in

Dopo santi ed eroi, ci resta solo Sfera Ebbasta

Dimensioni testo

Un tempo venivano dedicate le piazze delle città a eroi, santi, padri della patria, oggi a Sfera Ebbasta, il trapper noto alle cronache per le sue canzoni piene di violenza ed elogi della droga al punto da essere indagato (poi archiviato) lo scorso anno dalla Procura di Pescara per “istigazione di sostanze stupefacenti”. Non certo un esempio per le giovani generazioni a giudicare dai contenuti dei suoi interventi pubblici, eppure il primo cittadino di Cinisello Balsamo ha pensato di dedicargli una piazza in centro città (seppur temporanea).

Il sindaco ha motivato la sua decisione per offrire “un riconoscimento per un artista che, indipendentemente dai gusti musicali di ciascuno di noi, ha indiscutibilmente raggiunto una serie di traguardi importanti ed è diventato famoso in tutto il mondo”. La politica dovrebbe ricordare ed esaltare esempi virtuosi, soprattutto per le giovani generazioni. Il fatto che Sfera Ebbasta abbia successo per le sue canzoni non significa necessariamente che il contenuto o i messaggi che veicola siano di valore, al contrario molte sue opere sono diseducative, così come i contenuti dei suoi social rappresentano un misto di ostentazione, strafottenza, diti medi, coattaggine.

Ma c’è un elemento in questa vicenda che rende il riconoscimento a Sfera Ebbasta ancora più grave ed è il fatto che nasca da un sindaco di centrodestra. Cosa abbia a che fare Sfera Ebbasta con i valori della destra è una domanda retorica la cui risposta è scontata: nulla. Ma la scelta del primo cittadino di Cinisello nasconde un altro grave problema ed è il complesso di inferiorità ingiustificato del mondo della destra quando si parla di cultura. Per quale motivo dedicare una piazza a una figura come Sfera Ebbasta quando esistono fior fiori di musicisti, intellettuali, scrittori, giornalisti che hanno dato un contributo ineguagliabile alla cultura italiana e che non sono ricordati dalla toponomastica dei nostri comuni? Perché non portare avanti una seria azione culturale nel momento in cui si amministrano i comuni facendo emergere figure che meriterebbero ben altra visibilità?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Simone
23 Novembre 2020 14:22

trovate il problema in ogni cosa, io penso che il vero problema è la vostra invidia nei confronti di un ARTISTA che è diventato di fama mondiale, al contrario tuo che stai commentandolo in un blog di *****.

Jessica
Jessica
23 Novembre 2020 12:26

Sfera, sempre il migliore ❤

Federico Sala Mario
Federico Sala Mario
23 Novembre 2020 10:12

Penso che l’articolo sia frutto di una retorica che si ripete ciclicamente nella storia. Una retorica che purtroppo è frutto sia dell’ignoranza che della disinformazione, fondata sulla distinzione tra una presunta arte moralmente giusta e una arte moralmente sbagliata. I temi affrontati dalla musica di Sfera Ebbasta sono temi ricorrenti (a mio avviso vecchi e stantii) sia nella musica quanto nella poesia che nell’arte in generale. Potrei citare infiniti esempi, mi limiterò a ribadirne qualche d’uno: la poesia dei poeti maledetti francesi , i poeti maledetti italiani come Emilio Praga con il suo Manifesto della scapigliatura, D’Annunzio con i suoi comportamenti non certo “moralmente” accettabili, i Beatles con “Lucy in the sky with diamonds” o ancora Vasco Rossi, De andrè… Insomma di messaggi “sbagliati” l’arte ne è piena, la condanna che l’articolo vuole fare risulta quindi ipocrita e ad un lettore informato ,imbarazzante. Concludo dicendo che la piazza è stata fatta per scopi puramente promozionali e verrà rimossa nel giro di mesi.

Laval
Laval
22 Novembre 2020 5:21

Mi domando come si possa pensare che la lega con Salvini, il quale combatte contro la delinquenza e la droga sia responsabile di questo scellerato esempio fermo restando che il sindaco dovrà rispondere di questa sua scelta negativa per quanto rappresenta Sfera Ebbasta nelle sue canzoni inneggianti alla droga e alla delinquenza.

Laval
Laval
22 Novembre 2020 5:05

Comune di Cinisello Balsamo, la maggioranza risponde al Pd.

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
21 Novembre 2020 18:39

Approvo. Sì può apprezzare il personaggio o meno, ma vogliamo metterci a leggere le targhe che intitolano vie e piazze delle nostre città? Nino Bixio, per esempio: un garibaldino artefice del “massacro di Bronte”, nel quale vennero fucilati i braccianti in rivolta nonché i pochi alfabetizzti del borgo, onde non ci fossero “testimoni scomodi” del fatto; Luigi Cadorna, ritenuto responsabile, vista l’arretratezza della sua guida delle truppe, della disfatta di Caporetto; Bava Beccaris, che ordinò di sparare sulla folla milanese che protestava per il prezzo del pane, causando 83 vittime, tutti civili. Divertiamoci con Maps a trovare i personaggi storici che più deprechiamo, ci sono tutti. Anche Stalin e Mussolini. – Sfera Ebbasta è molto meno ignorante di tanti suoi fans, e dei loro genitori che non sanno distinguere fra un locale da concerti ed una stalla con le lucine appese, priva di uscite di sicurezza, sistemi antincendio e quant’altro. – Quanto alla propaganda degli stupefacenti: Lucy in the Sky with Diamonds è del 1967, epoca di Jim Morrison, Jimi Hendrix, e tanti altri “profeti” che avrebbero circa 90 anni oggi. Da quale pulpito, quindi? – Il film: “The Wall” dovrebbero vederlo tutti, d’accordo. Gli adulti. Perché se i ragazzi lo capissero ci finiremmo noi 40-50-60enni, nel tritacarne. Ed avrebbero ragione! Ciò che sta succedendo oggi non è certo colpa… Leggi il resto »

Geometra 67
Geometra 67
21 Novembre 2020 17:44

E poi a dx si stupiscono che non riescono a governare da 10 anni
Ma chi li mette in lista certi personaggi?

Michael
Michael
21 Novembre 2020 16:11

Non penso di aver mai letto un articolo più ignorante