Coronavirus, ecco come funziona il test fai-da-te

Condividi questo articolo


Pochi giorni fa la dottoressa Carolina Cerza, biologa molecolare di un laboratorio privato, ci aveva spiegato quale poteva essere la soluzione per estendere i tamponi a tutta la popolazione.

In questo nuovo video ci mostra, attraverso tutti i passaggi, la facilità con la quale questo test può essere fatto.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


12 Commenti

Scrivi un commento
  1. Forse non avete capito che non si tratta di “tampone”, come si legge nel titolo, ma di test sierologico che, come ci stanno ripetendo da oltre un mese fino allo sfinimento (ma a quanto pare non è sufficiente perché sia compreso), non ha funzioni diagnostiche e, per giunta, non è neppure attendibile quanto un tampone. Quindi chiunque risultasse positivo ad un test del genere dovrebbe poi sottoporsi ugualmente a tampone per poter ottenere una diagnosi (che sia davvero tale) di positività o negatività al coronavirus. In molte Regioni settentrionali si stanno emanando disposizioni in questo senso proprio per evitare che chiunque faccia il “fai da te” a caso.
    Quindi, prima di partire con l’invettiva mediatica del “tutti corrotti e tutti in manette”, che va tanto di moda nel nostro paese sia da una parte politica che dall’altra, e che viene recitata e ripetuta tanto perché non si ha di meglio da dire, quanto meno leggete più opinioni, mettete in moto il cervello e non restate sempre incollati ad una chat, che i neuroni si impoveriscono.

  2. La Dottoressa e’ solo l’ esempio della semplicita’ di risposta ai problemi , se vengono posti alle giuste competenze, al netto della burocrazia. Gli Italiani sono famosi nel mondo per creativita’ e la forza delle idee. Io sono un artigiano e conosco quanto la cattiva gestione, della nostra capacita’ di trasformare e creare soluzioni, da parte di politiche ottuse e blindate da una borghesia di terza generazione ,che vive solo di rendita e non conosce altro che sportelli bancari ,possa portare un impoverimento irreversibile con la perdita di memorie produttive legate a settori estinti per accanimento fiscale becero e infame.
    Un saluto alla brava Dottoressa e al Giornalista galantuomo Nicola Porro.

  3. scusate ragazzi ma dove si trovano questi benedetti test?
    credo che ognuno sia libero di testare e accertare in totale libertà nel rispetto della società e tutti i cari che ti stanno accanto.

  4. Riprendo questo post per una notizia che ho trovato su siti specialistici farmaceutici (BioCentury). L’FDA ha permesso l’uso emergenziale di un test sviluppato da BodySphere, basato su anticorpi, che parla di sensibilità e specificità al 91 e 99% rispettivamente, con un tempo di diagnosi di due minuti (non dice se si faccia al bancone o se servano macchinari specifici, però).

    Questi sono numeri che potrebbero far pensare ad un uso massiccio sulla popolazione.

  5. Ciao, scusami magari non è corretto che lo chieda a te, ma trovando questo test davvero interessante vorrei già sapere dove è possibile reperirlo . La dottoressa diceva che si può comprare. In farmacia si trova ? Io vivo a Roma (zona centro) magari lei sa la farmacia maggiormente fornita di questo strumento? Ti ringrazio tantissimo. Volevo anche esprimere la mia grande gioia della Tua guarigione.sei forte ! Grazie ancora a presto elena

  6. Un’idea intelligente ovviamente inaccettabile per piddini e grilli loro e l’intelligenza non possono andare d’accordo

  7. Lo sto dicendo da settimane che il tampone va fatto a atti coloro che hanno dei sintomi anche lievi altrimenti non finisce più e se positivi andrebbero sorvegliati clinicamente onde evitare diffusione del virus, ricadute o una precipitazione dello stato di salute e quindi la necessità di una terapia intensiva. Ma non è possibile perché per avere un tampone bisogna essere quasi ad un passo dalla sala rianimazione. Semplicemente ridicolo. Grazie per questa sua testimonianza. La divulghi il piu possibile alle persone di competenza visto la sua notorietà….forse a lei lo ascoltano.

  8. Forse la Dottoressa non ha compreso che la burocrazia crea mazzette, l’acquisto diretto invece no, perché più verificabile con i prezzi di mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *