in

Annie Ernaux, “er Nobel” dei salotti buoni

Dimensioni testo

: - :

“Scioè, hai sentito, hanno dato il Nobbel a la letteratura”. “Ma davero e a chi?”. “Anni Ernò”. “Chi?”. “Eh, ce o so, anch’io ho faticato per capì chi era. Però adesso famo tutte le esperte, co’ sta Meloni nun se po’ perde un colpo ahò”. “Abbà, fammaa scercà su uiki”. “Sì ma cerca bbene, se scrive Annie Ernaux eh”. “Eccola, trovata. Ah, bbene. Femminista, de sinistra, me piasce! Disce che la maternità nun je frega ncazzo, me piasce pure deppiù”. “Nun solo, vedi ‘mpo’, disce che guai a chi tocca l’abborto; e pure che non scoperebbe mai co’ ‘n fascista ma manco uno de destra moderata”. “Ma perché, tu lo conosci uno de destra moderata?”. “Ah, in Italia no, in Francia poesse”.

“Comunque allei je piasce Battisti”. “Ma chi, er cantante morto?”. “Mannò, che scema, er terrorista, sai, quello de li Pacche”. “I pacchi?”. “Mannò, oh ma sei ignorante eh, ma che te credi, da esse la Meloni? La Santachè? La Rauti?”. “No: Elodie hahahaha!”. “Disce che l’omo vero è Cesare Battisti il terrorista”. “Ah, sì, spetta, ma nun era quello che era esule perché la maggistratura italiana lo torturava?”. “Sììì, ‘o disceva pure Sansonetti. È stato in Francia, in Brasile… ‘Na vita avventurosa!”. “Ficooo, ahò”. “Sì ma poi alla fine quando l’hanno catturato a Bahia ha confessato, disce che li aveva ammazzati tutti pe’ davero quelli”. “E Annì Ernò ce ‘o sapeva?”. “Ce ‘o sapeva sì, ma oh, pure da noi: i wu minghe, Saviano… Te risulta che uno dico uno abbia detto ‘na cosa?” “None”. “E allora perché dovrebbe lei? Poi pure ‘a collega, quella, come se chiama, Fred Vargasse, pure lei era nnammorata de Scesare e mica s’è mai pentita”. “Maddeché ahò, ma pentisse de che? D’avè ammazzato quattro fasci?”.

“Abbà, aho, pure te: nun hai sentito ‘a direzzione der Piddì, s’ha da esse moderati, sinnò a le donne nun je lascieno spazio”. “Eh, abbà, cde ‘o sapemo, però pure noi, manco na scrittrice c’avemo…”. “Come no! E allora Michela Murgia?”. “Tzk. Non lo so, nun me fido tanto, troppo casinara, chettedevo da dì: a me me piascerebbe una regolare, scioè che c’ha er bechraum, come Annì”. “Eh, abbà, quelle oh, qui te ‘e sogni!”. “Qui c’avemo Littizzetto…”. “Però hai sentito che disce Annalena Benini de Annì: che parla dell’io e dà voce alla vita della voce… nun ho capito ‘n cazzo!”. “Abbà, ma quella le cose ce ‘e sa, fidamose”. “Sì però a me me pare, scioè io so annata a legge quarcosa ieri appena annunciata, de Annì, no, ebbè, me pare che sta sempre a parlà de sé, de le sue scopate, co quelli de sinistra, scioè, nun è che…”. “Zitta! Pazza! Nun le devi dì ‘ste cose! Manco penzà le devi! Oggi se deve parlà bbene di Annì, perché er personale è collettivo… no, aspè, come che se diceva? Er personale è… sosciale… Ah no ecco! Er perzonale è politico!”.

“Cioè me voi dì che Annì parlando de li cazzi sua fa politica?”. “È regolare!”. “Abbà, ma allora pure Rula. Allora pure te e io”. “Essì, bbrava, ma quella è un Nobbel!”. “Eh ma je l’hanno dato perché parla de li cazzi sua però…”. “Ahò, quanto rompi però. Senti, prova ‘sta tisana alla ortica e gramigna, che magari te calmi. Disce che la beve pure Monica Cirinnà, è ‘na mano santa! È l’urtimo grido a Prati-Parioli-Salario e pure a Capalbio. A proposito, ma secondo te, alla fine der congresso, ‘a direzzione jela danno a Elli Schlèn o richiamano a Rosi Bbindi?”. “Mah, secondo me ce rimettono ‘n’rartra vorta un omo”. “Armeno fosse fludio, tanto pe’ salvasse: oh ma possibile che ar Piddì ‘na donna de responsabbilità mai, mai, mai?”.

Max Del Papa, 7 ottobre 2022