Dopo santi ed eroi, ci resta solo Sfera Ebbasta

Condividi questo articolo


Un tempo venivano dedicate le piazze delle città a eroi, santi, padri della patria, oggi a Sfera Ebbasta, il trapper noto alle cronache per le sue canzoni piene di violenza ed elogi della droga al punto da essere indagato (poi archiviato) lo scorso anno dalla Procura di Pescara per “istigazione di sostanze stupefacenti”. Non certo un esempio per le giovani generazioni a giudicare dai contenuti dei suoi interventi pubblici, eppure il primo cittadino di Cinisello Balsamo ha pensato di dedicargli una piazza in centro città (seppur temporanea).

Il sindaco ha motivato la sua decisione per offrire “un riconoscimento per un artista che, indipendentemente dai gusti musicali di ciascuno di noi, ha indiscutibilmente raggiunto una serie di traguardi importanti ed è diventato famoso in tutto il mondo”. La politica dovrebbe ricordare ed esaltare esempi virtuosi, soprattutto per le giovani generazioni. Il fatto che Sfera Ebbasta abbia successo per le sue canzoni non significa necessariamente che il contenuto o i messaggi che veicola siano di valore, al contrario molte sue opere sono diseducative, così come i contenuti dei suoi social rappresentano un misto di ostentazione, strafottenza, diti medi, coattaggine.

Ma c’è un elemento in questa vicenda che rende il riconoscimento a Sfera Ebbasta ancora più grave ed è il fatto che nasca da un sindaco di centrodestra. Cosa abbia a che fare Sfera Ebbasta con i valori della destra è una domanda retorica la cui risposta è scontata: nulla. Ma la scelta del primo cittadino di Cinisello nasconde un altro grave problema ed è il complesso di inferiorità ingiustificato del mondo della destra quando si parla di cultura. Per quale motivo dedicare una piazza a una figura come Sfera Ebbasta quando esistono fior fiori di musicisti, intellettuali, scrittori, giornalisti che hanno dato un contributo ineguagliabile alla cultura italiana e che non sono ricordati dalla toponomastica dei nostri comuni? Perché non portare avanti una seria azione culturale nel momento in cui si amministrano i comuni facendo emergere figure che meriterebbero ben altra visibilità?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


31 Commenti

Scrivi un commento
  1. trovate il problema in ogni cosa, io penso che il vero problema è la vostra invidia nei confronti di un ARTISTA che è diventato di fama mondiale, al contrario tuo che stai commentandolo in un blog di *****.

  2. Penso che l’articolo sia frutto di una retorica che si ripete ciclicamente nella storia. Una retorica che purtroppo è frutto sia dell’ignoranza che della disinformazione, fondata sulla distinzione tra una presunta arte moralmente giusta e una arte moralmente sbagliata. I temi affrontati dalla musica di Sfera Ebbasta sono temi ricorrenti (a mio avviso vecchi e stantii) sia nella musica quanto nella poesia che nell’arte in generale. Potrei citare infiniti esempi, mi limiterò a ribadirne qualche d’uno: la poesia dei poeti maledetti francesi , i poeti maledetti italiani come Emilio Praga con il suo Manifesto della scapigliatura, D’Annunzio con i suoi comportamenti non certo “moralmente” accettabili, i Beatles con “Lucy in the sky with diamonds” o ancora Vasco Rossi, De andrè… Insomma di messaggi “sbagliati” l’arte ne è piena, la condanna che l’articolo vuole fare risulta quindi ipocrita e ad un lettore informato ,imbarazzante. Concludo dicendo che la piazza è stata fatta per scopi puramente promozionali e verrà rimossa nel giro di mesi.

  3. Mi domando come si possa pensare che la lega con Salvini, il quale combatte contro la delinquenza e la droga sia responsabile di questo scellerato esempio fermo restando che il sindaco dovrà rispondere di questa sua scelta negativa per quanto rappresenta Sfera Ebbasta nelle sue canzoni inneggianti alla droga e alla delinquenza.

  4. Approvo. Sì può apprezzare il personaggio o meno, ma vogliamo metterci a leggere le targhe che intitolano vie e piazze delle nostre città?
    Nino Bixio, per esempio: un garibaldino artefice del “massacro di Bronte”, nel quale vennero fucilati i braccianti in rivolta nonché i pochi alfabetizzti del borgo, onde non ci fossero “testimoni scomodi” del fatto;
    Luigi Cadorna, ritenuto responsabile, vista l’arretratezza della sua guida delle truppe, della disfatta di Caporetto;
    Bava Beccaris, che ordinò di sparare sulla folla milanese che protestava per il prezzo del pane, causando 83 vittime, tutti civili.
    Divertiamoci con Maps a trovare i personaggi storici che più deprechiamo, ci sono tutti. Anche Stalin e Mussolini.

    Sfera Ebbasta è molto meno ignorante di tanti suoi fans, e dei loro genitori che non sanno distinguere fra un locale da concerti ed una stalla con le lucine appese, priva di uscite di sicurezza, sistemi antincendio e quant’altro.

    Quanto alla propaganda degli stupefacenti: Lucy in the Sky with Diamonds è del 1967, epoca di Jim Morrison, Jimi Hendrix, e tanti altri “profeti” che avrebbero circa 90 anni oggi. Da quale pulpito, quindi?

    Il film: “The Wall” dovrebbero vederlo tutti, d’accordo. Gli adulti.
    Perché se i ragazzi lo capissero ci finiremmo noi 40-50-60enni, nel tritacarne.
    Ed avrebbero ragione! Ciò che sta succedendo oggi non è certo colpa loro…
    Ci troviamo in Cadorna, dicono, strafregandosene, di chi era. Saggi.

    • Cadorna è responsabile di molto peggio di Caporetto: 600 000 morti per la tattica (?) degli attacchi frontali da lui definiti spallate, non contando dispersi, feriti e/o mutilati. Fra l’altro dispensava encomi per la pratica delle decimazioni onde sopprimere la paura di andare incontro a morte quasi certa.
      Mettevano i carabinieri dietro nelle trincee a sparare a chi non avanzava.
      Il COVID 19 è un dilettante al confronto.
      Mi fermo perché sembra abbastanza esplicativo.

      • Grazie per l’approfondimento. Ed il Gen. Antonio Cantore? Ci abitavo in via a lui intitolata.. Comunque tutti diventati senatori della neonata Repubblica, mi pare.

        • Ufficialmente ucciso da un cecchino Austro ungarico.
          Alcuni dubbi su una vendetta per la maniera non proprio umana con cui trattava i suoi soldati (un po’ stile Cadorna, un apprendista comunque almeno nei numeri).

        • Riassumo: Cadorna fu senatore del Regno d’Italia, morendo nel 1928 la repubblica era di là da venire (1928 è a 20 anni dal 1948, referendum taroccato).
          Quanto a Cantore non mi risulta nessuna carica politica. Per approfondimenti sulla sua vicenda consiglio “Le aquile delle Tofane” di Luciano Viazzi.
          Stia bene.

    • Con ‘sta storia del “massacro di Bronte” i sinistroidi ci hanno rotto le palle per tutto il dopoguerra; vediamo di ristabilire un po’ i fatti: A Bronte ci fu una rivolta (come in altre parti della Sicilia) in cui furono uccise 13 persone, incendiate e saccheggiate case, ecc. i fucilati dopo sentanza furono 5, quindi il “massacro” lo fecero casomai i rivoltosi; Bixio fu inviato da Garibaldi per ristabilire l’ordine e punire i colpevoli. Compito che eseguì malvolentieri (come testimonia una lettera inviata alla moglie) il fatto è che i siciliani pensavano che con Garibaldi si potesse “fare la rivoluzione e ammazzare tutti i borghesi, i notabili, ecc.) se interessa, visto che la Storia non viene studiata a sufficienza, i
      siciliani si macchiarono di fatti efferati contro i soldati napoletani feriti che vennero spesso trucidati (lo storico Cardini parla addirittura di epsodi di cannibalismo) mi ricordo in particolare di uno sciancato che con uno spiedo uccideva i feriti, finché un ufficiale garibaldino gli tirò una revolverata. Ne parla G.C. Abba nel suo libretto ‘Da quarto al Volturno’..studiate un po’ di più, prima di scrivere castronerie..usate il computer, navigate, navigare necesse est!

  5. Desidero ricordare a questo squallido personaggio (il sindaco) che alla grande Oriana Fallaci non hanno dedicato nessuna via addicendo scuse varie. Sarebbe stato un bel colpo se il tale avesse legittimato una cosa del genere, ne avrebbe guadagnato molto, forse non dai giovani ma da persone civili e liberali.

    • Non so quale becera mente potrebbe collegare la musica ad uno schieramento politico. Voi generazione ormai adulta non dovreste parlare di ciò che non conoscete, sfera non manda messaggi. Sfera non istiga alle droghe. Avete mai tradotto un testo di qualche canzone di Drake? Travis Scott? Il genere trap si basa su quei concetti, concetti che lasciano il tempo che trovano e che vengono utilizzati per aumentare le sonorità delle basi musicali. Questo lo sa qualsiasi fan di Sfera, di certo Vasco Rossi ha visto mille volte più cocaina di Sfera, ma questo a voi non interessa. Sfera è il capro espiatorio di una generazione adulta che non lo comprende, nonché una strumentalizzazione politica. Schifo.

  6. Ben detto, Giubilei!
    Sarà che i politicanti hanno paura di perdere consensi, altrimenti non mi spiego la decisione del sindaco in questione.
    Piuttosto, agli attuali giovani facciamo ascoltare – e vedere il video di -“Another Brick in the Wall” dei grandissimi Pink Floyd: una bella lezione sull’indottrinamento, più che mai attuale!!

  7. Ben prima di dividersi tra destra, sinistra e centro i politici si dividono in cretini e intelligenti. E basta e avanza.

  8. Ovviamente questo sindaco è un CRETINO …mi spiace che sia di centrodestra ma tant’è. Ma che niente niente ora si sono inventati anche le p.ze sospese…come il caffè? La lapide di Genova invece me la sono persa…azz

    • Perché, pensava che i sindaci di centrodx fossero migliori? Come il sindaco di Verona che vieta le passeggiate in centro pur essendo zona gialla? O quello di Cittadella che vieta di fumare all’aperto?

    • Sono puzza di invidia Sig. Giubilei, si ricordi che questo artista sta riportando nuovamente la musica Italiana all’estero. Indipendentemente dai gusti musicali i dati parlano, le classifiche parlano, i commenti di artisti big all’estero parlano. Riportare la nostra musica all’estero vuol dire smuovere nuovamente un economia che in questo paese attualmente sta morendo. Gli invidiosi parlano, ma si ricordi che sfera a fine giornata ha il portafogli mille volte più pieno del suo

  9. Ero rimasto che per poter intitolare una via o una piazza a qualcuno (ovviamente defunto), dovevano essere trascorsi almeno dieci anni dalla sua dipartita. Fossi in ‘sto rapper mi toccherei là dabbasso.

  10. Mi sembra un bel passo avanti rispetto a Genova dove c’ è una lapide commemorativa dove è morto Carlo Giuliani che a volto coperto cercava di accoppare i carabinieri , non mi meraviglio.
    Fra poco intitoleremo una piazza a Carola Rakete.
    Chissà cosa ne pensa Salvo d’ Acquisto con le sue viucce e piazzette che fra poco scompariranno per fare posto a ben altri eroi.
    Ironico

  11. Quando sento sfera e basta non posso fare a meno di pensare a quella ragazzina di 12 anni morta con la sua mamma nella “discoteca” di Corinaldo, un locale fatiscente dove avevano ammassato centinaia di ragazzini in attesa, nemmeno di un concerto, di una breve apparizione di questo pseudo artista, arrivato poi con ore di ritardo… non era responsabilità sua diretta, ma io gli avrei tolto anche il microfono per un po’….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *