in

Caro Porro, cosa non ci dicono sul ddl Zan

ddl zan

Dimensioni testo

Egregio dott. Porro,

qualche tempo fa ebbi il piacere di mandarle una copia del mio libro Stato? No grazie! e fui lieto di scoprire che ne aveva ripreso alcuni passi nel suo libro. Oggi volevo darle il mio punto di vista sul ddl Zan in particolare dal punto di vista della libertà di espressione.

  • Probabilmente la Mancino è sbagliata. Per un liberale non dovrebbero esistere aggravanti. La violenza andrebbe punita sempre nello stesso modo. Qualsiasi aggravante crea una categoria di fatto discriminandone altre.
  • Certamente si può comunque aggiungere la categoria degli omosessuali all’elenco delle categorie difese da aggravanti. Ma ne lasciamo fuori migliaia. I vecchi. I barboni. I rosci. I ciccioni ecc
  • Si chiede la libertà di riconoscersi in un genere che non coincide con il sesso biologico. Va bene. Ma che ne è della libertà dell’altro di non riconoscere questa identificazione? Se mi rivolgessi al sig. Luxuria al maschile volutamente e convintamente in quanto per me il gender non esiste e conta solo il sesso biologico… sto commettendo un reato?
  • Come mai dovrebbe essere possibile riconoscersi in un genere diverso dal proprio sesso biologico e non ritenersi più alti di quanto si è? O dichiarare un peso diverso da quello che si ha? Per esempio… se posso dirmi donna anche avendo cromosomi maschili, potrei dirmi vaccinato per il Covid anche non avendo gli anticorpi?
  • E a proposito di Covid… Ha notato che queste persone che vogliono difendere a tutti i costi la libertà di far ciò che si vuole con il proprio corpo (giustamente anche se fingono di ignorare ci spesso ci sia un bambino di mezzo) sono spesso gli stessi che vogliono inocularmi a forza – nel mio corpo – un vaccino?
  • Si dice di lasciare libera l’opinione a chi non accetta il gender. Ma che me ne faccio della libertà di opinione se non posso farla valere nei fatti, ad esempio valutando l’opportunità di avere un insegnante trans per mia figlia o licenziando un commesso del mio negozio se questi una bella mattina si presenta in tacchi alti e parrucca dichiarandomi che ha iniziato un percorso di transizione?
  • Parlare di omosessualità, transgender etc a scuola ovviamente costringe la scuola a parlare di educazione sessuale e già questo e’ sbagliato. Questa spetta ai genitori e in parte neanche a loro. C’è una parte di scoperta e conquista che va lasciata ai ragazzi… questa mania della sinistra di istituzionalizzare tutto, di categorizzare e di legiferare su tutto vuole sottrarre alle famiglie anche questi ambiti di influenza.
  • Nel libro 1984 di Orwell il protagonista veniva torturato fino a quando non diceva – anzi credeva con tutto se stesso – che due più due faceva cinque perché questo era quello che diceva lo Stato. Ecco: qui mi pare lo stesso. Qui sembra che se l’altro (con le spalle coperte dalla legge) mi dice che è donna io debba crederci anche se è palesemente uomo.

Be’…, la favola dei vestiti nuovi dell’imperatore la conosciamo. Forse basterebbe un po’ di spirito naïf per uscire dal pantano di questo politically correct.

Saluti e complimenti per Quarta Repubblica e la Zuppa.

Marcello Mazzilli, 19 maggio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
ancoraparli
ancoraparli
23 Maggio 2021 16:40

DDR ZAN:LE NUOVE LEGGI RAZZIALI
così quelli che minacciano e insultano la meloni e spirlì sono gli stessi che combattono omofobia,sessismo,fascismo..stiamo freschi!questi sono peggio dei fascisti,sono..comunisti!che odiano chi pensa con la sua testa.in realtà combattono chi non è di sinistra,ma siccome perseguitarti per questo(come 80anni fa chi non era ariano)oggi è complicato,lo fanno col politically correct,un minculpop 2.0 spacciato per una delirante sorta di”galateo sociale”inventato apposta per sbattere in galera chi non vi si conformi,perchè LORO hanno deciso che così è,anche se non vi pare.chapeau.Stasi is nothing.ma non ce la faranno

Giovanopoulos
21 Maggio 2021 12:49

Ineccepibile.
In un Paese decente, non dico civile, dico solo decente, il dibattito su queste fregnacce finirebbe qui.

Piercarlo
Piercarlo
21 Maggio 2021 9:08

Legge 14 aprile 1982 n 164 e sentenza n 221/2015 corte costituzionale regolano il cambio di genere in Italia. Il sig. Mazzini reclama il suo diritto di discriminare sul lavoro in base a orientamenti sessuali, ma tale diritto pare sfortunatamente non avere in base al decreto legislativo numero 216/2003. Nulla di tutto questo riguarda la legge Zan che colpisce chi incita ad esempio mandare ad esempio gli omosessuali alle camere a gas come faceva zio Adolf o al rogo come nel medioevo da cui il termine finocchio, la verdura specifica che si bruciava col malcapitato per indicarne il crimine. Chi si sente limitato da ciò fa bene a preoccuparsi.

mara
mara
20 Maggio 2021 15:20

a proposito del punto 2, giusto l’altro ieri ho letto commenti orrendi nei riguardi della neo-mamma Naomi Campbell, commenti pieni di odio e livore verso le donne di una “certa” età (come se fosse una squallida gara a chi ha il sistema riproduttivo più attivo) e verso le mamme per così dire attempate e volete sapere da chi arrivavano in certi casi? da gente con la foto profilo munita di slogan pro Zan
bravi complimenti, ottimo esempio di tolleranza

Corsaro Nero
Corsaro Nero
20 Maggio 2021 12:16

Oggi si vive sulla finzione che si vuol far passare per verità. La verità è una sola, la Natura ha fatto maschi e femmine per farli riprodurre . Punto e basta. Le creazioni di finti padri, finte madri, finti figli, finto sesso, finte libertà sono tutte alterazioni che ci vogliono imporre ma che non corrispondono al vero. Poi se uno decide chi vuol portarsi a letto libero di farlo ma che non si vengano ad imporre astrazioni che non corrispondono alla realtà. E soprattutto evitiamo la bestialità di voler condizionare le menti dei bambini creando loro solo confusione e smarrimento, lasciamoli crescere come Dio comanda……..

EGIDIO DERIU
EGIDIO DERIU
20 Maggio 2021 2:08

se passa il ddl zan l’indomani raccogliamo le firme per abrogarlo e poi per dispetto facciamo la stessa cosa per le unioni civili ;)

EGIDIO DERIU
EGIDIO DERIU
20 Maggio 2021 2:06

IL DDL ZAN vuole essere il cavallo di ***** per instaurare le teorie gender in italia,perchè di teorie si tratta ,e la cosa che mi da fastidio è che da tempo vogliono mettere le mani sull’educazione degli etero e dei loro figli,c’è la guida sull’educazione sessuale nelle scuole preparata dall’OMS EUROPA nella scheda 0/4 anni che deve essere poi una sorta di controllo su cosa provano sessualmente i bambini parla di masturbazione e i bimbi a chi prepara la scheda devono dire se trovano o no piacere nel toccarsi, poi c’è l’esplorazione vicendevole .http://www.famigliearcobaleno.org/userfiles/file/educazione

Vittorio
Vittorio
20 Maggio 2021 1:09

Politicamente corretto è un ossimoro