Articoli

Caos scuola: che fine hanno fatto le “aule nuove” di Conte? - Seconda parte

Non è che all’estero facciano tutti meglio di noi. Anche Emmanuel Macron, in Francia, ha tante gatte da pelare. E comprendiamo quanto sia difficile gestire questo delicatissimo dossier, tra chi, tra gli insegnanti più sindacalizzati (la minoranza), pensa di approfittarne per procrastinare il rientro a lavoro, e il timore che con la riapertura delle scuole coincida un’impennata delle infezioni. La politica, tuttavia, è previdenza e pianificazione. Lei, presidente Conte, invece naviga a vista. Quello del ritorno in classe era un problema da affrontare seriamente già a primavera. Palazzo Chigi e l’imbarazzante Azzolina non hanno saputo cavare un ragno dal buco. E mentre il caos cresceva, lei s’è messo a fare promesse che sapeva di non poter mantenere.

Anche in questa, come in altre circostanze, la metamorfosi da Conte uno a BisConte ha aiutato: se al governo con lei ci fosse stato ancora Matteo Salvini, una figuraccia come questa non gliel’avrebbero perdonata. Le avrebbero rinfacciato ogni giorno quegli impegni roboanti assunti a giugno. Al contrario, ora può godere dell’indulgenza plenaria mediatica. Andrà in scena il solito copione: il conto dei pasticci giallorossi lo pagheranno i prof, gli studenti e le loro famiglie. Ma lei ci avrà già intortati tutti con la prossima, altisonante promessa.

Alessandro Rico, 1° settembre 2020

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli