in

Cry Macho: Clint Eastwood e il tempo che passa. É la resa dell’ultimo cowboy?

Clint Eastwood Cry Macho
Clint Eastwood Cry Macho

Dimensioni testo

“I don’t know how to cure old”. Non so come curare la vecchiaia. E’ la frase che forse rimane più impressa nel vedere Cry Macho, il nuovo film diretto e interpretato da Clint Eastwood uscito ieri negli Stati Uniti (in Italia dovremo attendere ancora un po’). La pronuncia (riferita ad un cane) proprio Mike Milo, il protagonista della storia impersonato dallo stesso Eastwood. Ed è effettivamente quello che lo spettatore prova dal minuto 1 nel vedere un vecchio cowboy di 91 anni suonati che ha ancora tantissima voglia di stare in sella ma che il tempo sta consumando inesorabilmente. In Cry Macho i cattivi quasi non esistono, l’azione è poca e l’unica vera antagonista sembra essere appunto la vecchiaia contro cui non esistono rimedi. In diversi punti del film viene quasi voglia di entrare nello schermo per sorreggere il pluripremiato attore e regista o per risparmiargli un’eventuale caduta da cavallo. Perché nella nella testa dei suoi fan non esistono controfigure, deve essere proprio lui a montare i cavalli selvaggi e a domarli. Abbiamo bisogno di credere che sia così.

La trama

Cry Macho, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di N. Richard Nash, racconta la storia di Mike Milo, un’ex stella del rodeo con un passato difficile che, per ripagare un debito nei confronti del suo benefattore, decide di andare in Messico per riportargli a casa il figlio. Durante questo viaggio, che doveva essere di breve durata, ma che si rivelerà non privo di insidie e fuoriprogramma, i due sviluppano un rapporto di grande fiducia e, a tratti, sembra quasi di rivedere Walt Kowalsky, l’amatissimo protagonista di Gran Torino, solo più anziano, più magro e con una voce più flebile. Età a parte, è il solito vecchio Clint, nella sua veste più classica. Cappello da cowboy, stivali, cinturone e tanta bontà nei confronti del prossimo e anche degli animali. Prima di riportare il ragazzino al di là della frontiera gli insegnerà ovviamente a cavalcare. Non sia mai che arrivi in Texas senza saperlo fare! Per il resto, di concetti libertari ne emergono meno del solito. Milo è un personaggio più concentrato sulla sua interiorità, sulla massima socratica del “so di non sapere” e sulla ricerca di quella serenità che gli permetta di condurre serenamente in porto la sua esistenza.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Rossella Scarfi
Rossella Scarfi
20 Settembre 2021 17:54

Ho sempre pensato che dietro quegli occhi di ghiaccio si nascondesse una non comune sensibilità e una tenerezza che a pochi è concessa.

luca
luca
20 Settembre 2021 9:33

eri il mio eroe da ragazzo, ora sono un vecchio e ancora lo sei. è facile avere ideali da giovane, quando non conosci il prezzo da pagare, difficile quando sai cosa costano: solitudine, abbandono disprezzo. e doverlo comunque fare, per reggere ancora lo sguardo che quella faccia scavata ti rimanda dallo specchio. grazie Clint

Pico
Pico
19 Settembre 2021 13:52

Lui si, un grande Repubblicano, amante della libertà e dei doveri che la garantiscono nell’acquisirla in toto. Anni luce dall’Italietta attuale.

Nicola
Nicola
19 Settembre 2021 13:15

Evviva Clint!

Franca
Franca
19 Settembre 2021 8:32

Spero che Hollywood cloni Clint Eastwood perché con i personaggi che girano ora, troppo politically correct, temo non proveremo più l’emozione della libertà della verità che ci trasmette questo grande attore

Laura pistelli
Laura pistelli
19 Settembre 2021 2:40

Un Clint immenso, un uomo, un attore, un eroe che dovrebbe essere immortale, I love Clint❤️

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
18 Settembre 2021 21:58

A chi, zoppicando un po’, mi dice: “Ah, che brutto, invecchiare!”
Rispondo: “L’alternativa è morire giovani, l’avresti preferito?”
Se ne vanno, un po’ meno accigliati.
Maestro Clint, da “I ponti di Madison County” ha trasmesso la forza della maturità, l’impaccio che certe sensibilità producono negli uomini “costruiti”, dimostrato un grande cuore.
Che nel copione, magari, viene definito “fegato”.
Dài, ancora uno, e poi un altro…
Grazie.

Marco Rossi
Marco Rossi
18 Settembre 2021 21:43

Tifoso di Federer? Certo!!! come me e di Clint sempre come me