Arriva la 4° autocertificazione: ci prendono per i fondelli!

Condividi questo articolo


Poche ore fa il capo della Polizia, Franco Gabrielli, ha annunciato che è in arrivo il nuovo modulo di autocertificazione per le nostre necessità di spostamento. Si tratta della quarta versione. Sì, avete letto bene, è il quarto modulo di autocertificazione in virtù dei numerosi decreti che nelle ultime settimane sono stati fatti dal governo giallorosso. Per non parlare del loro contenuto: siamo un Paese morto! Avete ragione nel video dico quinta: insomma non so contare.

Ecco come vengono fatte invece le comunicazioni in America…

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


3 Commenti

Scrivi un commento
  1. Perché nessuno parla dei pensionati (che non sono quelli di oro) che sono costretti ad aiutare le famiglie dei loro figli cassaintegrati o peggio licenziati con quel poco che non basta neanche per loro?
    Gradirei moltissimo un suo coinvolgimento in questo mio quesito.
    Allego e mail toscanoalfio45@gmail.com

  2. Anche io ho pianto leggendolo. Anche io penso che sia pazzesca e sono contenta che qualcuno lo dica per me.

    Per cosa ho esercitato il cervello e studiato? Per essere sommersa dall’assurdo quotidiano. Sommersi dai moduli, dalle pratiche, dai codicilli invisibili di mille infinite inutili leggi.

    Salvo perdere di vista le cose importanti: per anni i nostri fiumi erano di ogni schiuma e colore, assassinati. La nostra aria irrespirabile, la moria degli animali e nostra. Vivo nel triangolo industrializzato.

    Per anni gli abusi edilizi. Ma come passavano?!

    Il costruire SULLE risorgive e i pozzi di acqua che avrebbero dovuto essere rispettati come delle divinita…

    Grazie alll’economia….a cortissimo raggio e che neppure sopperisce ai danni ecologici incalcolabili. Non siamo neppure ricchi…almeno avessimo conservato il paese intatto.

  3. -___errata corrige al mio messaggio precedente :
    ……… la maggioranza degli italiani senza paraocchi ( e con neuroni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *