in

Covid, non solo green pass: arriva il sensore anti-assembramenti

A Verona attivati dei sensori che rilevano i cellulari per evitare assembramenti in centro

uomo spiato

Dimensioni testo

Dopo il green pass, una nuova tecnologia per il controllo della popolazione sarà in azione. Secondo quanto riportato dal Corriere del Veneto, nelle due piazze principali del centro (piazza Bra e piazza Erbe) sono stati installati dei «sensori» in grado di registrare all’istante quanti telefonini (o tablet) siano presenti in quel punto, e quanti di essi siano in movimento da una piazza e l’altra attraversando la centralissima via Mazzini.

In questo modo, minuto per minuto, il Comune può decidere eventuali provvedimenti per esempio, come già accaduto, il senso unico pedonale per via Mazzini, o lo stop alle auto su corso Porta Nuova oppure, misura estrema ma già adottata in passato, lo stop alle auto sui ponti di accesso al centro. Il sistema non è costato nulla al Comune, ha spiegato il sindaco, Federico Sboarina, grazie ad un accordo internazionale con partner del settore. I sensori sono già attivabili e saranno sicuramente usati nei prossimi fine settimana veronesi (con Fieracavalli per due weekend, e poi con una maratona, i mercatini natalizi, il ponte dell’8 dicembre, Santa Lucia, Natale, Capodanno ed Epifania).

In nome della sicurezza e della tutela della salute pubblica, lentamente sono state introdotte misure restrittive e tecnologie di controllo sempre più pervasive nella società. Anche se durante una pandemia l’introduzione di regole rigide, combinate all’uso di strumenti sofisticati per tracciamento e controllo dei cittadini potrebbero in parte aiutare a contenere la diffusione del contagio, non è possibile ignorare gli effetti collaterali che si riversano nel tessuto sociale causate da tali attività. Secondo il sociologo Zygmunt Bauman, i vari meccanismi di controllo, sono tra i responsabili maggiori del passaggio da una realtà comunitaria, ad una artificiale, innaturale, vuota. Da un punto di vista filosofico, la convivenza serena è il modo più sano e naturale di vivere.