in

Desirée e il vergognoso silenzio del movimento #metoo

Sono passati diversi giorni, ormai, dalla tragica scoperta dello stupro e della morte della sedicenne Desirée Mariottini: tantissimi si sono espressi, e molti hanno un pezzo di ragione.

Ha ragione chi denuncia (argomento facile, si dirà: ma impossibile da confutare) un’immigrazione clandestina e illegale fuori controllo. Ha ragione chi lamenta l’esistenza anche in Italia di vere e proprie “no-go zones”, cioè di aree sottratte alla legalità, dove può accadere di tutto. Ha ragione chi (penso alla meritoria battaglia di Confedilizia) si batte contro la piaga delle occupazioni abusive di immobili. Ha ragione chi mette in discussione l’attuale legislazione sulle droghe, che consegna un immenso mercato alle mafie italiane e straniere. Hanno ragione in tantissimi, come si vede.

C’è una sola parte il cui silenzio mi pare incredibile, e direi perfino disgustoso. Dove stanno tante madrine del movimento #metoo, pronte da mesi a prendersela col produttore Tizio, col regista Caio, con l’attore Sempronio, ma stavolta mute, afone, giù di voce? Dove stanno le paladine in servizio permanente effettivo contro il femminicidio, a patto – si capisce – che l’orco sia maschio e autoctono? Dove stanno le militanti femministe, incredibilmente comparse sulla scena del crimine solo per fischiare Salvini?

Evidentemente, l’idea di una minorenne appositamente sedata e drogata, poi addirittura rianimata per tenere in qualche modo il suo corpo a portata di stupro, quindi violentata per ore a turno, e infine lasciata esanime su un letto lurido, non è un argomento sufficiente – per alcune – per suscitare una parola, una sillaba, un sospiro.

Daniele Capezzone, 29 ottobre 2018

Condividi questo articolo

5 Commenti

Scrivi un commento
  1. PRIMO LEGGETEVI QUESTA STORIA https://www.ciociariaoggi.it/news/cronaca/67221/morte-desiree-il-padre-aveva-cercato-di-salvarla-ma-era-finito-ai-domiciliari IL PADRE AVEVA CERCATO DI SALVARLA MA SICCOME NON SI FA ALTRO CHE DENIGRARE LA FIGURA MASCHILE E SOPRATTUTTO QUELLA DEI PADRI INVENTANDO UN’ITALIA DI FANTOMATICI UOMINI VIOLENTI, ECCO IL RISULTATO….. SECONDO, SULLA STUPRO ANCORA NON C’E’ CONFERMA, COME AL SOLITO CE LO METTONO DI MEZZO GLI INQUIRENTI, CHE E’ MOLTO FACILE PER LORO METTERCI IN MEZZO LE SOLITE STORIELLE, MOLTO PIU’ FATICOSO INVECE INDAGARE A FONDO PER SAPERE COSA E’ VERAMENTE SUCCESSO…RICORDO INFINE CHE MOLTISSIMI STUPRI ALLA FINE SI SCOPRONO FALSI A VOLTE DOPO ANNI, QUINDI CHI ME LO DICE CHE ANCHE QUI NON E’ SUCCESSO?

  2. PRIMO LEGGETEVI QUESTA STORIA https://www.ciociariaoggi.it/news/cronaca/67221/morte-desiree-il-padre-aveva-cercato-di-salvarla-ma-era-finito-ai-domiciliari IL PADRE AVEVA CERCATO DI SALVARLA MA SICCOME NON SI FA ALTRO CHE DENIGRARE LA FIGURA MASCHILE E SOPRATTUTTO QUELLA DEI PADRI INVENTANDO UN’ITALIA DI FANTOMATICI UOMINI VIOLENTI, ECCO IL RISULTATO….. SECONDO, SULLA STUPRO ANCORA NON C’E’ CONFERMA, COME AL SOLITO CE LO METTONO DI MEZZO GLI INQUIRENTI, CHE E’ MOLTO FACILE PER LORO METTERCI IN MEZZO LE SOLITE STORIELLE, MOLTO PIU’ FATICOSO INVECE INDAGARE A FONDO PER SAPERE COSA E’ VERAMENTE SUCCESSO…RICORDO INFINE CHE MOLTISSIMI STUPRI ALLA FINE SI SCOPRONO FALSI A VOLTE DOPO ANNI, QUINDI CHI ME LO DICE CHE ANCHE QUI NON E’ SUCCESSO???

  3. Ovvio che quelle del movimento #metoo non protestino. Questa è una vera violenza.
    Il movimento #metoo è la cosa più triste, falsa e ipocrita nata negli ultimi anni.

  4. Fosse per me farei un ragu’ con tutta sta gente politici che li hanno fatti entrare compresi..non puoi prendere una bestia cresciuta allo stato brado,e inserirla subito in un paese civile senza pensare che non faccia danni.
    Questa Italia fa schifo

  5. Ai tempi di “se non ora, quando?” mi ricordo bene che c’era pure la suora in servizio permanente effettivo pro dignità della donna. Di fronte a un tal indicibile scempio della persona di Desirée , sfigurata e violentata , hanno perso la favella e la dignità , quelle ridicole suffragette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *