News

Lobby Exchange

Gli exchange guidano un rialzo delle spese di lobbying nonostante il calo del mercato

Guidato dagli exchange il lobbying del settore delle criptovalute è cresciuto del 17% nel secondo trimestre nonostante il mercato ribassista.

3k 0
Gli exchange guidano un rialzo delle spese per lobbying nonostante il calo del mercato

Nonostante il forte calo del mercato crypto e il crollo di alcuni importanti progetti e piattaforme legate alle criptovalute tra maggio e giugno, l’industria delle criptovalute ha continuato a versare denaro in programmi di lobbying.

Secondo un’analisi realizzata dalla rivista The Blockle spese cumulative di lobbying da parte delle società di criptovalute nel secondo trimestre del 2022 hanno raggiunto $ 6.751.500.” Il trimestre precedente aveva visto un totale di $ 5.772.408.

Questo aumento di quasi il 17% è molto rilevante se contestualizzato in un momento in cui la capitalizzazione di mercato delle criptovalute è scesa da oltre $ 2 trilioni a meno di $ 900 miliardi.

>> Potrebbe interessarti anche “Marketcap: cos’è la capitalizzazione di mercato”

A causa del crollo dei prezzi delle criptovalute, della conseguente paura degli investitori che ha scatenato una ondata di de-risking, causando a sua volta la corsa ai prelievi, molte importanti aziende hanno perso liquidità, alcune fino a cadere in default o in bancarotta.

In questo contesto la spesa per la lobbying aumenta

Le società che hanno sostenuto più di $ 100.000 in attività di lobbying nel secondo trimestre 2022 includevano realtà come Chainalysis, Celo Foundation, DeFi Education Fund, Binance US, FTX US, Crypto.com, Meta Platforms, Electronic Transactions Association, la Blockchain Association e Robinhood Markets.

A guidare la crescita delle lobby sono stati in particolare gli exchange di criptovalute: la spesa degli exchange di criptovalute o delle organizzazioni che li rappresentano è cresciuta da $ 1.190.030 a $ 2.210.000 da un trimestre all’altro.

Il più grande investitore individuale rimane Coinbase con un $ 1 milione; seguono poi Crypto.com che ha dichiarato spese di lobbying per $ 430.000 (l’anno scorso nessun costo) e FTX che con $ 270.000, incluso il lancio del suo primo lobbying interno.

L’Association of Digital Asset Marketplaces, o ADAM, che ha come scopo essere un’organizzazione di autoregolamentazione per gli scambi di criptovalute, ha ampliato un contratto di lobbying con Conaway Graves avviato a marzo.

Anche Uniswap Labs, che gestisce e sviluppa Uniswap la più grande piattaforma di scambio decentralizzato, ha iniziato a fare lobby per la prima volta, riportando un nuovo contratto da $ 10.000 con Diroma Eck & Co. .

Il Team di BTCSentinel, 26 luglio 2022