Assolombarda, occasione persa

Il presidente designato della Confindustria, Carlo Bonomi è passato in un colpo solo dalla poltrona di leader degli industriali milanesi (e monzesi) cioè da numero uno della potente Assolombarda, a viale dell’Astronomia. Pochi giorni dopo la sua designazione, è stato anche cooptato alla presidenza della Fiera di Milano. Buon per lui. Anche se in genere i presidenti della Confindustria si beccano una poltrona pubblica o semipubblica, solo dopo la fine del loro mandato. Quasi a risarcimento del lavoro svolto. Diciamo così.

Resta sul tappeto un problema ben più grave. E cioè il destino dell’Assolombarda. Proprio su queste colonne avevamo auspicato un rinvio delle elezioni del numero uno degli imprenditori per non indebolire il ruolo sindacale delle imprese che, oggi più che mai, hanno bisogno di farsi sentire. Basti dire che la produzione industriale di questo Paese, fonte Eurostat, nel mese di marzo ha fatto segnare un crollo del 30 per cento, contro il calo del 14 per cento tedesco e una Inedia Eurozona del meno 13 per cento. Il decreto rilancio, a parte le briciole derivanti dall’abolizione di due rate dell’Irap fortemente volute proprio dagli industriali, non sembra una grande manovra di rilancio imprenditoriale.

In questa situazione come si può pensare di tenere in stallo una delle più importanti associazioni territoriali italiane? Perché non si nomina subito un successore di Bonomi? Perché gli stessi industriali che non hanno voluto rimandare il voto confindustriale, con artifizi elettronici vari, in piena emergenza Covid, oggi non nominano un loro rappresentante per una delle aree più colpite dal lockdown? C’è uno Statuto e un ottimo reggente (Alessandro Spada, persona di grandi qualità), ma per un anno sarà tutto in bilico. Ed un reggente, per quanto in gamba, non ha un mandato pieno.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

3 Commenti

Scrivi un commento
  1. Come lo riconosci uno che lavora poco oppure ha il posto fisso dello stato, oppure è un troll o semplicemente un povero pirla?
    Semplicemente uno che fa commenti come Kim. Sarebbe da chiudere la lombardia, tutta, non erogare piu un euro di tasse e godere come pazzi nel vedere l’italia crepare di fame, sentire le urla disperate di Kim e del suo pancione grasso ormai vuoto, incapace di procurarsi un lavoro perchè privo di alcuna capacità imprenditoriale, di una qualche autonomia. Capaci solo di allungare la mano paffuta e prendere.

  2. Ahahahaha. Ma siete veramente la caricatura di voi stessi. Oh imprenditori difendetevi, combattete contro quei lavoratori che non vogliono essere licenziati, contro quei maledetti sindacati, contro tutti quelli che vogliono farvi pagare le tasse, contro tutti quelli che non vogliono farvi delocalizzare, contro quei maledetti magistrati che vogliono punirvi per non aver rispettato la legge. Contro quel maledetto stato che vi da solo 20 miliardi…Topolino sarebbe più serio

    • veramente spassoso. Come Pinocchio che pensava che i soldi crescono come le carote nel giardino dei miracoli e non sono (o dovrebbero essere) il frutto di attività produttive. I diritti sono solo del lavoratori (Kim, si è dimenticato le lavoratrici) e devono prendere lo stipendio anche se la produzione è ferma e non si incassa un euro. Perbacco, perché delocalizzare? Si deve rimanere nelle grinfie di chi ti toglie più del 50% di quello che viene dalla tua produzione per mantenere torme di fannulloni (tra cui, penso, si collochi anche Kim). I magistrati, sono benedetti (sì, ma da Palamara) sia chiaro e i soli 20 miliardi che il governo darebbe (ma li ha dati mai?) sono anche loro provenienti dal giardino dei miracoli di Kim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *