un manifesto composto da una persona vivente che ne può spiegare il senso, non si può dire che rappresenta una cosa per un’altra! Non c’è nessuna foiba nel manifesto, è questo il punto! Il manifesto risale a ’73 è stato creato peril PSI non per l’ Anpi!!!
    PS…per Artemide… Se non le piace, il manifesto, non lo appena in casa! Io non parlo di gusti, ma di notizie non vere! Buonasera

  2. Sui manifesti “choc” del 25 aprile a Roma Est è stato scritto che sono “indecenti”, “barbarie negazionista” perché “sfruttano la tragedia delle foibe per attaccare il governo infoibando Lega e 5Stelle”.
    Queste parole scritte dalla signora Giorgia Meloni, segretaria di FdI, e dal capogruppo in commissione cultura, Federico Mollicone, del medesimo partito, sono evidentemente frutto di una loro paranoica fantasia. Oppure faziose manipolazioni volte a strumentalizzare un corteo territoriale antifascista e autonomo a fini elettorali.
    Di fatto il manifesto, reinterpretazione di un manifesto del 1973 di Ettore Vitale, rappresenta un’onda rossa che infrange un muro nero tenuto insieme con lo scotch colorato, in esplicito riferimento ai colori dell’attuale governo. Rappresenta semplicemente la realtà in atto.
    Del resto, che ci sia un rinnovato vigore delle forze politiche di estrema destra in tutto il mondo e che, a livello globale, ci sia ancora chi vi si oppone, non dovrebbe più stupire né scioccare.
    Ma evidentemente dà troppo fastidio che ci sia ancora chi resiste.
    Infatti, il corteo antifascista del 25 aprile a Roma Est parla di memoria della Resistenza ma anche di quelle resistenze quotidiane, fatte di lotte territoriali e sociali, contro il clima di ignoranza, indifferenza, paura e odio che alimenta il fascismo in tutte le forme in cui si manifesta oggi.
    Perché, oggi come ieri, Roma Est è antifascista

  3. https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2547770038631373&id=100001952043154
    Guarda bene, prima di esternare.
    Ignorante sei tu. E anche in preda a deliri e allucinazioni.
    Vedere le “,foibe” in questo manifesto non solo è una menzogna ma è oltraggiosamente una provocazione arrampicata sugli specchi della più bieca faziosità. Il 25 aprile è l’occasione per ricordarti che se anche tu puoi avere uno spazio per dire queste cazzate, lo devi a chi ha donato la vita per liberarci dal nazifascismo.
    PS: comunque grazie per l’involontaria pubblicità del corteo di 100celle antifascista.

  4. A rifletterci un pochino sopra, i comunisti italiani sono nati come fascistoidi a servizio di Mosca. E non è un caso che sarà l’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, ‘a benedire le bandiere rosse dei partigiani dell’Anpi e dei comunisti della Cgil’. Non per niente l’aria che attualmente circola all’interno delle Mura vaticane non è tanto diversa da quella che al tempo di Stalin circolava all’interno del Kremillino.

  5. Il vero fascista, oltre che ignorante è pure ottuso come una capra.
    Prima di fare propaganda ad un partitella politico che a malapena arriva all’1% sarebbe meglio verificare la notizia.

    https://www.giornalettismo.com/archives/2700858/manifesto-25-aprile-bufala/amp

  6. La sinistra è una struttura militare, una setta, basata sul foraggiamento degli adepti costretti a dire tutto quello che i capi impongono. Chi non accetta le regole è fuori, perde Filippo e o panaro. Un invito ai comunisti di riconquistare la propria libertà, meglio un tozzo di pane ma liberi, piuttosto che lauti pranzi da schiavi. La concorsopoli in Umbria dovrebbe aprire gli occhi per i cittadini e le carceri per i capi.

  7. Non dimentichiamo che gli esuli istriani per anni furono osteggiati dalla classe politica italiana da sinistra a destra (atlantista) passando per la tanto pia e cattolica democrazia cristiana. Il prodotto di quegli italiani è proprio rappresentato da questi cartelloni, esempio tipico di una vasta area di popolazione ignorante e che in un domani “incerto”, non avrebbe nessun problema a compiere atti di “giustizia sommaria”.

  8. Alessandro Gnocchi è banalmente una striscia rossa (colore della resistenza) che rompe una striscia nera (che rimanda al nero fascista), come puoi vedere se avvicini mentalmente le due parti….due parti che sono unite dai colori verde e giallo che rimandano all’attuale governo. Le foibe non c’entrano proprio nulla. Non ti viene un qualche moto di coscienza a mentire spudoratamente?….Perchè sono sicuro che sapevi di scrivere una sciocchezza, altrimenti i problemi sono altri.

  9. Questa é politica dei perdenti, basata su disinformazione, diffamazione e slogan drammaticamente fuori luogo. Non si può cadere più in basso.

  10. Il 25 aprile spero che il Movimento Pacifista con le sue bandiere arcobaleno con la scritta PACE al centro,abbia la decenza di non partecipare alla manifestazione della Liberazione dell’Italia dal NaziFascismo.Professano la Pace senza se e senza ma,quindi siccome si è usata la GUERRA per abbattere il NaziFascismo e non abbiamo vinto con la Diplomazia o con Manifestazioni Pacifiste se hanno un minimo di coerenza dovrebbero starsene a casa .Poi voglio ricordare alcune cose che spesso la sinistra e alcuni partigiani dimenticano,Senza l’aiuto degli Americani ora non vivremmo in paesi Democratici,perchè ovviamente i partigiani da soli sarebbero stati sopraffatti nel giro di dieci giorni mentre gli Americani senza i partigiani avrebbero vinto ugualmente solo mettendoci un po di tempo in più,e non ho nominato volutamente l’Unione Sovietica perchè sebbene abbia contribuito alla disfatta del NaziFascismo senza gli Americani la Dittatura Staliniana avrebbe sostituito quella Hitleriana e quindi saremmo passati dalla padella alla brace .Spero non ci vadano neanche gli Anarchici alla manifestazione del 25 aprile visto che la loro ideologia non contempla,anzi è contrapposta ad ogni forma di potere costituito compreso quello statale,quindi non vedo perchè dovrebbero festeggiare la Democrazia.La stessa Chiesa non dovrebbe neanche nominarlo il 25 aprile visto che se escludiamo i periodi delle Crociate ,la Chiesa moderna ha sempre detto che le guerre non vanno mai fatte non esistono guerre giuste o sbagliate ,lo stesso concetto lo esprime sempre Gino Strada ,Vauro e altre intellighenzia di sinistra,anche loro si astengano dall’andare sarebbe un controsenso rispetto i loro ideali .Invece ne sono quasi certo,molti di questi ci saranno o scriveranno fiumi di parole sulla resistenza che ha liberato l’Italia ,Vauro farà le sue solite vignette ,le bandiere dei Pacifisti le si vedranno sventolare e magari ci saranno anche i centri sociali e gli Anarchici.Insomma il festival dell’Ipocrisia per molti di loro. Ci tengo anche a non dimenticare i soldati della Repubblica di Salò che rimanendo fedeli all’alleato Germanico senza tradirlo,sono morti in buona fede. Perchè è facile abbandonare la barca quando affonda ,difficile è rimanerci sopra fino alla fine (questo indipendentemente dal fatto che si stia combattendo per un ideale giusto o sbagliato)Diego Cheli

    • Gino Strada è un eroe! Ha salvato la vita ad un sacco di persone, senza guardare colore politico, etnia, se erano civili, militari, molto spesso sotto le bombe! Come si fa a dire certe cose!!!! Sparate pure di tutto, inventatevi la storia che vi pare ma lasciate stare certe persone! Non le avrei risposto se non avessi letto il nome di Strada!

  11. Verissimo stanno pseudocombattendo
    Il fascismo xké loro amano tanto il comunismo (rosso sangue!)!!! Vedi loro
    contatti Putin, Maduro, erdogan, xi jinping!!!!
    Sono pericolosi: anke chavez e maduro hanno comprato il popolo cn regali……… è arrivato già il coltan in Italia…..e cn i cinesi il made in Italy va a farsi fottere x sempre!!!!

  12. Ma non sono proprio i comunisti i partigiani Rossi con in testa l’Anpi a negare le foibe? Ora vengono ad insegnare agli altri cosa sono??? Ma veramente sono senza memoria e mentono spudoratamente per ogni cosa. La

  13. Già, le foibe a quanto pare non c’entrano.
    Si tratta di una rivisitazione del manifesto di Ettore Vitale, col velo nero (che rappresenta il fascismo) strappato dall’onda rossa. Gli scotch giallo e verde rappresentano – e ti pareva – il governo gialloverde che secondo gli illuminati promotori della manifestazione che si terrà a Roma il 25 Aprile è dunque equiparabile al fascismo. Dunque niente di nuovo sotto il sole. Sempre la solita monnezza.

  14. La sinistra ha una sola capacità: appropriarsi d’idee fatti cose e denari altrui, è formidabile nelle vesti di tagliaborse e scippatrice, falsificatrice con profonda acredine verso gli “altri”, associazione senz’anima a cui non ha mai fatto difetto l’omicidio in grande numero. Si possono definire ignoranti ed ottusi, criminali della peggior specie senza che possano smentirci. Fa “paura” vedere le numerose ignoranti folle, sorde cieche urlanti come scimmie , che li seguono negando a se stesse: verità, e quel guizzo che rende l’uomo essere pensante, libero.
    Brutte genti pessime genti, feccia.

  15. Quel manifesto è vecchio di quasi 50 anni, l’ha creato Ettore Vitale nel 1973 per il partito socialista italiano, quindi l’unica accusa che si può fare è di poca originalità a chi la affisso!!! Non si possono dare certe notizie senza verificarle! Altrimenti non è più giornalismo, diventa propaganda demagogica! Buona domenica a tutti!!!

  16. No ma la cosa più ridicola… Lega e 5 stelle fascisti? Ahah…. Casa pound, forza nuova, la destra eccetera è ora di unirsi. Facciamo vedere chi è la vera destra.

  17. Strano. Italiani infoibati anche dopo la guerra o straziati come a Vergarolla. Nel frattempo, porte aperte ai turisti austriaci e tedeschi (mi riferisco alla Jugoslavia). Strana gente i sinistri.

  18. La grafica è fatta male e non si capisce bene che è un drappo nero rappezzato da due pezzi di scotch giallo e verde, ma che non sia una foiba è più che evidente. Bisogna essere completamente in mala fede per fare il ragionamento che avete fatto Lei e è la Meloni.
    Io che sono un qualunque cittadino posso anche non cogliere immediatamente il riferimento al manifesto originale del ’73, ma Lei dovrebbe essere un giornalista e un minimo di ricerca delle fonti le spetta. Quantomeno per deontologia.

  19. La sinistra ha sempre cercato di appendere il cappello su tutto, in ossequio alla dottrina marxista-leninista che presumeva di essere “scientifica” e quindi onnicomprensiva ed onniesplicativa. Qualunque fenomeno sociale veniva spiegato nelle sue cause, sviluppi e destini futuri, conclusione: ci ha preso di più l’Almanacco di Frate Indovino che la sinistra tutta. Diciamo così che la sua presunzione è sempre stata improntata ad un sincretismo che si appropriava degli opposti e grazie alla “dialettica”, arma contundente del materialismo storico, cercava di tirare per la giacca la realtà in nome dell’edificazione del comunismo. Ma ora non si sono accorti che il re è nudo, ovvero si ritrovano in mutande, ma pervicacemente insistono con il loro sincretismo, senza aver capito che si tratta ormai di totale “sincretinismo”.

  20. Ignorante.
    L’immagine, in realtà, riprende l’opera di Ettore Vitale del 1973, un manifesto per il Partito Socialista Italiano che raffigura . Lo troviamo negli archivi del 25 aprile pubblicati su Pinterest dall’ISMEL (Istituto per la Memoria e la Cultura del Lavoro, dell’Impresa e dei Diritti Sociali) e raffigura un velo nero – simboleggiante il fascismo – che viene strappato

  21. Mi sembra tanto il test di Rohrscach, quello delle macchie di inchiostro. A me sembra un lampo rosso che spezza il giallo e il verde, immersi in un magma nero. La foiba, se fosse vero quanto affermato da Gnocchi, dovrebbe contenere al suo interno le linee gialla e verde.

  22. La resistenza fu fatta da pochi veri ammirevoli antifascisti ante-marcia e da molti evasori dalla leva che evitarono di arruolarsi nell’esercito della Repubblica di Salò che stava andando ovviamente verso la disfatta. L’ Italia fu poi liberata dagli Anglo-Americani con un trascurabile aiuto da parte dei partigiani. A guerra finita i comunisti si impadronirono della resistenza anche perché la maggioranza di loro era comunista facendone un mito e cercarono e cercano di farci credere che il contributo dei partigiani fu decisivo nella sconfitta del fascismo. I padri costituenti crearono poi una Costituzione “contro”, cioè una costituzione antifascista, una cosa assurda come se la Costituzione degli Stati Uniti fosse anti-inglese o quella francese anti-monarchica. Venne poi creata la festa della Liberazione, oggi festa dell’ANPI, attualmente solo il nome di un centro sciale comunista. I comunisti cercarono poi di nascondere per anni tutte le mascalzonate dei partigiani finché non furono sputtanati da Pansa, cercarono di nascondere l’orrore delle foibe e il fatto che Togliatti voleva cedere Trieste alla Jugoslavia. Oggi fa dunque bene Salvini a non voler partecipare a una festa di parte comunista.

    • È il concetto di “Italia liberata”, la vergognosa antifrasi ripetuta dalla propaganda mainstream e che, anche lei, utilizza.
      “Liberata” da chi, da che cosa?
      Dall’Inghilterra che è stata la vera “casus belli” della II WW?
      Dall’America che ha fatto, dell’Italia, la sua colonia?

      O dalla Germania di cui eravamo alleati ma che Badoglio disse che era nostra nemica? (Negli Usa viene utilizzato il verbo “to badogliate” con significato “tradire”… Chissà perché!?)
      Ah, già, liberata dai parMigiani, quelli di cui Pansa (comunista) parla tanto “amorevolmente” nel suo libro; quelli tipo la “medaglia d’oro” che sterminò a tradimento un drappello di ausiliari altoatesini -ed un bambino che stava lì giocando- in quel di Via Rasella e che, vigliaccamente, non si costituì provocando la morte di innumeri innocenti alle Fosse Ardeatine…
      E sì, liberata dal tanto odiato Fascismo di cui 44 milioni di Italiani erano diventati “anti”, quando, il giorno prima, erano tutti “pro”.

  23. Cosa si pretende da gente che fa sfilare i palestinesi, che furono notoriamente pro Hitler, Amin al-Husseini Il gran mufti di Gerusalemme (parente di Arafat) era notoriamente filonazista e a favore dello sterminio degli ebrei e non fa sfilare le Brigate ebraiche che ebbero una partecipazione diretta nella guerra di liberazione.
    Questo 25 aprile è una festa di cui si sono appropriati solo una parte della popolazione italiana, la peggiore.

  24. Mi stupisco vi stupiate. Questi esistono solo tenuti assieme dall’odio. Se potessero infoiberebbero ancora. Ha fatto bene Salvini a fregarsene del XXV aprile a andare altrove. Tutti i politici di cdx dovrebbero non festeggiarlo, fare altro. Lasciare che gli assassini rossi se la cantino e suonino da soli. Invece partecipano e si prendono carrettate di insulti dalle bestie.

  25. un po’ di sale in zucca ! E’ sperare ” contra spem “. Passeranno i cieli e la terra, ma non c’e da fare, la religione antifascista ha una RESISTENZA superiore anche al BUCO ROSSO COSMICO. Trovate su Marte tracce di salvinite miste a fascinite. I Marziani stanno preparando un corteo contr la “cazzinite” terrestre !

  26. Ancora non l’avete tolto questo post ridicolo?
    Solo voi e quella povera scema della Meloni potevate vedere le foibe in un velo strappato.
    Ce l’avete in testa, le foibe!
    Patetici!

  27. È già stato spiegato tempestivamente che le foibe nulla entrano in questo manifesto. Cosa aspettate a rimuovere questo post assurdo.
    A tutti capita di fare una cazzata, ma perseverare quando ci viene spiegato che è tale sconfina nell’ostinazione ottusa

  28. A me non sembra quello il significato di questo manifesto.
    Le strisce giallo e verde sembrano nastri adesivi che tenevano, o tentavano di tenere assieme un blocco nero che si contrapponeva al campo rosso. Ma il rosso si è incuneato e a stracciato i nastri iniziando a sgretolare il blocco nero.
    Metafora a significare che l’alleanza giallo-verde non riuscirà a fermare l’avanzata progressista.

    • 46, ha ragione, mi ero levato 10 anni. In ogni caso la sostanza non cambia… Il mantra è una cosa seria non c’entra nulla con destra e sinistra!

  29. Se questo è un giornalista…

    https://www.open.online/fact-checking/2019/04/13/news/il_manifesto_del_25_aprile_che_non_raffigura_le_foibe-191661/

  30. Scusi Gnocchi si rende conto che siamo nel 2019? Mollicone e la Meloni cercano di raccattare voti, ci sono le europee…li posso anche capire! Ma cercare di far passare un manifesto vecchio di 36 anni per uno nuovo mi sembra ridicolo!
    PSI
    1973
    Ettore Vitale
    BUONA GIORNATA

    • Delle due l’una: o non riesce a cogliere il manifesto per quello che è realmente (un foglio nero strappato, che viene tirato via nonostante due strisce di scotch verde e gialla cerchino di tenerlo insieme senza risultati, splendida metafora della Liberazione) o non vuole cogliere perché così le fa gioco. Inoltre il manifesto è una rielaborazione di quello che nel 1973 Ettore Vitale realizzò per il PSI. Solo che nel ’73 il manifesto, lo capivano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *