Basta! Riprendiamoci la libertà

Condividi questo articolo


Da quaranta giorni siamo confinati all’interno delle nostre abitazioni senza che nessuno riesca a individuare una via di uscita. Il nostro sistema funziona attraverso il circolo mediaticogiudiziario che si basa su due idee: la sicurezza e l’individuazione del responsabile che non ha garantito la sicurezza. Un circolo che è diventato un coro di sostegno al lockdown e alla privazione della libertà degli italiani.

Il video-racconto di Giancristiano Desiderio.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


6 Commenti

Scrivi un commento
  1. I vecchi in casa sono come gli elefanti, si abbandonano e muoiono
    Forse questo è di gradimento ad una certa sinistra, di fatto restando a casa moriranno anche i giovani, di fame.
    Non vogliono far vedere che hanno lacerato la sanità pubblica, non vogliono rotture di scatole. Amano il dolce far niente, questo è il nostro governo.
    Andiamo a piangere in Europa senza una proposta, che razza di fannulloni.

  2. Ho letto un articolo di Cassese e ne consiglio lettura. Non si possono calpestare le libertà fondamentali usando in modo scorretto l’art.78 DELLA COSTITUZIONE. Purtroppo il popolo bue abbocca a tutte le cavolate che gli vengono passarte in televisione. Non siamo in guerra! La PANDEMIA, per quanto grave, è altra cosa. Questo accentramento di poteri è anomalo e inquietante e il silenzio di certa stampa ci fa capire in quale cultura liberticida viviamo. Gran parte dei giornalisti italiani sono i degni eredi della Pravda e di quella cultura sovietica e totalitaria di cui sono ancora oggi, la più bieca espressione.

  3. Prove generali di DITTATURA!
    D’ora in avanti ogni motivo sarà valido per ridurre le libertà personali.
    Questo test ha dimostrato che il gregge si sta comportando bene e le pecore si comportano esattamente da pecore!
    Si può procedere pertanto alla tosatura del gregge!

  4. A proposito di isolamento. “L’isolamento appartiene all’essenza del dominio in quanto tale. Isolare qualcosa significa disporne, significa cioè che il dominato non obbedisce ad altri ordini che a quelli del dominante.” – Emanuele Severino, Destino della necessità, cap. V: “Isolamento e dominio”. pp. 237-8

  5. @FEMINE
    Siccome è la prima volta che appari sul forum e dici che io non faccio altro che smanettare con la tastiera, sei sicuramente un falso nick che da molto molto tempo bazzica da queste parti.
    Un troll e per giunta stupidina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *