Con il decreto Rilancio ci picconano la casa

Condividi questo articolo


Lunedì l’aula della Camera dei deputati è chiamata ad esaminare un decreto-legge, nominalmente ispirato al “rilancio”, che contiene due norme non solo gravemente lesive del diritto di proprietà, ma anche portatrici di effetti disastrosi per il settore immobiliare, un comparto dell’economia bisognoso – invece – proprio di impulsi positivi.

La prima è il cosiddetto blocco degli sfratti. Si prevede la sospensione di tutte le procedure esecutive di rilascio fino al 31 dicembre 2020, dopo che il decreto “Cura Italia” l’aveva prevista dapprima fino al 30 giugno e poi, in sede di conversione, fino all’1° settembre. Sono interessati tutti gli affitti, abitativi e non abitativi, e tutte le procedure, sia per morosità sia per finita locazione. Attraverso un semplice comma, in pratica, si annullano gli effetti di sentenze emesse dai giudici di tutta Italia a tutela di centinaia di migliaia di cittadini che attendevano di rientrare in possesso del proprio immobile.

L’intento, deve presumersi, era quello di salvaguardare gli inquilini in relazione all’emergenza Covid. Ma gli sfratti bloccati – beffa che si aggiunge al danno – riguardano essenzialmente situazioni giunte a sentenza quando il nuovo Coronavirus non esisteva neppure in Cina. Negli ultimi mesi, infatti, l’attività giudiziaria è stata pressoché ferma, e anche qualora qualche proprietario avesse tentato di portare avanti azioni di sfratto, dubitiamo che un qualsiasi giudice lo avrebbe assecondato. Bersaglio mancato, dunque, a danno dei proprietari che attendevano da anni di riavere il proprio immobile, finito magari nelle mani di uno dei tanti “morosi professionali”, che fanno vite lussuose ma l’affitto non lo pagano (Confedilizia sta ricevendo decine di segnalazioni di questi casi). E che ora brindano all’emendamento Leu, Pd, M5S (Italia Viva, almeno, non lo ha firmato).

In ogni caso, è l’approccio scelto ad essere inaccettabile. Se il Governo e il Parlamento ritengono che vada tutelata l’esigenza di una categoria di cittadini, devono disporre che se ne faccia carico la collettività, non già imporre ad un’altra categoria di cittadini di farlo, a proprie spese e senza alcuna forma di risarcimento. Del tutto fuori luogo, poi, è un intervento così generalizzato, che non viene neppure condizionato, come invece fatto per altre misure varate in questo periodo, alla circostanza di aver subito danni dal Covid. Ad usufruire del blocco, quindi, sarà anche un dipendente statale con il suo stipendio garantito, che sarà “assistito” – su imposizione della maggioranza parlamentare – da un proprietario che potrebbe avere il canone di locazione quale unica entrata, e quindi non avere letteralmente di che mangiare.

Ma chi legifera in questo modo, è evidente, si disinteressa delle condizioni in cui può trovarsi il proprietario-locatore. Il quale può aver perso il lavoro, trovarsi in cassa integrazione, essere una partita Iva in crisi, dover sostenere un mutuo, avere in corso costosi interventi di ristrutturazione. E il 16 giugno scorso, sull’immobile che gli viene di fatto espropriato, ha dovuto anche pagare (se ha trovato i soldi) la prima rata dell’Imu, la patrimoniale sugli immobili, per la quale il Governo non ha neppure concesso un rinvio. Niente, tutto questo non conta quando a prevalere sono la demagogia, l’ideologia e anche un po’ di ignoranza.

L’altra disposizione del decreto “rilancio” che fa il paio con questa è quella che impone ai proprietari privati di immobili affittati come palestre e piscine di dimezzare il canone stabilito in contratto per i mesi da marzo a luglio 2020. Anche qui, nessun risarcimento ai proprietari: che si arrangino, conta di più qualche catena di centri fitness che avrà fatto valere le sue “ragioni”. Che sarebbe un come se, per consentire a chi è rimasto disoccupato di sostenersi adeguatamente, si imponesse ai supermercati di dimezzare i prezzi dei prodotti venduti. Follia.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


25 Commenti

Scrivi un commento
  1. La sinistra è sempre stata contraria alla proprietà privata. A poco a poco vogliono privarci di ciò che possediamo e che abbiamo costruito per assicurarci una tranquilla vecchiai in alternativa alla mancanza di una pensione statale. È una vergogna e ci ricorderemo al momento delle votazioni di questo governo, complice di tutti quei truffatori che non pagano l’affitto non per l’effetto del covid19, ma perché sanno di essere protetti da un governo di sinistra che tanto danno sta arrecando alla nazione.
    VERGOGNA !!! Non bisogna più affittare case a famiglie con minori, disabili e categorie protette che una vota entrate non escono più. Mi dispiace ma piange il giusto per il peccatore

  2. Mi vergogno di essere italiano rappresentato da questi politici che scaricano sui cittadini i costi della collettività. Il blocco degli sfratti per tutto il 2020 è una vergogna senza fine.
    Avremo memoria alle prossime elezioni….

  3. @ Sal
    > “Io parlo di equità e se in un paese civile, di fronte ad una situazione tragica, un proprietario deve aspettare qualche mese in più (soprattutto se non ne ha davvero bisogno) il suo immobile, non ci vedo niente di orribile”

    Perfetto, ma non possiamo fare una scarpa e una ciabatta: o vale per tutti, o non vale per nessuno. È il principio che è orribile. Qui si colpisce la proprietà privata in toto. Chi puo’ decidere, a priori, chi ne abbia davvero bisogno? E sulla base di cosa, poi?

  4. Condivido in pieno la sua opinione in merito al probabile blocco degli sfratti. Ho acquistato un appartamento all’asta per mia figlia come abitazione principale, e nonostante il decreto di trasferimento con l’obbligo dell’esecutato di rilasciare l”immobile immediatamente, dopo aver acceso un mutuo, sto pagando il condominio, le spese dei consumi dell’acqua dell’esecutato, l”affitto per mia figlia, l’IMU, nonostante un condomino mi abbia riferito che l’esecutato ha un nuovo lavoro, ha una soluzione abitativa a casa del suocero, ma riferisce che finché glielo consentiranno non lascerà la casa. Mi associo a qualsiasi forma di protesta e iniziativa che contrasti tale forma di abuso di potere e sfruttamento da parte dello Stato di un normale cittadino.

  5. Sono conproprietaria con i miei fratelli di un appartamento lasciato dai miei genitori sono guasi 3 anni che le persone a cui abbiamo affittati non pagano affitto e ancor peggio ne condominio e riscaldamenti nettezza al31/3 avevamo fratto definitivo ma COVID no non si può e ora che vogliono fare rinviare ancora la legge protegge sempre i delinquenti noi proprietaru allora cosa si deve fare si pagati IMU ma quanto ancora bisogna aspettare non é giusto una rivoluzione se passa questa legge

  6. Dopo aver letto diversi interventi sono sempre più convinto della necessità di una modifica alla costituzione, al fine di tutelare la proprietà degli immobili.
    Bisogna che questo diritto sia tutelato in modo certo, a prescindere dalle condizioni economiche di inquilini e occupanti abusivi.
    A nessuno viene in testa di autorizzare chi si trova in stato di necessità – vera o, spesso, simulata – a prelevare quello che serve dal negozio sotto casa senza pagare
    Nello stesso tempo deve tornare ad essere pacifico e automatico sloggiare da un immobile di cui non si paga l’affitto o di cui è scaduto il contratto.
    Il comma da inserire nell’art. 42 lo ripeto:
    “L’autorità di pubblica sicurezza, a richiesta di chi ha titolo nei registri immobiliari, libera l’immobile da persone e cose estranee entro 48 ore.”
    La modifica deve essere approvata con doppia lettura in Parlamento, poi deve essere sottoposta a referendum confermativo, perché non si raggiungerà certo la maggioranza dei due terzi.
    La riforma sarebba approvata alla grande al referendum, per cui occorre solo trovare chi abbia coraggio di proporla, per sradicare per sempre le occupazioni senza titolo.

    • Concordo.
      Tra l’altro già la situazione attuale è incostituzionale, visto che la proprietà privata è tutelata costituzionalmente.
      Queste forme improprie di furto non sono tollerabili.

  7. @Fabio59

    “Chissa’ se un giorno succedera’ che il sig, SAL mezzo vecchio e rincoglionito si rechera’ in ospedale per operarsi”

    Non pensavo fosse un complimento…. scusami.
    Adesso lo so che è il tuo modo di argomentare.

    • Scusami, ritiro il rincoglionito, ammetto che mi son preso troppa liberta’, nel frattempo cerca di essere piu’ flessibile e non sfuggire alle domande e abbozza almeno una risposta plausibille che non mortifichi chi ha fatto sacrifici per guadagnarsi un minimo di benessere senza rubare.

      • @Fabio59
        Mi scuso anche io se ti ho dato del razzista.
        Voglio rassicurare anche Giovanna: non ho nulla contro la proprietà privata. Non mi manca nulla e considero anche molto relativamente la ricchezza in genere.
        Io parlo di equità e se in un paese civile, di fronte ad una situazione tragica, un proprietario deve aspettare qualche mese in più (soprattutto se non ne ha davvero bisogno) il suo immobile, non ci vedo niente di orribile.

        • Lei che titolo ha per dire che le proprietà degli altri “non servono” o “non è tragico”?
          Potrebbero anche prenderle di forza dall’armadio i vestiti che “non le servono”, no?
          Siete comunisti nel midollo, c’è poco da fare.
          Siamo rovinati.

    • Sal, non sei stato tu a dirmi del “mezzo vecchio”? Anzi, “vecchio”.
      Oltre a tante altre belle “cosine” su mia moglie. Piú e piú volte.

      Dimmi, sei stato tu? oppure un tuo omonimo?
      È stato forse un SalDue o un SalTre o un SuperSal che si è spacciato per Sal? o forse è stato quel birbante di Valter Valter, presentandosi col tuo nome?

      Ah, no, scusami, spacciarsi per un’altra persona è una tua specialità, il tuo tocco da maestro. Solo tu lo hai fatto, e insisti nel farlo.
      Sei l’unico nel forum.

      E allora che frigni?

  8. Articolo chiaro che finalmente difende chi ha una piccola proprietà ( magari ereditata) e affittuari morosi da molto prima del lokdawn che ora se la ridono perché possono occupare sino alla fine dell’anno l’immobile senza pagare. Il proprietario invece continua a pagare tasse su di un reddito che non percepisce: dovrebbe essere anticostituzionale, o no??

  9. Sig Sal, Lei sembra essere sempre incarognito con chi ha qualcosa. Continua imperterrito con la Sua litania del binomio proprietario=ricco. Qui si sta cercando di farLe comprendere che non sempre è così (anche se la proprietà privata andrebbe tutelata a prescindere, anche quella di chi ha tanti soldi), spesso le persone sono proprietari di beni ereditati, oppure hanno comprato per assicurare un tetto ai figli quando decideranno di vivere in autonomia, e, nell’attesa, affittano, oppure hanno deciso che questo sia un modo per avere un reddito magari perché un lavoro non ce l’hanno e non lo trovano ecc. E comunque, ripeto, la proprietà privata è, appunto, privata e, come tale, non può essere in alcun modo snaturata alla bisogna collettiva. Qualcuno, o la persona stessa o magari i genitori/nonni, ha pagato per avere quella proprietà, non è stata rubata e non l’hanno trovata sotto un cavolo. Chi nella vita non ha avuto la fortuna di possedere qualcosa, non può pretendere che qualche altro cittadino se ne occupi, è, eventualmente, lo Stato che se ne deve fare carico e, poiché lo Stato siamo noi, già provvediamo solidariamente a chi ha meno con il pagamento delle imposte, quindi nelle modalità preposte e non attraverso la violazione statale di un diritto. La invito quindi a ragionare su quanto in questo forum si stia dicendo. Nel caso Lei continuasse, ottusamente, a non cercare di comprendere il perché la violazione di questo diritto – come quella di qualunque altro – sia una cosa gravissima, saremmo tutti autorizzati a pensare che Lei parli solo per invidia… (N.B. non sono una proprietaria!)

  10. Dalla attività frenetica dei trolls comunisti (oggi uno in particolare in vena di iperboli para-intellettualoidi da bagnami “Il comunista fai da te”), in questo forum, viene il serio dubbio che siano a casa in Smart Working…ovvero a non fare un *****!

  11. @Fabio Bertoncelli
    A parte la lunga sequela di insulti, l’ipotesi che fai è talmente puerile e patetica che non merita risposta.
    Conosci quei beceri film americani in cui all’eroe buono i cattivi uccidono e violentano moglie, figlie, cane (femmina), bruciano la casa e poi ci c a g a n o sopra?
    La tua domanda è un film americano: serve solo a giustificare la reazione di intolleranza, razzismo e violenza.
    La violenza del buono.

    PS Scommetto che il temino sulla Cina lo hai scritto seguendo la cronaca vero? (del Giornale!!!)

      • Vediamo di capirci, dici a me che ti insulto, quando sei stato tu il primo a darmi del razzista, secondo, cosa c’entrano i telefilm diseducativi americani che guardi, con l’esproprio proletario che tu promulghi continuamente sul forum, (l’argomento e’ la proprieta’ privata, non il razzismo) terzo, o dai un senso logico alle risposte (cosa che non fai perche’ inconsciamente sai di avere torto) altrimenti puoi anche evitare di rispondere.
        Grazie

  12. Ci sono dei frequentatori del forum che di fronte ad una regola, una legge contraria al credo, di solito comunista, evocano immagini patetico/sentimentali per annullare la logica della regola.
    E’ noto che ogni regola/legge non essendo opera del Padreterno può avere delle contropartite.
    D’ altra parte lo stesso Padreterno ci ha fornito ( non proprio a tutti ) il buon senso, l’equilibrio ,il senso pratico per cercare in ogni cosa non la perfezione ma il migliore compromesso ; si cerca di fare la cosa meno sbagliata.
    La maturità è sconosciuta a molti che, per partito preso contestano ogni cosa in nome della loro visione ” antagonista ” della vita.
    Partendo da questo modo di vedere non sarà possibile nessuna regola.
    Penso che questi soggetti in malafede, come io credo, siano delle anomalie incurabili sulle quali non è possibile costruire niente.

    • Ti riferisci sicuramente a tutti gli articoli del sito che non ne hanno apprezzata UNA delle iniziative del governo vero? ZERO.
      Altrimenti torniamo al bue che dice all’asino…….

  13. @Fabio59

    E bravo il nostro Fabio59!
    Ce l’avevi sulla punta della lingua la tua porcata razzista! C’è voluto pochissimo per tiratela fuori.
    Qui si parlava (fino a prova contraria) di cittadini in generale ed ecco venire fuori l’ossessione dei razzisti: i ROM con 6 figli (che spesso sono anche cittadini italiani)
    I quali, nella morbosa ed oscena fantasticheria del nostro, evocano gli scenari più improbabili per il povero vecchietto italiano!
    Però bravo, perché non li hai chiamati zingari.

    • Sei tu che soffri di razzismofobia, altrimenti non ti saresti inalberato nel leggere la parolina ROM, che in Italia non e’ vietato utilizzare, tant’e’ vero che viene utilizzata da tutti per identificare una particolare etnia anche dai tuoi compari sinistri. Trattavasi di esempio generico per stimolare la tua becera ideologia dell’esproprio proletario, dare del razzista a prescindere denota un subcultura da lavaggio del cervello, che tu rappresenti degnamente.
      Per finire, se tu invece di sparare stupidaggini, seguissi anche infatti di cronaca che avvengono in Italia, sapresti che quello che tu dici scenario improbabile e’ capitato veramente.
      Rispondi invece, se capitasse a te cosa faresti?

  14. Chissa’ se un giorno succedera’ che il sig, SAL mezzo vecchio e rincoglionito si rechera’ in ospedale per operarsi, e al suo ritorno trovera’ la sua casa okkupata da una famiglia di Rom nullatenenti con sei figli e non potra’ più rientrarne in possesso e dovra’ attendere la sentenza del giudice che gli dira’ di prendersene un’altra in affitto, beato lui, sarebbe la realizzazione del suo credo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *