in

L'esecutivo rischia

Crisi di governo, Draghi si dimette. Ma Mattarella: “Non le accetto” – LIVE

Il M5S strappa: non vota la fiducia al Senato. E Draghi in Cdm annuncia le dimissioni

Dimensioni testo

: - :

Ci siamo. Giuseppe Conte, dopo una settimana – l’ennesima – di tentennamenti ora ha deciso: il Movimento Cinque Stelle non ha partecipato al voto oggi al Senato sul dl Aiuti. Essendo stata posta la fiducia dal governo, nella pratica significa che i grillini non hanno rinnovato la loro fiducia al premier. Supermario, ormai prigioniero di partiti e di Mattarella, l’aveva detto chiaramente: senza M5S non c’è governo e non ci sarà un Draghi bis. Dunque oggi, subito dopo lo strappo pentastellato, il premier è salito al Quirinale e in Consiglio dei Ministri ha annunciato di voler presentare le dimissioni.

“Voglio annunciarvi che questa sera rassegnerò le mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica – ha detto Supermario – Le votazioni di oggi in Parlamento sono un fatto molto significativo dal punto di vista politico. La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c’è più”.

Subito dopo la chiusura del Consiglio dei ministri, Draghi è ritornato al Colle dove ha presentato le dimissioni, prontamente respinte da Mattarella: in questo modo il premier potrà andare legittimato del suo ruolo in Algeria e poi presentarsi mercoledì alle Camere per “parlamentarizzare” la crisi. Quello che poi verrà, si vedrà nei prossimi cinque lunghissimi giorni.

—————

Qui sotto, la diretta di questa giornata politica molto importante

19.55 Mattarella respinge le dimissioni di Draghi

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa sera al Palazzo del Quirinale il presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, il quale ha rassegnato le dimissioni del Governo da lui presieduto. Il Presidente della Repubblica non ha accolto le dimissioni e ha invitato il presidente del Consiglio a presentarsi al Parlamento per rendere comunicazioni, affinché si effettui, nella sede propria, una valutazione della situazione che si è determinata a seguito degli esiti della seduta svoltasi oggi presso il Senato della Repubblica.

19.50 Il partito di Di Maio: mercoledì cerchiamo un’altra maggioranza

In una nota, i capogruppo di Italia per il Futuro, scrivono: “La figura del presidente Mario Draghi è preziosa e fondamentale per il nostro Paese, adesso serve un chiaro segnale dal Parlamento. Lavoriamo affinché mercoledì in Aula emerga una solida maggioranza a sostegno di questo governo. È il momento della maturità e del senso di responsabilità. Non possiamo permettere che l’Italia vada incontro a un collasso economico e sociale”.

Molti si chiedono se il nuovo governo Draghi possa nascere o meno con i voti dei separatisti grillini, senza il M5S originale.

19.45 Letta e il Pd sperano nel Draghi bis

“Ora ci sono cinque giorni per lavorare affinché il Parlamento confermi la #fiducia al Governo Draghi e l’Italia esca il più rapidamente possibile dal drammatico avvitamento nel quale sta entrando in queste ore”. Lo scrive Enrico Letta su Twitter

19.30 La Lega: “Impensabili settimane di paralisi: dare parola agli italiani”

“La Lega è stata leale, costruttiva e generosa per un anno e mezzo, ma da settimane il presidente Draghi e l’Italia erano vittime dei troppi No del Movimento 5 Stelle e delle forzature ideologiche del Partito Democratico. La Lega, unita e compatta anche dopo le numerose riunioni di oggi, condivide la preoccupazione per le sorti del Paese: è impensabile che l’Italia debba subire settimane di paralisi in un momento drammatico come questo, nessuno deve aver paura di restituire la parola agli italiani”. Così una nota del partito di Matteo Salvini.

19.20 Pd: al lavoro per far ripartire il governo Draghi

Dopo aver detto, per voce di Letta, che dopo la caduta di Draghi si sarebbe andati alle elezioni, in una nota il Pd cambia idea e fa sapere che il partito è “al lavoro perché mercoledì alle Camere si ricrei la maggioranza e il Governo Draghi possa ripartire. Il Paese piomba in una crisi gravissima che non può permettersi”. La speranza è che si possa trovare una nuova maggioranza.

19.19 Renzi: “Ora lavoriamo a un Draghi bis”

Il leader di Italia Viva su Twitter: “Draghi ha fatto bene, rispettando le Istituzioni: non si fa finta di nulla dopo il voto di oggi. I grillini hanno fatto male al Paese anche stavolta. Noi lavoriamo per un Draghi-Bis da qui ai prossimi mesi per finire il lavoro su PNRR, legge di Bilancio e situazione ucraina”.

19.15 Draghi al Quirinale per dimettersi

Il presidente del Consiglio sale al Quirinale per rassegnare le dimissioni. E intanto fa sapere che mercoledì riferirà alle Camere

19.00 Meloni: “Adesso il voto”

“Non accettiamo scherzi – attacca Giorgia Meloni – per FdI questa legislatura è finita e daremo battaglia perché si restituisca ai cittadini quello che tutte le democrazie hanno e cioè la libertà di scegliere da chi farsi rappresentare per fare cosa”.

18.45 Draghi in cdm: “Mi dimetto”

Le parole in Cdm di Mario Draghi sono state molto forti: “Voglio annunciarvi che questa sera rassegnerò le mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica. Le votazioni di oggi in Parlamento sono un fatto molto significativo dal punto di vista politico. La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c’è più. È venuto meno il patto di fiducia alla base dell’azione di governo“. E ancora: “In questi giorni da parte mia c’è stato il massimo impegno per proseguire nel cammino comune, anche cercando di venire incontro alle esigenze che mi sono state avanzate dalle forze politiche. Come è evidente dal dibattito e dal voto di oggi in Parlamento questo sforzo non è stato sufficiente. Dal mio discorso di insediamento in Parlamento ho sempre detto che questo esecutivo sarebbe andato avanti soltanto se ci fosse stata la chiara prospettiva di poter realizzare il programma di governo su cui le forze politiche avevano votato la fiducia. Questa compattezza è stata fondamentale per affrontare le sfide di questi mesi. Queste condizioni oggi non ci sono più”. Infine: “Vi ringrazio per il vostro lavoro, i tanti risultati conseguiti. Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo raggiunto, in un momento molto difficile, nell’interesse di tutti gli Italiani”.

18.40 Iniziato, con diverse ore di ritardo, il consiglio dei ministri

18.18 Letta: governo vada avanti

Il segratario dem: “Credo che sia un interesse di tutti che il governo prosegua – ha aggiunto Letta – Un interesse che sta maturando anche con fortissime spinte che provengono da ovunque, anche dalle parti sociali, dal mondo del lavoro, dall’Unione europea”.

18.00 Consiglio dei ministro convocato alle 18.15

17.45 Guerini: “Mi aspetto responsabilità”

“Esprimo preoccupazione, mi auguro che ci possa essere un chiarimento, con la volontà di risolvere i passi in avanti, vediamo quale sarà l’evoluzione nelle prossime ore”, lo ha detto il ministro Guerini.

17.30 M5S: disponibili a votare la fiducia

La capogruppo del M5S al Senato, dopo aver annunciato la scelta del partito di non votare la fiducia a Draghi, ai microfoni di Mentana fa dietrofront: “C’è tutta la nostra disponibilità a dare la fiducia al governo“, dice, a patto che non smantelli quanto fatto dal Movimento nei precedenti governi.

17.00 Conte: risposte vere o niente voti

L’ex premier: “O si hanno risposte vere, strutturali e importanti oppure nessuno può avere i nostri voti”. E ancora: “Se prendiamo degli impegni col governo, Parlamento e cittadini e siamo coerenti, chi si può permettere di contestare questa coerenza? Non chiediamo posti, nomine, nulla, ma chiediamo di rispettare un programma definito all’inizio: transizione ecologica e urgenza della questione sociale che è esplosa”.

16.50 Conte: “Altri sono irresponsabili”

Parlando con Quarta Repubblica, il leader del M5S ha ricordato che il partito aveva dato il sostegno al governo sulla spinta di temi come “la transizione ecologica e la giustizia sociale”. “Se poi si crea una forzatura e un ricatto per cui norme contro la transizione ecologica entrano in un dl che non c’entra nulla, noi per nessuna ragione al mondo daremo i voti – attacca – Se qualcuno ha operato una forzatura si assuma la responsabilità della pagina scritta ieri. L’introduzione è stata la riunione del Cdm in cui i nostri ministri sono stati costretti a non partecipare al voto”.

16.30 Di Battista: “Se cade il governo dell’assembramento, ottima notizia”

15.15 Il governo ottiene la fiducia

Il governo, con 172 voti a favore, ottiene la fiducia del Senato. Il M5S però resta compatto: nessuno di loro ha votato la fiducia, dunque è esclusa l’ulteriore “rottura” che si immaginava interna al Movimento.

15.00 Patuanelli non partecipa al voto sulla fiducia

Incredibile, o forse no: ma il ministro Patuanelli, che è anche senatore e capodelegazione del M5S al governo, non si è presentato alla prima chiama in Senato per il voto di fiducia al governo Draghi. Il governo di cui fa parte.

14.24 M5S in Senato: non votiamo, ma non è sfiducia al governo

Nel suo intervento al Senato in vista del voto di fiducia, la senatrice Domenica Castellone ha annunciato che il Movimento uscirà dall’aula in occasione del voto sul dl Aiuti. Ma sostiene che il gesto non intende dare uno scossone al governo. “Confermo la non partecipazione al voto del mio gruppo”, conclude la senatrice il suo lungo intervento in cui ha accusato il governo di aver smantellato pezzo per pezzo le politiche dei governi Conte I e II.

13.53 Giorgetti: “Governo finito? Ci sono sempre i supplementari”

13.48 Malpezzi (Pd): sconcertati da scelta M5s

Nel suo intervento al Senato, il Pd invita tutti i partiti alla “responsabilità”

13.35 La Lega: “La crisi politica è aperta”

Per Massimiliano Romeo, capogruppo al Senato della Lega, “è chiaro che nel momento in cui una forza di maggioranza non vota un provvedimento così, par di capire che la crisi politica sia aperta”.

13.30 Renzi a Draghi: nulla giustifica fine dell’esecutivo

Raro affondo di Matteo Renzi a Mario Draghi. Una sorta di avviso. “Io sono un estimatore del premier Draghi – dice in Senato – e con la stessa franchezza bisogna avere il coraggio di dire a Draghi che nulla giustifica oggi la fine del governo“. E ancora: “Sono momenti delicati per le democrazie in questo 2022, ci sono difficoltà enormi” e il premier “deve continuare a fare il presidente del Consiglio perché serve all’Italia. Se oggi ci fosse una crisi, festeggeranno in capitali non democratiche”. Renzi, parlando con i cronisti, poi è tornato a chiedere un “Draghi bis”, che però il premier aveva escluso.

13.20 Renzi: i ministri M5S si dimettano

Il leader di Italia Viva avverte il M5S, ricordando che durante la Rivoluzione francese molti di chi partì per ghigliottinare, poi fu ghigliottinato. Un modo per dire che il Movimento rischia, aprendo la crisi, di rimetterci le penne (politicamente parlando). “Legittimo aprire la crisi, così come non votare la fiducia – dice l’ex premier – ma se si decide di non votare la fiducia si firma la lettera di dimissioni dei ministri e dei sottosegretari grillini”.

12.50 Il governo pone la fiducia sul dl Aiuti

12.39 Lega: stupiti e preoccupati

“Siamo stupiti e preoccupati. Dopo un anno e mezzo di sostegno leale della Lega al governo in una fase di emergenza, siamo costretti a perdere tempo in Parlamento coi No dei 5Stelle e una sinistra che si occupa di droga libera e cittadinanza agli immigrati. Non si può andare avanti così per mesi, con milioni di italiani che hanno problemi con stipendi, pensioni e bollette. Attendiamo le prossime ore, la Lega lavorerà per una scelta unitaria del Centrodestra per il bene del Paese. Piuttosto che perdere mesi preziosi con inutili e logoranti tira e molla, sarebbe più saggio dare la parola agli italiani”. Così fonti della Lega

12.25 Meloni: Basta temporeggiare, la parola torni agli italiani

12.10 Berlusconi: il voto non ci preoccupa

Gli occhi sono puntati, oltre che sul M5S, anche sul centrodestra. Se infatti Lega e Forza Italia decidessero di dire “no” a un eventuale Draghi Bis, l’unica soluzione sarebbero le elezioni. I due partiti hanno promesso di consultarsi per trovare una linea comune. E questa è la nota diffusa da Berlusconi:  “Gli italiani assistono con stupore e preoccupazione a quanto sta accadendo in queste ore ai vertici della politica nazionale. Da troppo tempo, prima con finalità di logoramento e poi con un atteggiamento distruttivo, il M5S sta compromettendo l’esistenza stessa del governo. Di fronte a questa strategia irresponsabile, della quale i cittadini sono spettatori attoniti, Forza Italia, consapevole delle emergenze da affrontare, non ha mai abbandonato l’atteggiamento di responsabilità avviato con la partecipazione all’esecutivo guidato da Mario Draghi”. Secondo Berlusconi “I numeri dicono che il governo potrebbe proseguire il suo lavoro fine alla fine della legislatura anche senza il M5S. Forza Italia, in continuità con l’atteggiamento di responsabilità che ha sempre contraddistinto la sua azione, attende con rispetto le determinazioni del Presidente Draghi e le indicazioni che darà il Capo dello Stato”. In ogni caso “Andare alle urne non ci preoccupa: anzi siamo certi che il risultato elettorale premierebbe il centro-destra e in particolare – come dimostrano tutti i sondaggi – l’atteggiamento responsabile e costruttivo di Forza Italia. In ogni caso siamo pronti ad affrontare ogni eventualità avendo come stella polare l’interesse degli italiani”.

11.50 Renzi: il governo vada avanti

Su Fabebook, il leader di Italia Viva scrive: “Farò un appello a Mario Draghi: parli al Paese dicendo le cose che vanno fatte da qui alle elezioni e vada avanti senza i grillini. Basta coi ricatti dei 5 Stelle, torniamo a correre”

11.44 L’Ue chiede stabilità

Per voce di Paolo Gentiloni, Bruxelles invoca “stabilità” mentre si prospetta la crisi di governo:  “Per quanto riguarda l’evoluzione politica in Italia, io spesso parlo di acque agitate e in queste acque agitate, quindi la guerra, l’alta inflazione, i rischi energetici, le tensioni geopolitiche, la stabilità è un valore in sé. E penso che in questo momento serva coesione, non procurare instabilità”.

11.17 Draghi sbatte la porta in faccia al M5S

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento, D’Incà, stava provando a raggiungere un accordo con i partiti: ovvero evitare oggi il voto di fiducia, votando i singoli articoli del dl Aiuti. Da Palazzo Chigi però è arrivato un secco no: alla fine della discussione generale, il governo porrà la questione di fiducia. Questo, di fatto, costringerà il M5S ad uscire dall’aula durante un voto di fiducia e porterà, probabilmente, ad una crisi di governo

11.07 Letta: no a governo con chicchessia

Enrico Letta fa un punto stampa e detta la linea dei dem in vista del voto al dl Aiuti: “Diremo che siamo disponibili a una continuazione di questo governo Draghi, non siamo disponibili a tirare avanti chicchessia: se non ci saranno le condizioni, se altri partiti della maggioranza si sfileranno, allora la parola passerà agli italiani e noi saremo pronti ad andare di fronte agli italiani con il nostro progetto per il futuro dell’Italia. Se quello che verrà detto in Parlamento è differente, vorrà dire che si andrà di fronte agli italiani e noi siamo pronti a prepararci per questa campagna elettorale”. Per Letta una maggioranza senza il M5s “sembra un’ipotesi totalmente improbabile”.

11.00 Di Maio: “Serio rischio di voto anticipato, disastro economico”

Di Maio la butta sul tragico e avverte che in caso di voto anticipato l’Italia si avvicina al “disastro economico”. I grillini, dice il ministro, “sperano in 9 mesi di campagna elettorale per risalire nei sondaggi, ma così condannano solo il Paese al baratro economico e sociale. Non potevamo essere complici di questo piano cinico e opportunista, che trascina il paese al voto anticipato e al collasso economico e sociale”

10.16 Berlusconi riunisce i vertici di partito

10.15 Addio al Campo Largo

Letta è tornato a parlare del “campo largo”, ovvero della possibile alleanza pd-M5s per le prossime elezioni. Per il segretario dem, infatti, la “scelta” fatta da Conte “divide” le strade dei due partiti. Intanto Letta torna a chiedere un “confronto in Parlamento”

10.00 M5S, i governisti provano a ricucire

Grandi movimento nel Movimento. Il ministro D’Incà, infatti sta cercando di parlare con i gruppi che compongono la maggioranza per evitare il voto di fiducia sul dl Aiuti. Sarebbe un trucchetto parlamentare che permetterebbe al M5S di uscire dall’aula, e non votare il decreto, senza per questo provocare una crisi di governo. A quel punto si tratterebbe solo di una astensione ad un voto normale e non dell’astensione ad un voto di fiducia.

09.30 Castaldi (M5S): “Per noi non c’è nessuna crisi di governo, noi ci siamo”.

08.40 Di Maio: “Serve verifica di maggioranza”

Dopo la scissione dal M5S, Di Maio a capo del suo Insieme per il Futuro chiede una verifica di maggioranza: “Non votare la fiducia al governo è un fatto grave, è doverosa una verifica di maggioranza. Una crisi di governo nel bel mezzo di una guerra è un chiaro atto di irresponsabilità, così si condanna il Paese al baratro”

08.30 Calenda e Toti: “Governo avanti senza M5S”

08.20 Oggi Draghi sale al colle: crisi di governo?

Secondo diversi quotidiani, dopo la formalizzazione dello strappo, Mario Draghi dovrebbe salire al Colle per riferire a Mattarella

Ore 08.00 Mulè (Fi): “Difficile proseguire solo col Pd”

Il sottosegretario azzurro dà voce a quelli che già erano ieri i dubbi di Berlusconi. Secondo Forza Italia senza il M5S ci sono i numeri per governare, ma certo è “difficile proseguire solo con il Pd”. La Lega, alleata di centrodestra, chiede le urne. In tarda serata di ieri il Carroccio ha diffuso questa nota: “Telefonata tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi per commentare la situazione politica e ribadire “piena sintonia”. I due leader si risentiranno domani: a maggior ragione in questa fase delicata, il centrodestra di governo prenderà decisioni comuni”

01.00 Conte accusa Di Maio: “Fibrillazioni da chi ha creato un nuovo gruppo”

00.15 Letta pronto a chiedere una verifica di maggioranza