in

Assalto alla Cgil, Lamorgese confessa: “Sapevamo, ma non abbiamo agito”

lamorgese
lamorgese

Dimensioni testo

Sapevano perfettamente chi era Giuliano Castellino. E sapevano anche che i manifestanti si sarebbero diretti verso la sede della Cgil. Ma – spiega il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, durante l’infuocato question time di oggi alla Camera – “la scelta di procedere coattivamente nei confronti del leader di Forza Nuova non è stata ritenuta percorribile dai responsabili dei servizi di sicurezza, perché in quel contesto c’era l’evidente rischio di una reazione violenta da parte dei suoi sodali, con pericolo di degenerazione dell’ordine pubblico”.

Questo il succo dell’intervento del ministro che nel non rispondere all’interrogazione di Fdi riesce comunque a fugare i dubbi sul fatto che l’inazione delle forze dell’ordine sia stata il frutto di una scelta consapevole da parte dei vertici di pubblica sicurezza. Ebbene sì, abbiamo avuto la conferma che cercavamo: si è scelto volontariamente di non intervenire. Dunque, i nostri timori erano fondati, non si è trattato di semplice incapacità o impreparazione da parte degli addetti ai lavori, ma di un banale calcolo costi-benefici. Si è scelto di sacrificare la sede della Cgil per evitare tumulti di piazza. Per poi magari, – questo è il sospetto – sfruttare la vicenda mediaticamente.

Attenzione però: la Lamorgese, nonostante questa tragica ammissione, in realtà non ha davvero risposto all’interrogazione presentata dal partito di Giorgia Meloni. O meglio, ha spiegato il motivo per cui Castellino non è stato arrestato in piazza del Popolo ma ha abilmente eluso il vero quesito dell’interrogazione, vale a dire le ragioni per le quali non sia stato creato un cordone di polizia in difesa della sede sindacale o, in alternativa, perché non si siano bloccati i manifestanti nel tragitto che li conduceva all’obiettivo. Perché è vero – come spiega la Lamorgese nel suo intervento – che Castellino si era messo in evidenza “per il deciso protagonismo soprattutto nell’intervento in piazza del Popolo, quando ha espresso la volontà di indirizzare il corteo verso la sede della Cgil”, ma i manifestanti violenti avrebbero comunque potuto portare a a termine l’impresa anche senza di lui.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
giùalnord
giùalnord
14 Ottobre 2021 0:34

Poverini sapevano e non potevano agire; lo scopo era solo uno: gridare allo squadrismo ed al fascismo per estromettere dalla politica partiti di destra. Vorrebbero arrivare alla Meloni, ci provano ma avrà un effetto boomerang su chi lo ha lanciato; la gente non è fessa come vorrebbero fare credere!

Gianni
Gianni
13 Ottobre 2021 22:41

Come spesso succede parla senza dire nulla non entra nel merito e poi cerca scuse senza senso.una poverina incapace oppure asservita alle necessità dei veri fassisti?(rossi)

Davide V8
Davide V8
13 Ottobre 2021 22:02

Però menare la gente normale, usare idranti e manganelli contro persone pacifiche, quello sì, lì si poteva intervenire.
Perchè la gente normale non fa guerriglia e quindi non ci sono “problemi di ordine pubblico” a manganellarli?
Sarebbe questa la logica?

Non ha neanche senso stare a sentire scuse e considerazioni ridicole, pari a quelle del peggior venditore che ribalta la realtà e spara supercazzole.

Mts
Mts
13 Ottobre 2021 20:19

Dopo il Papeete, si è profilato e poi realizzato il governo giallorosso (un “compromesso storico” epocale tra due partiti che si scannavano fino a giorni prima) con la giustificazione che, se si fosse andati a votare “avrebbe vinto Salvini”.
Consentire che si realizzasse una porcheria di maggioranza per ostacolare l’espressione della volontà popolare, senza neanche nascondere la motivazione e l’intento antidemocratico, è stato un errore imperdonabile; si doveva scendere in piazza all’epoca.
La pandemia e la relativa gestione sono il castigo per non averlo fatto.
Tutto il resto è conseguenza logica.

Pietro
Pietro
13 Ottobre 2021 19:57

Gli avvenimenti degli ultimi 15’gg, con contorno di inchieste quantomeno discutibili fanno parte di un’unica strategia (che terminerà sabato) per far vincere la sinistra e attaccare (senza possibilità di difesa o quasi) Meloni e Salvini. È evidente è chiaro a chiunque non abbia prosciutti sugli occhi. La Lamorgese poi è pienamente organica alla sinistra e agisce per favorirla in ogni modo.

Pigi
Pigi
13 Ottobre 2021 19:19

Ma i militanti del più forte sindacato italiano dov’erano?
Se davvero si sapeva un’ora prima che avrebbero assaltato la loro sede, perché mai non sono accorsi a difendere la sede del loro sindacato attaccata dagli hooligans della curva Sud?
Un muro di gente dura davanti alla sede avrebbe fermato i facinorosi, con le buone o con le cattive.

O forse non hanno avuto il coraggio di farsi vedere. Per la vergogna.

art3mide
art3mide
13 Ottobre 2021 19:14

E ancora una volta la lamorgese dimostra tutta la sua incapacità.
È solo brava a non intervenire, quello lo sa fa benissimo… quando vuole.

Cagliari
Cagliari
13 Ottobre 2021 19:12

in altre nazioni ministri coma lamorgese , speranza,orlando , di maio, patuanelli, a seguire tutti gli altri inutili, incompetenti,si sarebbero dimessi. e per colpa loro abbiamo avuto i morti per il virus.