in ,

Caro Porro, ti racconto l’assurda multa a mio figlio minore

Dimensioni testo

Ciao Nicola,

condivido con te un’email che ho scritto al Sindaco di Genova Marco Bucci, a seguito di contravvenzione di euro 411 elevata a mio figlio minorenne:

Buongiorno Sindaco,

oggi sono molto amareggiata perché ho ricevuto a casa la contravvenzione di euro 411,00 notificata circa tre mesi fa a mio figlio (al tempo quindicenne) e alla sua amica di appena dodici anni e mezzo. I due malcapitati sono stati “acciuffati” in un posto relativamente isolato, dove si erano appartati, senza ahimè la mascherina a coprire naso e bocca, (nel Dpcm del 14/01/2021 è “permesso” non indossare la mascherina se non ci si trova in prossimità di altre persone). Loro hanno comunque sbagliato, non discuto su questo.

Uno dei due agenti della municipale, i quali oltre a non qualificarsi (quindi *andando contro il regolamento) e a non contattare i genitori dei minorenni (*), indossava la mascherina a naso scoperto, se così si può dire, (altra grave mancanza) e, come se non bastasse, si è accomiatato con un quanto mai fuori luogo: “State sereni!”

Se non sbaglio, più di una volta Lei stesso ha parlato del buon senso dei vigili urbani, descritti come persone che sanno giudicare chi si merita davvero una multa così pesante e chi invece una educativa “tirata di orecchi”. Come al solito si cade nel retorico: “a pagare sono sempre gli stessi”, strizzati fino all’osso. Naturalmente, non ci si cura minimamente se siano fasce di lavoratori penalizzate da questa situazione.

Io sono una delle poche genovesi Doc (razza ormai in via d’estinzione) su questo territorio.

Domani, con la puntualità e la fierezza di un vero genovese, andrò a pagare questa, a mio avviso, ingiusta multa (non posso permettermi il lusso di rischiare un ricorso), con l’amaro in bocca di chi non riesce a digerire questi bocconi avvelenati.

Io ho sempre tifato per Lei (e lo faccio tuttora), ma La invito a riflettere.

Stefania, 17 marzo 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
116 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
A.L.
A.L.
21 Marzo 2021 20:54

Si trovano anche poliziotti in borghese, a controllare l’imbavagliamento. E’ il colmo… ma così è. Stiano attenti, in divisa o meno, armati o meno, intimidatori o meno (non dubito che siano a volte anche gentili e cortesi) a redarguire magari adombrando chissà quali conseguenze, o addirittura a multare per cifre che per la maggior parte delle famiglie sono una grossa fetta di stipendio, dei minori, bambini, ragazzi. La signora è stata (pur nell’ingiustizia subita) fortunata così come i genitori dell’altra ragazzina: i figli sono tornati a casa e hanno riferito pacatamente ai genitori. Per molto meno una bambina o ragazzina di dodici anni e un ragazzino o ragazzo di quindici potrebbero scappare di casa o fare anche peggio. Chi ci governa, chi ci comanda, chi decide sulla nostra vita, chi dà la priorità alla salute perfetta piuttosto che ad una vita accettabile (salvo però nicchiare ancora sulle terapie domiciliari criminalmente ostacolate finora), chi ci porta economicamente e socialmente alla rovina, e i diligenti esecutori di ordini, lo sanno che i minori si suicidavano anche prima e tanto, e che adesso il rischio e con ogni probabilità la concretezza di questi drammi sono pure aumentati? Uno dei tanti (ma sempre troppo pochi) links disponibili sull’argomento: https://www.vanityfair.it/lifestyle/bambini/2021/03/16/covid-19-quali-sono-gli-effetti-collaterali-sul-cervello-di-bambini-e-ragazzi Bambini e ragazzi, in gran parte precoci per più cose negative che positive, hanno, sempre… Leggi il resto »

I
I
20 Marzo 2021 14:44

Io suggerisco alla signora di non pagare e fare opposizione. Il DPCM è illegittimo in quanto un atto amministrativo non può limitare un diritto sancito dalla Costituzione. Neppure in ragione della Sanità visto che le prescrizioni sono generiche. Nel comminare la sanzione è quindi stato commesso un abuso di potere(reato) … poi nel caso si parla di minori e qui altro ci sarebbe da dire …

Maurizio
Maurizio
19 Marzo 2021 14:55

Le multe prese dai figli minorenni non sempre vanno pagate, quindi consiglierei alla signora di informarsi prima di procedere. La norma stabilisce che “.. risponderà chi era tenuto alla sorveglianza dell’incapace, salvo che provi di non aver potuto impedire il fatto”. Cordiali saluti.

Stefano Colombo
Stefano Colombo
19 Marzo 2021 13:31

Le multe devono essere notificate subito. Non c’è motivo di mandarle per posta in quanto i due fermati hanno dato le loro generalità spontaneamente. Faccia ricorso al prefetto competente e la multa verrà annullata.

Gianni
Gianni
19 Marzo 2021 11:57

Anche per i minorenni sono previste multe e sanzioni. Quindi la parola “minorenne” messa qui per impietosire gli animi non funziona.
Esiste anche un tribunale per i minori.
Magari i figlioli in questione hanno raccontato alla signora solo mezza verità.

Roberto
Roberto
19 Marzo 2021 7:28

Sono perfettamente d’accordo

OBG
OBG
19 Marzo 2021 7:14

La polizia urbana ha esagerato, agisce così e non hanno avuto nemmeno il buon senso di contattare i genitori dei minori. Detto questo, signora, mi chiederei anche cosa ci faccia una bambina di 12 anni appartata…. Quindi al tempo di quasi 12 anni?!? Io i genitori della bambina li avrei chiamati anche x questo sinceramente. Bah.

Mac
Mac
19 Marzo 2021 6:59

Il buon senso non fa parte di certe persone in divisa, che siano vigili urbani o carabinieri o altro. Taluni la sfrontatezza lì distingue dalle brave persone solo perché hanno una qualifica ed un tesserino. Spesso, anzi sempre, si dimenticano di essere stipendiati da Noi comuni mortali e spesso dimenticano i problemi veri di sicurezza e rispetto di altre più importanti regole. È più facile fermare e multare dei ragazzini o persone Italiane che si, sbagliano, ma che magari una 400 € di contravvenzione pesa alla fine del mese e soprattutto in questi tempi e che aimè, spesso sono sprovvedute, che rischiare la propria incolumità. No! Non è così che si agisce o si opera. Che si mettano la mano sulla coscienza certi elementi e che certi sindaci e politici riflettano su certi provvedimenti.