Coronavirus, ora tocca a noi aiutare l’America

Condividi questo articolo


Come sanno i miei famigliari e amici, e quelli che leggono i miei Camei o sono abbonati a Zafferano.news, da una dozzina d’anni studio (il confine fra “studio” e “seghe mentali” è impercettibile) il mondo nuovo, digitale, che verrà. Velleitarismo senile in purezza? È possibile.

Con Giovanni Maddalena abbiamo scritto un libro che solo gli abbonati a Zafferano.news (abbonarsi è gratis) potranno acquistare a 5 €, come libro digitale, e a 50 € in copia cartacea numerata e firmata dagli autori. È la sintesi di una dozzina d’anni di scrittura (furiosa e giornaliera) che ha dato origine a circa 2.500 Camei, a diversi libri, qualcosa come oltre 10 milioni di battute. Il libro, scritto secondo il linguaggio Zafferano, è un saggio giornalistico, non certo accademico, di appena 145 pagine (all’inizio era di oltre 600). Racconta in modo leggero, spesso disinvolto, a volte triste, il declino del CEO capitalism, quel modello politico, economico, purtroppo pure culturale, che ha tolto dal centro della scena l’uomo, sostituendolo con un banale, spesso ridicolo consumatore. Che smacco dev’essere stato per lor signori il ritorno dell’uomo al centro della scena, seppur devastata, che smacco dover proporre la chiusura dei negozi (le chiese, con le casse come tabernacoli, dove passava il verbo per i fedeli-consumatori).

E massimo smacco il blocco dei voli aerei (Jeff Bezos, Bill Gates, Jony Ive senza il Gulfstream, sono antropologicamente dei barboni). Soprattutto dover tener aperte le farmacie, che in fondo servono solo a noi vecchi, entità inutili per questo modello. Fa scompisciare dal ridere vedere nei talk interrompere dibattiti inutili per far passare una pubblicità inutile.

Il Cigno Nero è arrivato. Si è presentato sotto le spoglie di un virus sconosciuto che OMS, al cui vertice, non dimentichiamolo mai, ci sono politici terzomondisti filo cinesi (gli scienziati sono solo di supporto, con poco potere decisionale), ha ora definito come “pandemia”. Nessuno conosce cosa succederà. Nessuno sa se i numeri forniti sono veri o politicamente manipolati.

Sia chiaro, parlo per me, i dati della Cina sono politicamente falsi per definizione, trattandosi di un regime nazicomunista. Punto. Non saprei definire diversamente che “marketing macabro” l’immediata campagna promozionale del “Partito Comunista Cinese”, che con il supporto delle salottiere élite nostrane, si traveste da Don Bosco per vendersi questa loro schifezza virale: prima nasconde il virus e poi ne cavalca i risultati. Che tristezza e rabbia proveranno gli intellettuali e i dissidenti cinesi, laici e religiosi, di fronte agli osceni comportamenti delle nostre leadership laiche e religiose.

Ho passato anni a sentire i peana delle nostre élite a loro favore. Appena gli scambi commerciali sono esplosi, i peana sono stati sostituiti dall’ammirazione più servile. E ci definiamo democratici e liberali, e pure cristiani. Puah!

Per quel che vale (assolutamente nulla) io non ci sto. Malgrado le pressioni di parenti e amici che mi invitano a tacere e a fregarmene (immagino tenuto anche conto dell’età e del carcinoma) ripeto che Xi Jinping è andato a occupare, a pieno merito, il posto che era stato di Mao nel Quartetto Mussolini-Hitler-Stalin. Qualsiasi analisi non consolatoria si voglia fare sul futuro dell’Occidente, liberale e democratico, bisogna partire da lì. La sconcezza di una globalizzazione selvaggia è servita per dare alla Cina le chiavi per il governo del mondo. La grandezza di Roma era stata quella di capire e di individuare, in ogni fase storica, quale era il suo nemico, e combatterlo con ogni mezzo. Quando alla fine del II Secolo le élite romane sono state assalite dal languore colto, finì tutto, l’Impero si sbriciolò.

Alle 23,59 di ieri (io dormivo da oltre tre ore) il mio amico Pietro, da tre settimane chiuso in casa con sua moglie e la sua deliziosa piccola (4 anni), mi scrive una mail. Al risveglio, estraggo la frase chiave, ove si chiede, e mi chiede: “Cosa potrebbe succedere se l’America non riuscisse a superare la crisi del Virus di Wuhan?” Ieri, sorridendo, ho postato su Twitter: “Xi Jinping vuole passare alla Storia come salvatore del mondo dopo averlo impestato con i suoi ritardi. Perché non fargli una bella class action?”.

Nessuno di noi, focalizzati come ottusamente siamo su “fatturato-posizione finanziaria-indebitamento” ha capito che l’indice primario del business nei tempo di crisi, e in crisi lo siamo da trent’anni, è il BEP (break even point). Quello della Cina è fragilissimo, ma prima di parlare andiamo a vedere come abbiamo ridotto i nostri con il CEO capitalism trionfante.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


8 Commenti

Scrivi un commento
  1. Aiutare l’America? Niente è più come prima. Ci hanno trattato come untori, come appestati. Ci rialzeremo e saremo più egoisti, più consapevoli, e più ITALIANI.

    Non sono leghista, ma dopo questa storia, mi dispiace dirlo, PRIMA L’ITALIA!

  2. Leggo che , per fortuna, ci sono i cinesi che stanno aiutandoci ! Fanno il paio, pari pari, con giuseppiello !

    Prima ci infettano, poi ci “aiutano” . E il premier.alle cime di rapa prima lascia diffondere il virus ovunque (ascoltare chi chiedeva di “chiudere” da più di un mese, nooooo?) e ora pretende il ruolo di salvatore della patria ! Incapace, irresponsabile, miope e sbruffone. Ma ci crede -TUTTI- degli idioti ?

    • veda che chi ha infettato l’Italia in questo modo è stato il paziente 0 proveniente dalla Germania.

      Si arrabbi con la sig.ra Merkel che non ha fatto ciò che voi italiani avete fatto, ossia mettere in quarantena chi arrivava dalla Cina.

      I nostri concittadini si sono messi in autoquarantena per evitare la diffusione dell’epidemia, e nessun cinese in Italia ha diffuso il coronavirus.

      Non facciamo cattiva informazione.

      Lei ci può avere in antipatia, e lo possiamo capire, è umano, ma noi cinesi non abbiamo infettato nessuno di nostra iniziativa o perchè non abbiamo messo in atto tutto ciò che andava fatto.

      • ma i coniugi cinesi di Wuhan atterrati a Milano provenienti dalla germania e che hanno attraversato mezza Italia prima di crollare a Roma?

    • veda che chi ha infettato l’Italia in questo modo è stato il paziente 0 proveniente dalla Germania.

      Si arrabbi con la sig.ra Merkel che non ha fatto ciò che voi italiani avete fatto, ossia mettere in quarantena chi arrivava dalla Cina.

      I nostri concittadini si sono messi in autoquarantena per evitare la diffusione dell’epidemia, e nessun cinese in Italia ha diffuso il coronavirus.

      Non facciamo cattiva informazione.

      Lei ci può avere in antipatia, e lo possiamo capire, è umano, ma noi cinesi non abbiamo infettato nessuno di nostra iniziativa o perchè non abbiamo messo in atto tutto ciò che andava fatto.

    • veda che chi ha infettato l’Italia in questo modo è stato il paziente 0 proveniente dalla Germania.

      Si arrabbi con la sig.ra Merkel che non ha fatto ciò che voi italiani avete fatto, ossia mettere in quarantena chi arrivava dalla Cina.

      I nostri concittadini si sono messi in autoquarantena per evitare la diffusione dell’epidemia, e nessun cinese in Italia ha diffuso il coronavirus.

      Non facciamo cattiva informazione.

      Lei ci può avere in antipatia, e lo possiamo capire, è umano, ma noi cinesi non abbiamo infettato nessuno di nostra iniziativa o perchè non abbiamo messo in atto tutto ciò che andava fatto.

  3. Leggo che , per fortuna, ci sono i cinesi che stanno aiutandoci ! Fanno il paio, pari pari, con giuseppiello !

    Prima ci infettano, poi ci “aiutano” . E il premier.alle cime di rapa prima lascia diffondere il virus ovunque (ascoltare chi chiedeva di “chiudere” da più di un mese, nooooo?) e ora pretende il ruolo di salvatore della patria ! Incapace, irresponsabile, miope e sbruffone. Ma ci crede -TUTTI- degli idioti ?

  4. Concordo pienamente… Reputo il Presidente Conte e il governo i maggior responsabili per aver avuto un approccio superficiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *