Carola RacKete, l’apoteosi dei cliché di sinistra

Condividi questo articolo


Carola Rackete, la capitana della nave Ong Sea Watch, è la «donna di Vitruvio» perfettamente inscritta nel cerchio del politicamente corretto, la incarnazione della cultura dominante in questa epoca. Vediamo quali sono le sue caratteristiche, prelevando le sue parole dall’intervista rilasciata ieri a la Repubblica.

1. Apolide e senza radici. Non si sente tedesca, al massimo europea. Ci vorrebbe più Europa. Non c’è un luogo che chiamerebbe «casa».

2. Cosmopolita e senza confini. L’altra faccia della medaglia. Quella che spinge a ritenere giusto, anzi doveroso, non rispettare la legge di uno Stato sovrano. Secondo Rackete, «talvolta servono azioni di disobbedienza civile per affermare diritti umani e portare leggi sbagliate davanti a un giudice». Secondo altri, quelle azioni sono un reato. I confini non hanno alcun senso per una cosmopolita. E qui forse c’è una contraddizione: la Sea Watch, che trasporta manodopera a basso costo, non è proprio uno strumento della globalizzazione liberista che Carola Rackete vorrebbe sabotare?

3. Ambientalista. Ammiratrice di Greta, fa parte del gruppo Extinction Rebellion «che lotta contro i cambiamenti climatici». Non prende l’aereo: «Sono andata in Cina in treno».

4. Diritti umani. La destra «radicale e sovranista» viola i diritti umani. Nella destra radicale, la Capitana include tutto ciò che non è sinistra, da Matteo Salvini ai neonazisti della Sassonia. Fior di filosofi insegnano che la politica dei diritti umani ha i suoi limiti e i suoi rischi. Niente. Basta dire «diritti umani» per far diventare tutto buono e giusto.

5. Immigrazionista. Tutti i migranti devono sbarcare in Europa. È loro diritto: «Anche chi scappa dalla fame e dalla mancanza di opportunità ha diritto a un futuro». Una buona percentuale di migranti appartiene a quella che potrebbe e dovrebbe essere la classe media africana: non sarà un problema anche per i Paesi di partenza?

6. Atea. Nulla di strano, nell’età della secolarizzazione.

7. Intellettuale. Ci tiene a sottolineare di provenire da «un ambiente accademico» e di avere «amici in molte università». Carola Rackete non ha una opinione fuori posto. Se non esistesse, le Ong dovrebbero inventare una Capitana Rackete, uguale a questa.

Alessandro Gnocchi, 7 luglio 2019


Condividi questo articolo


4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Non prende l’aereo perché inquinante , il treno no? in quale film il treno non inquina? la sua nave acchiappa migranti ( acchiappa bischeri direbbe un toscano e con ragione) come naviga? a forza d’amore ? remano tutti? ma per favore! a piedi devi viaggiare e anche navigare con i remi cretina!!!

  2. Non prende l’aereo perché inquinante , il treno no? in quale film il treno non inquina? la sua nave acchiappa migranti ( acchiappa bischeri direbbe un toscano e con ragione) come naviga? a forza d’amore ? remano tutti? ma per favore! a piedi devi viaggiare e anche navigare con i remi cretina!!!

  3. C’è da vergognarsi a dire sono italiana.Uno stato,dove si è DEMOCRATICAMENTE votato ,che vede ribaltate le sue leggi da stranieri strafottenti,da giudici che vanno contro il volere dello stato e del POPOLO ,da politicanti che lasciano invadere l’Italia pur di non lasciarla governare da chi è stato votato per farlo, da pseudo giornalisti italiani e stranieri che tradiscono la verità.Questi signori,pur di raggiungere il loro scopo(Come nel 2011)ci fanno deridere da tutto il mondo.Tutto questo mi fa sempre più SCHIFO.

  4. Carla Racchietta rientra nella nutrita categoria di quei radical-scif che una volta giocavano alla rivoluzione e che ora giocano alla disobbedienza incivile e giudiziariamente assistita. Da grandi qesti squallidi figuri ce li ritroveremo nella politica, nella magistratura, nel giornalismo o, comunque, nella classe dirigente europea, magari su posizioni di centrodestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *