in ,

Caro Porro, ho 14 anni e le scrivo di… caos scuola

Dimensioni testo

Riportiamo, di seguito, alcune riflessioni di uno studente di liceo che ha voluto raccontarci perché i nuovi banchi di scuola che il ministro Azzolina vuole commissionare non funzioneranno mai nella quotidianità scolastica.

Caro Nicola Porro,

Ho 14 anni e sto per frequentare la seconda classe del liceo scientifico, la seguo sempre con interesse e le scrivo perché sono meravigliato dalla situazione riguardante le scuole italiane. La scuola è stata interrotta a febbraio e si è passati alla didattica a distanza, che in fin dei conti non è andata benissimo perché molti studenti hanno avuto problemi, sia per mancanza di strumenti, sia per la connessione a internet (che non tutti hanno di buon livello). L’ultimo mese di scuola si era proposto di tornare nelle classi, ma ciò non è avvenuto per mancanza di organizzazione, un vero e proprio flop. Passati 6 mesi dall’inizio del lockdown e 2 mesi dalla fine della scuola la signora ministra non ha neanche dichiarato quali protocolli dovremmo rispettare, in quali periodi della giornata si potrà andare a scuola, quante ore scolastiche si faranno alla settimana, a che ora si potrà entrare e a che ora si potrà uscire da scuola quotidianamente. In pratica non ha dichiarato niente e mancano meno di due mesi all’inizio della scuola.

Per non parlare del fatto che tutti gli studenti sono stati promossi, senza assegnare alcun debito (le chiedo se per lei è una cosa normale?!). Si è detto di voler sistemare le scuole dismesse, assegnare nuove cattedre, fare nuove assunzioni. Tutto questo in soli due mesi, una cosa fuori dal normale visto che sono lavori che richiedono anni! Da qualche giorno mi sono stancato di questa situazione incerta. Mancano ormai solo due mesi all’inizio della scuola e la ministra vuole istituire un bando gara per acquistare nuovi banchi scolastici, peccato che per la mancanza di tempo, sia tutto inutile. Ho anche sentito al telegiornale che le aziende italiane non parteciperanno alla gara, è forse un altro regalo alle aziende cinesi? Inoltre dopo aver assegnato come commissario per l’emergenza sanitaria il signor Arcuri, adesso lo assegnano pure a commissario per la scuola. Così il commissario ahimè dovrebbe procurarsi i test sierologici per tutto il personale scolastico (insegnati, dirigenza, personale ata), e visto i risultati ottenuti per le forniture sanitarie sono molto preoccupato.

La ministra ha dichiarato che a settembre tutti gli alunni saranno in classe, io sono felice, ma mi chiedo comunque in che modo saremo in classe. Per finire, le dichiarazioni affascinanti della ministra: “A scuola banchi moderni per recuperare spazio”. Le spiego perché è una delle più grandi idiozie che abbia mai sentito. Esempio: in una classe, per vedere quanti banchi ci potranno essere, bisogna dividere la metratura totale della classe per i metri quadri per studente, per garantire il distanziamento di 1 metro. Qualcuno dovrebbe spiegare alla ministra che il risultato in una classe è invariabile, perché le distanze tra le persone sono sempre quelle, i banchi sono distanziati allo stesso modo e quindi diminuire la grandezza dei banchi per ottimizzare spazio è completamente inutile!

Io sarei anche favorevole all’acquisto di nuovi banchi, purché siano funzionali. Quelli che si ipotizza di acquistare invece sono solo sedie di plastica con rotelle e un appoggio in plastica molto piccolo che è praticamente inutile. Il totale dei pezzi sarebbe 3,7 milioni e visto che costano 300 euro l’uno si spenderebbe 1,1 miliardo di euro, buttati. Come dice lei Nicola siamo proprio dei pazzi drogati (siamo alla follia pura). Se si potesse fare un preventivo forse all’Ikea costano molto meno. Inoltre questi nuovi banchi sembrano dei seggioloni per adulti, che saranno usati come autoscontri, e magari qualcuno attaccherà anche una batteria per far sì che diventi un monopattino ecosostenibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
66 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Agostine
Agostine
11 Settembre 2020 21:19

Caro Riccardo,
non sono una persona di molte parole ma tanto per dire la mia non condivido le idee innovative della ministra dell’istruzione. In un programma ho sentito per caso che lei accennava che questi banchi non li ha ordinati per l’emergenza Covid-19 bensi per una nuova didattica futura. Ora io posso capire questa risposta tuttavia mi chiedo quale nuova didattica futura? Forse lo sa solo lei. Inoltre lei ha detto che quei banchi a rotelle non saranno usati per tutte le didattiche e che per le altre saranno ancora usati i banchi usuali. Insomma un vero mistero.
Saluti

Erminio C.
1 Agosto 2020 23:42

Vedo che questo commento non lo avete ancora pubblicato. Desidero schiarire brevemente alcune cose poco conosciute sulla scuola Italiana. Grazie al CORNAvirus diabolico, “tra virgolette”, voi genitori avete potuto intravedere l’1% di cosa avviene nelle classi dei vostri figli. Si parla spesso di bullismo tra ragazzi ma viene nascosto e accettato da tutti il bullismo degl’insegnanti verso bambini e ragazzi anche delle scuole superiori. Perché succede questo? La colpa è di tutti nessuno escluso! La stragrande maggioranza degli insegnanti tratta gli allievi non come individui da rispettare, informare e insegnare il sapere critico nel migliore modo possibile. Moltissime volte li trattano come numeri e contenitori da riempire di nozioni veicolate come visus a pappagallo o con il copia e incolla. Oggi molti parlano e scrivono con il copia e incolla poiché non sanno esprimere un loro PENSIERO LIBERO DA INTERFERENZE ALTRUI. Si definiscono educatori e loro sono i peggiori maleducati e diseducatori. Sono la casta dei lavoratori Statali i quali in proporzione delle ore di lavoro effettivamente svolte sono i più pagati. È vergognoso! Guadagnano più di un vigile del fuoco il quale rischia quotidianamente la propria vita per salvare quella degli altri. Questa casta è stata ed è ancora incensata e protetta dalla sinistra perché è un bacino elettorale dei sinistri al potere da sempre in Italia. Tanto è… Leggi il resto »

Erminio C.
1 Agosto 2020 23:01

Desidero schiarire brevemente alcune cose poco conosciute sulla scuola Italiana. Grazie al CORNAvirus diabolico, “tra virgolette”, voi genitori avete potuto intravedere l’1% di cosa avviene nelle classi dei vostri figli. Si parla spesso di bullismo tra ragazzi ma viene nascosto e accettato da tutti il bullismo degl’insegnanti verso bambini e ragazzi anche delle scuole superiori. Perché succede questo? La colpa è di tutti nessuno escluso! La stragrande maggioranza degli insegnanti tratta gli allievi non come individui da rispettare, informare e insegnare il sapere critico nel migliore modo possibile. Moltissime volte li trattano come numeri e contenitori da riempire di nozioni veicolate come visus a pappagallo o con il copia e incolla. Oggi molti parlano e scrivono con il copia e incolla poiché non sanno esprimere un loro PENSIERO LIBERO DA INTERFERENZE ALTRUI. Si definiscono educatori e loro sono i peggiori maleducati e diseducatori. Sono la casta dei lavoratori Statali i quali in proporzione delle ore di lavoro effettivamente svolte sono i più pagati. È vergognoso! Guadagnano più di un vigile del fuoco il quale rischia quotidianamente la propria vita per salvare quella degli altri. Questa casta è stata ed è ancora incensata e protetta dalla sinistra perché è un bacino elettorale dei sinistri al potere da sempre in Italia. Tanto è vero che i governi di sinistra aumentano continuamente compensi… Leggi il resto »

Erminio C.
1 Agosto 2020 22:48

Solo un imbecille incompetente in sicurezza può incoscientemente voler mettere le rotelle ai banchi nelle scuole. Le rotelle ai banchi possono provocare infortuni agli studenti. Solo chi non ha rotelle al cervello poteva partorire questa idea strampalata e pericolosa. I tuttologi di ogni colore politico parlano anche di scuola e non conoscono la vera realtà che è nascosta da svariati decenni di D’ISTRUZIONE scolastica a tutti i livelli. Nemmeno i genitori degli alunni conoscono a fondo la qualità d’insegnamento che ricevono a scuola i loro figli. Probabilmente se ne sono resi conti con l’insegnamento a distanza fatto nel periodo della chiusura delle scuole. In tutte le scuole, dalle elementari alle università dovrebbero mettere per legge le telecamere nelle classi degli alunni. In questo modo i genitori, vedrebbero sia il comportamento dei loro figli e sia la preparazione degli insegnanti. Così i genitori si renderebbero veramente conto della loro effettiva preparazione a saper insegnare e trasmettere il sapere e il galateo che anch’essi ignorano.

andrea balzarotti
andrea balzarotti
1 Agosto 2020 12:26

Enrico Di Lorenzo dice di “andare tutti a Roma a cacciare….” Anche qualcun altro predicava ‘armiamoci e partite’… Lei appartiene alla generazione che non ha mai fatto un solo giorno di servizio militare obbligatorio, altrimenti -senza neppure aver frequentato alcun corso di Scuola di Guerra- saprebbe che si da battaglia solo quando si ha almeno la superiorità tattica… e comunque anche il buon senso dice che è stupido e inutile attaccare a sassate i carri armati …

Luca
Luca
1 Agosto 2020 11:38

Nelle fabbriche si lavora per 40 ore settimanali, perchè gli insegnanti insegnano per 16 ore settimanali?
Se facessero due turni sarebbero 32 ore (sempre meno delle fabbriche) e le classi sarebbero dimezzate (10 alunni anzichè 20) e non ci sarebbe bisogno di nuovi banchi e di assumere nuovi insegnanti, spese che verranno accollate ai veri lavoratori.

Enrico Di Lorenzo
Enrico Di Lorenzo
31 Luglio 2020 18:37

Ma cosa dovrà succedere ancora per far si che andiamo tutti a Roma a cacciare a fare una bella manifestazione per cacciare il governo?
Ah no è vero… dobbiamo andare in ferie…
In Italia ci meritiamo questa classe politica perchè nessuno si documenta più, non ci si interessa più alla politica.
Basta che non interrompano il campionato di calcio e le corse…

Cecilia
Cecilia
31 Luglio 2020 15:45

La Azzolina è il frutto dello sfascio totale della scuola italiana. I ragazzi escono dalla scuola con un diploma e una laurea che non hanno più alcun valore e producono, a loro volta, altre generazione di ignoranti ,presuntuosi e scansafatiche. Quando questi soggetti si trovano in posti di responsabilità, questi sono i risultati: scuola azzerata . spreco assurdo di denaro pubblico, idiozia imperante ormai in tutti i campi.