in

Covid, Pregliasco getta la maschera: “Infondere paura era necessario”

pregliasco(5)

Dimensioni testo

Quello che sta avvenendo in questo paese non è normale. E non è una frase fatta, non si vuole qui fare del becero sensazionalismo o trovare un nemico a tutti i costi. Purtroppo è l’amara realtà che ci porta ogni giorno a darvi conto di fatti, vicende e aneddoti ai confini dell’immaginazione.

Anche ieri sera, mentre stavamo guardando “Non è l’Arena”, la trasmissione di La7 condotta da Massimo Giletti, ad un certo punto siamo saltati in piedi sul divano. Ma, altro che Guido Meda quando si esalta nel commentare le gare del MotoGP. Siamo dovuti andare subito a risentire le parole pronunciate da Pregliasco per vedere se avevamo capito bene. 

Purtroppo, ne abbiamo avuta quasi subito la tragica conferma. Magari anche ai più attenti di voi non sarà sfuggito questo dettaglio, ma proponiamo qui sotto il pezzo di trasmissione incriminato in modo che anche chi non avesse visto la puntata di ieri possa farsi un’idea della gravità delle parole pronunciate dal virologo.

 

Fate attenzione, perché c’è una sovrapposizione di voci in quel momento. Ma al termine del bel monologo di Sgarbi che difende l’amico medico, si sentono distintamente queste parole riferite alla “paura”. Paura menzionata dal critico d’arte che sta accusando Pregliasco di averla diffusa nella società.

Al che il virologo dice testuale: “Ci voleva, era necessaria. È una malattia pericolosa”.

Capito? “La paura del Covid ci voleva, era necessaria”. Ci saremmo aspettati che il ricercatore ribattesse a Sgarbi allontanando da lui questa infamante accusa. Magari anche in modo veemente. E invece no. Pregliasco conferma in toto di la tesi del suo accusatore e anzi la rivendica come del tutto legittima e necessaria.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
105 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Vladi
Vladi
4 Ottobre 2021 10:22

Pensa che esiste gente che vuole instillarci la paura degli incidenti stradali obbligandoci a mettere il caso o le cinture di sicurezza.
So di per certo che fanno anche delle campagne scolastiche per terrorizzare i bambini.
Comunisti maledetti!
La paura appartiene ai deboli!
Puri e duri e magari anche un po’ corrotti.

Stefania
Stefania
4 Ottobre 2021 6:21

Si chiama “shell shock”… Ci sono riusciti.
Impossibile, con questi numeri, tornare indietro.

Lorenzo Malpaga
Lorenzo Malpaga
3 Ottobre 2021 17:22

pregliasco, scritto con la “p” minuscola, fa a farti fottere, KOGLIONE !!!!!!!!!!

Paolo Pagliaro
Paolo Pagliaro
1 Ottobre 2021 22:49

Propongo di fargli pagare, e sto parlando di soldi, i danni che ha procurato a centinaia di migliaia di persone. Questi si credono i padroni del mondo, non dei servitori di cittadini adulti.

Dario Bellocchi
Dario Bellocchi
1 Ottobre 2021 22:17

Pregliasco stia tranquillo. Sapendo che nei nostri ospedali (pubblici) ci possono essere medici come lui la paura viene di conseguenza.

Ivana
Ivana
1 Ottobre 2021 21:39

No ..si stanno liberando la coscenza..si vede che iniziano a rendersi conto di quanti suicidi ed omicidi sono stati causati da loro in cambio di denaro allora cercano il consenso di tanti vaccinati …..ma penso che ora pure a loro iniziino gli incubi..ed é giusto..che sfugga la verità!!!!!poveri umani …

Natali
Natali
1 Ottobre 2021 17:37

L’anno 1946…..Il tribunale di Norimberga….A Hermann Goering venne chiesto:
“Come avete convinto il popolo tedesco ad accettare tutto questo?”
Lui rispose: “E’ stato facile, non ha nulla a che fare con il nazismo, ma ha a che fare con la natura umana. Lo puoi fare in un regime nazista, socialista, comunista, in una monarchia e anche in una democrazia. L’unica cosa che si deve fare per rendere schiave le persone è impaurirle.
Se riuscite a immaginare un modo per impaurire le persone, potete fargli fare quello che volete.”….

Dante
Dante
1 Ottobre 2021 16:30

bisogerebbe cominciare a pensare ad usare maniere forti con questi qui….che la misura è non colma ma stracolma…