Che vergogna il Carnevale antisemita!

Condividi questo articolo


Che nei secoli passati ci sia stata la caccia all’ebreo durante il Carnevale è cosa risaputa anche se  nelle scuole e nella tradizione popolare, si è sempre preferito raccontare le caratteristiche delle varie maschere regionali anziché illustrare le malvagità che, con la scusa che a carnevale tutto potesse essere permesso, sono state sistematicamente portate a termine nei confronti delle comunità ebraiche.

Per esempio quando nel 1466 il Papa Paolo II Barbo fissò gli spazi e il calendario del Carnevale, stabilì anche delle corse che vedevano impegnati ebrei, giovani, vecchi, asini, bufali e cavalli su una via centrale della città, all’epoca denominata via Lata, che, proprio in funzione di queste corse sarà in seguito rinominata Via del Corso. Erano proprio le corse di giudei, durante le quali il pubblico lanciava di tutto, da uova marce a bottiglie piene di urina, che aprivano i ‘festeggiamenti’ del carnevale romano. Corse che, per sommare alla beffa il danno, erano finanziate proprio con il denaro di una tassa particolare imposta solo agli ebrei.

Ma non era tutto perché di tradizioni carnevalesche riguardanti gli ebrei ce n’erano diverse come ad esempio le ‘giudiate’, cioè rappresentazioni farsesche ambulanti su carri trainati da buoi, durante le quali venivano messe in scena delle parodie che prendevano di mira gli ebrei e i loro costumi. Si potrebbe pensare che tutto ciò è accaduto durante secoli bui dove la parola rispetto non aveva alcun senso, si potrebbe pensare che si tratti di fatti accaduti e relegati ai libri di storia e che oggi cose del genere non sarebbero neanche immaginabili.

Niente di più sbagliato. Sì, sbagliato, perché cose simili, se non peggiori, sono accadute nei giorni scorsi, Carnevale del 2020, sia in Belgio che in Spagna.

Simili perché nei carri allegorici del carnevale di Aalst, città belga situata nella provincia delle Fiandre Orientali, gli ebrei sono stati beffeggiati in maniera molto pesante, e per farlo gli organizzatori hanno usato i peggiori stereotipi dell’antisemitismo. Le figure sui carri che sono sfilati per il centro della città erano del tutto simili alle immagini dei peggiori giornali antisemiti del periodo fascista e nazista come il Der Stürmer tedesco o La difesa della razza italiano.

Sono due anni di seguito, era successo anche nel 2019, che il Carnevale di Aalst, ritorna su temi antisemiti, ormai è certo che l’odio antiebraico avveleni il sangue degli organizzatori dell’evento che, non soddisfatti, si sono ripetuti trasformando il Carnevale cittadino in un qualcosa di così disgustoso che rimane oggettivamente difficile qualificare.

Dal 2010 al 2019 il Carnevale di Aalst è stato patrimonio dell’Unesco, cosa poi annullata visto il chiaro stampo antisemita della manifestazione, ma, nonostante la perdita di uno sponsor importante come l’organizzazione dell’Onu, gli organizzatori hanno continuato con la loro linea: prendere pesantemente in giro gli ebrei sconfinando nel più puro e becero antisemitismo che per loro, evidentemente, è l’obbiettivo più importante.

Meglio dei belgi, si fa per dire, hanno fatto gli spagnoli. Nel corteo di Carnevale di Campo de Criptana, un piccolo comune poco lontano da Madrid, sono stati fatti sfilare figuranti vestiti da nazisti e da prigionieri dei campi di sterminio accompagnati da un carro sul quale era esposto un candelabro ebraico, uno dei simboli più importanti dell’ebraismo e anche stemma ufficiale dello Stato di Israele, tra due forni crematori di cartapesta.

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

Una volgarità e una mancanza di rispetto per le vittime della Shoah che, oltre a provocare le reazioni del Museo di Auschwitz e dell’Ambasciata israeliana a Madrid, ha portato il Ministro degli Esteri spagnolo Arancha González, a dichiarare su Twitter di essere rimasta inorridita dall’ennesima forma di banalizzazione dello sterminio perpetrato dai nazisti sul popolo ebraico.

La risposta, le spiegazioni e le scuse degli organizzatori di questa sfilata, sono state un ridicolo tentativo di scalare una parete di ghiaccio a mani nude, perché il loro intento era quello di mettere alla berlina una religione e un popolo intero colpendolo proprio sulla pagina più dolorosa della sua storia.

Perché toccare la Shoah senza il dovuto rispetto per sei milioni di persone, un milione cinquecentomila delle quali erano bambini, gasati, torturati, usati come cavie, stuprati nel corpo e nell’anima e poi bruciati nei crematori come rifiuti, oltre ad essere inaccettabile, almeno per coloro che nel petto hanno un pezzo di cuore e non una semplice pompa, qualifica in pieno tutti quelli che hanno ideato, organizzato e partecipato a questo scempio.

Noi ebrei lo sappiamo bene, perché lo abbiamo imparato sulla nostra carne e sul nostro sangue, che l’antisemitismo non è un nostro problema ma un grosso handicap degli antisemiti, molti dei quali, la maggioranza, odiano gli ebrei senza averne neanche un vero motivo. Da secoli odiano in maniera ancestrale, senza un vero perché, solo per sentito dire, e questo dà la misura di quanto sia basso il quoziente di intelligenza di questi soggetti.

Alle loro spalle però non può non esserci una cabina di regia che muove i fili di un macabro teatro di stolti burattini, una cabina di regia guidata, quella sì, da antisemiti intelligenti che hanno un ritorno dal loro odio, cabina di regia che da anni fa di tutto per attaccare gli ebrei e screditare l’unico Stato Ebraico del mondo, l’unica democrazia mediorientale.

Questi antisemiti intelligenti, sia a destra che a sinistra, litigano su tutto ma hanno il loro unico punto e momento di incontro solo quando devono compiere azioni gli ebrei o contro Israele. Li vediamo e li abbiamo visti all’opera anche, e soprattutto, nell’ambito delle grandi Organizzazioni Internazionali a cominciare dall’ONU, che ormai schiava del blocco islamico ogni anno sforna decine di risoluzioni contro Israele.

La stessa Onu che si dimentica di tutte le porcate che i peggiori regimi dittatoriali compiono liberamente sotto gli occhi distratti degli ispettori che vanno a spasso a bordo di bellissime automobili bianche con l’inutile simbolo UN dipinto sulle porte. Che dire poi della stessa Unesco, già citata in quest’articolo, che ha avuto la faccia tosta di considerare la spianata del tempio di Salomone, Re di Israele, e lo stesso Muro Occidentale, il luogo più sacro dell’ebraismo, sito unicamente islamico.

Per finire non è da meno l’Unione europea, sempre pronta a condannare Israele anche per la più piccola cosa, ma che non ha mai avuto le palle, ad esempio, per protestare contro le esecuzioni su pubblica piazza che in Iran continuano ad essere eseguite come una catena di montaggio.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


30 Commenti

Scrivi un commento
  1. https://www.maurizioblondet.it/carnevale-antisemita-in-europa-intollerabile/

    Ho scelto di postare codesto articolo di un autore verso cui nn nutro alcuna stima,ma che in codesto blog è preso molte volta come un “pensatore libero”.

    Cosa ci dice il Blondet?

    Esso ci dice che dietro a codeste prese in giro di scempi della nostra storia recente(fatti che definire crimimali appare riduttivo)coinvolgenti gli ebrei ci siano propio loro,gli ebrei.

    A sua pezza d’appoggio elenca una serie di azioni che i leader delle comunità ebraiche europee stanno mettendo in atto,di fatto chiedendo che Israele come entità statuale entri in gioco in altre entità statuali con il “cavallo di *****” dell’antisemitismo.

    Io sono più propenso a credere,dal momento che in Belgio(in Spagna nn ho avuto riscontri)a seguito del tal corteo antisemita c’era un senatore nazionalista,che sia una “provaccia” per sondare come tira l’aria.

    Un po come quando Salvini dopo aver testato gli “itagliani” con pose ducesche e felpe di casa Pound,dopo aver visto che anche trattando come merce avariata(perché la merce vera si guarda bene dell’embargarla)degli esseri umani lasciati a frollare nei nostri mari agostani,ha chiesto i “pieni poteri” convinto che i tempi erano maturi.

    Ed in effetti,se nn fosse stato per l’unico vero Politico rimastoci in Italia e che conosce le nostre vere radici che nn sono le ampolle degli dei farlocchi,ma il Rinascimento,per tutti(pd compreso) lo stesso ad ora era appieno nei suoi poteri.

    Però io lascierei la dicotomia antisionista-antisemita,perché distingue gli esseri umani dai loro epigoni malvagi.

  2. L’articolo è piuttosto condivisibile. Peraltro gli ebrei sono i primi a capire l’importanza delle identità, delle differenze, delle specificità, e fanno bene a lottare con tutte le loro forze per questa preservazione. Anche Israele, come nazione intendo, non può fare altro di diverso da quello che sta facendo. Chi pensa di sbeffeggiare gli ebrei in quel modo becero fa solo intravedere la propria frustrazione, tipica del fascio-comunista, tipica di chi ha bisogno dello Stato forte perché non ha abbastanza personalità. Dagli ebrei, che non sono tutti come Lerner, dobbiamo imparare molto.

  3. Caro Sfaradi. La campagna contro l’odio dei buonisti è capeggiata e si affianca a quella della Chiesa Cattolica e delle ONG per l’apertura dei porti a chiunque arrivi dall’AFRICA, senza limiti e senza scuse, vede molti ebrei in  prima fila. Come mai?? Non crede che in questo qualcuno possa vederci una punizione per il popolo italiano per le colpe del fascismo?? E’ una punizione terribile che prevede la perdita della nostra identità, della nostra libertà, della nostra tranquillità. Vi rendete conto che chi tra gli ebrei spinge in questa direzione può facilmente essere interpretato come un punitore delle colpe degli italiani da lavare con la loro sottomissione a gente straniera che forse anche ci odia o ama solo le nostre donne?

    • Mi auguro sinceramente che non sia come dice lei: prendersela generalizzando con tutti i figli per le colpe di alcuni padri sarebbe peggio di fascismo e nazismo. Diciamo più semplicemente che, stando a sinistra e cavalcando l’islamizzazione dell’Occidente, mentendo nel decantare la bontà dell’integrazione tra culture diverse (infatti per loro stessi e le loro comunità non ne vogliono sapere), si fa carriera e si va in TV.

      • Ma la domanda resta. Perché lo fanno? Sono loro e si sono accaniti. Come mai. Me lo sa spiegare lei? Inoltre c’è l’obbligo di credere per Legge all’Olocausto. Che senso ha far credere una cosa per Legge? Una volta, nella Roma antica, c’era l’obbligo di credere nella “Divinità” dell’Imperatore e lo scopo era di far capire chi comandava.

  4. “Vili, infami, non ci appestate”

    Caro Sfaradi, queste sue espressioni sono manifestazione di ODIO, odio giustificato e giusto ma non per questo non trattasi di odio. Io sono “terrun” e ho subito la ripulsa di quanti ci odiano e mi hanno odiato. Arrivarono anche a cercare di uccidermi, quando ero bambino, usando come arma un altro bambino Ho avuto tanti amici ebrei anche se solo in seguito e per caso ho saputo che erano ebrei. Ho stima per molti ebrei di cui apprezzo l’intelligenza e misura ( Direttore Mieli) o altri come Lutward) che hanno le miei stesse idee politiche e spero quindi di non essere frainteso quando dico che L’odio, quando è ben speso e usato contro si comporta in modo odioso, è un sentimento nobile che funziona da medicina contro quelli che praticano azioni odiose.

    Come la mettiamo con la campagna  di tanti, tra cui la Senatrice Segre contro gli odiatori?

  5. Caro Sig. Sfaradi, se devo dirla tutta voi ebrei non mi piacete più di tanto. Siete pure voi razzisti, soprattutto le comunità più “integraliste”, mi scappa da ridere quando accusate di razzismo gli altri, e decisamente troppo ondivaghi. Non mi riferisco a Lei in particolare ma certo fa specie vedere la lista della Dureghello, Uniti per Israele o qualcosa di simile, boicottare la nomina della Nirestein, perché di destra (Forza Italia, che rappresenta più un socialismo edulcorato che non un partito liberale e non certo destra estrema), e andare a braccetto con le sinistre che si accompagnano ad Hamas e difendono tutte le intemperanze e gli estremismi dell’Islam che vorrebbero Israele cancellata dalle carte geografiche. O che dire di Fiano che chiede un DL contro ogni cimelio del ventennio per poi piagnucolare perché l’ANPI non vuole la Brigata Ebraica nella sfilata del 25 Aprile ma accoglie a braccia aperte la brigata palestinese, che con la liberazione non ha nulla a che fare e applaude per ogni missile lanciato sui civili israeliani.

    Quelle stesse sinistre che usano i fantasmi del passato solo per convenienza politica, per demonizzare le destre e i “presunti” populisti e sovranisti (vedi caso Segre), ma alle quali di voi non ne frega una mazza e molto più interessate ai fiumi di denaro che i Paesi islamici del golfo possono garantire, in cambio di moschee e di sharia più o meno applicata in tante città e periferie europee.

    Le ipocrisie di ONU, Unesco e compagnia bella sono note, pure loro asservite ai petroldollari che scorrono a fiumi, ma siete voi ebrei, tutti insieme, che dovete prendere una posizione univoca, una volta per tutte, dimenticando gli estemporanei interessi di bottega dell’oggi. Se la Shoah dovesse ritornare, sa meglio di me che arriverà dall’Islam con la complicità delle sinistre che ne stanno aumentando a dismisura il potere.

      • Non lo metto in dubbio, e le mie idee possono pure non essere condivisibili ma, almeno, non sono ipocrita.

        E, ribadisco, sa perfettamente che l’antisemitismo non arriva né da Salvini né dalla Meloni, ma da ben altra parte politica. La sua incolumità personale è a rischio per chi vota Lega o Fratelli d’Italia o per le migliaia di clandestini, musulmani integralisti, a spasso per l’Italia? O per gli eroi dei Centri Sociali e antagonisti vari? La Brigata Ebraica, il 25 aprile, ha dovuto essere scortata dal servizio d’ordine per paura dei leghisti o dei sinistrati? Si può andare avanti per ore ma, anche con parole sue, e visto che scrive su questo sito, mi spieghi il boicottaggio di Fiamma Nirestein da parte della Dureghello, perché di destra? Forza Italia sarebbe fascista e antisemita? Porro idem? E allora cosa ci fa qui? Me lo spieghi, sono proprio curioso 🙂

    • A proprosito di ONU, FAO; UNICEF…. e via rubando !

      Su quello che succede, sui FATTI VERI, leggete il libro di Bat Ye’ Or ( Eurabia, verso il califfato universale). E’ dirimente, anche per i duri di comprendonio

  6. Gentile sig. Sfaradi, capisco e condivido la sua indignazione, ma temo che sia inutile. Persino su questo forum liberale scorrono a fiumi manifestazioni di becero antisemitismo ben piu’ gravi dei penosi “scherzi” di carnevale che, al massimo, suscitano qualche stupida risata: il guaio e’ che Politici, Professori, giornalisti, “esperti” dalle televisioni e dai socials diffondono l’ antisemitismo in maniera scientifica, falsificando la storia, trasformando le vittime in carnefici, negando il diritto degli Ebrei ad avere il proprio Stato per difendersi da un nuovo Olocausto e schierandosi dalla parte dei terroristi arabi. Miserabili! non sanno che, una volta regolati i conti con gli Ebrei, la stessa sorte toccherebbe a loro, cani infedeli. Ma sono convinto che pur di salvare la pelle, si “convertirebbero” in quattro e quattr’ otto…..ricorda? solo 11 professori universitari rifiutarono il giuramento al fascismo e persero il posto,….e quanti si schierarono col comunismo per trarne vantaggio! Squallida la storia degli intellettuali italiani e non solo….Mi piacerebbe che almeno uno provasse a dirci qual’ e’ stato il contributo dei maomettani allo sviluppo della nostra Civilta’.Ma nessuno ci prova perche’ non ce n’ e’ stato alcuno.

    Per questo, anche se non vale nulla, rinnovo la mia solidarieta’ e gratitudine al vostro Popolo che, in M.O. tiene alta la bandiera della liberta’ e della democrazia, uomini e donne che con la vanga in una mano e il fucile nell’ altra, difendono strenuamente il loro pezzetto di terra, strappato al deserto e bagnato con sudore e sangue.

    • Una sola cosa non condivido nel suo ragionamento ed è quella di affermare che non ci sia stato nessun contributo dei maomettani al progresso della civiltà.

      L’elenco dei loro contributi è molto lungo e non glielo farò. Dovrebbe però informarsi.

  7. Come mai molti ebri sponsorizzano l’invasione dell’Italia da parte di falsi immigrati? Gad Lerner, De Benedetti, e, scommetto, Saviano e tanti altri. Non so perché tanti commettono l’errore di prendersela con TUTTI gli ebrei ma è criticabile chi tra loro fa cose che ci danneggiano?

  8. “… oltre ad essere degli infami sono anche dei vili… Vorrei vedere il loro coraggio nell’usare lo stesso metro nei confronti dell’Islam perché in quel caso, ne sono certo, oltre ad avere guerriglia in strada con i carri dati alle fiamme, rischierebbero seriamente di passare il resto delle loro inutili vite sotto scorta.” SONO D’ACCORDISSIMO!

  9. E’ una vera vergogna!! Avevo già avuto notizia di questi due carnevali orribili, e ho protestato. Ma il discorso più grave, e più ampio. è sulla parzialità, viltà e impotenza morale dell’Unione Europea. Ricordiamoci che l’UE nacque, a suo tempo, non solo per dare impulso a un’economia uscita da poco dalla guerra, ma soprattutto per un impulso alla pace, alla giustizia, alla crescita della convivenza tra popoli diversi ma uguali nei loro valori. Cosa è l’UE oggi? Si ricordano dell'”uguaglianza” solo per imporre una accettazione di chi decide di vivere in Europa ma non ne condivide i valori di fondo; si atteggiano a attori imparziali della politica mondiale quando invece non solo sono parzialissimi, ma si schierano sempre e soltanto dalla parte dei peggiori, i più arroganti detrattori dei diritti umani e civili! E non sono neanche in grado di imporre, o almeno richiedere con forza alle Autorità centrali dei rispettivi Paesi la sospensione di queste due incivili manifestazioni di bieca discriminazione e dileggio. E’ una vergogna, e non è l’Europa che voglio!

  10. I monoteismi totalitari sono la causa di tutte le persecuzioni razziali, solo il politeismo garantisce libertà di espressione e tutela delle minoranze.

    Che gli Dei mi siano testimoni:

    Roma ed il suo impero accettava qualsiasi religione, qualsiasi etnia, qualsiasi pensiero. Solo i cristiani non vollero accettare la libera convivenza e provocarono la disfatta di una civiltà che si riprese solo con l’arrivo dei saraceni.

    Lode al popolo ebraico, che tra i tanti elohim ne scelse uno , Yahwe, come solo ed unico dio, ma solo per loro senza avere l’arroganza di imporlo ad altri.

    Lode ai martiri di Masada, eroici combattenti per la loro libertà di culto nella loro terra.

    Che la triade capitolina possa un giorno ritornare e ripristinare l’ordine e l’armonia della società.

    Oh Giove

    Oh Giunone

    Oh Minerva

    che possiate riappacificare i vostri figli così turbati dalle ideologie globalizzanti dei monoteismo totalitari.

    • > I monoteismi totalitari sono la causa di tutte le persecuzioni razziali, solo il politeismo garantisce libertà di espressione e tutela delle minoranze.

      Anche se è ironico, c’è prova storica che non funziona. Si guardi un po’ che cosa ha combinato il Giappone quando fece lo Shinto religione di Stato.

    • mi perdoni, generale. Ma io dissento totalmente sul sul suo ” i monoteismi totalitari sono la causa di tutte le persecuzioni razziali”

      A lei risulta che i cristiani mettano bombe nelle moschee o sgozzino per le strade gli infedeli ? Si, qualche pazzo c’e’ anche tra noi (brigatisti, compagni che sbagliano…) ma di qui a dire che il cristianesimo – oggi, al 21mo secolo – inciti al massacro degli islamici, scusi, io non lo ho sentito

  11. ricordiamo lo sterminio dei duosiciliani ad opera dei piemontesi, accusati di essere inferiori da uno pseudo scienziato di nome Lombroso che misurava teschi.

    Le radici dell’antisemitismo affondano nella più becera cultura monoteista cristiana:

    “Nel giorno del Capodanno ebraico, 9 settembre 1553, tutte le copie del Talmud nelle principali città d’Italia, nelle tipografie di Venezia, e perfino nella lontana isola di Candia (Creta)), furono bruciate….

    Il successore di Marcello,Paolo IV, confermò tutte le bolle contro gli ebrei emesse fino a quel momento e aggiunse altre misure più oppressive, che contenevano una serie di divieti gettando gli Ebrei nella miseria più nera, privandoli dei mezzi di sostentamento e negando loro l’esercizio di tutte le professioni….”

    Il resto lo leggete su wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_degli_ebrei_in_Italia#Espulsione_dagli_Stati_Pontifici

    • ti sei perso Giovanni XXIII ,Giovanni Paolo II ecc e quella dei cristiani che non vollero accettare la libera convivenza non l’ avevo mai sentita, ma qui gira di tutto

      • rievocare adesso quella Chiesa che incitava ad ammazzare gli ebrei perchè a loro volta avevano ammazzato Cristo, è roba da matti….lascia perdere Lucia, non vale la pena rispondere.

        • e questo papa, da che parte sta?

          a noi patrioti risulta che tifa islam, quello stesso islam che vuole conquistare sia il Vaticano che il sacro tempio di Gerusalemme.

          Gli Dei si opporranno con tutte le loro forze.

          Brahma, Shiva, Visnù

          Zeus, Ares, Atena

          Iside, Osiride, Horus

          Odino, Thor, Freyr

          le nostre armate di Titani sono infinite e sconfinate

          Tremate, monoteisti globalisti

          Il vostro unico dio sarà reso innoffensivo dalle mille braccia di Kalì.

    • Credo che Lei dimentichi, ad esempio, i numerosi vescovi che durante le crociate (si’, le crociate) protessero gli ebrei contro le manifestazioni “di piazza”, per cosi’ dire.

      Le piace fare cherrypicking, ma le cose non stanno esattamente cosi’.

  12. @ Sfaradi leggo sempre volentieri i suoi articoli dove chiaranente ci fa capire dove veramente sta l’ antisemitismo: non sapevo di codesti episodi di carnevale e resto inorridita ma non stupita dal comportamento della nostra Europa, per non parlare dell’onu su cui è bene stendere un velo pietoso. La mia solidarietà per le offese indirizzate alla memoria della sua gente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *