in

E dalle tracce di maturità sbucò Tomaso Montanari…

L’immenso poeta Giuseppe Ungaretti, il grande letterato Leonardo Sciascia e… Tomaso Montanari. Che cosa hanno in comune due dei principali autori della letteratura italiana con il critico d’arte fiorentino conosciuto più per i fallimentari tentativi politici di costituire un nuovo partito di estrema sinistra piuttosto che per il suo contributo alla cultura italiana? Certamente non la statura intellettuale e né la qualità della produzione editoriale, eppure qualcuno al Ministero dell’Istruzione deve aver pensato a una brillante intuizione quando ha deciso di inserire un brano tratto dal libro “Istruzioni per l’uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà” di Montanari come traccia alla maturità.

Una decisione grave sotto vari punti di vista. Anzitutto l’autore in questione non ha un profilo e un curriculum idoneo per essere equiparato agli altri autori scelti che rappresentano il gotha della cultura nazionale, in secondo luogo, proprio pochi giorni fa, Montanari (che insieme a Carlo Ginzburg, il collettivo Wu Ming, Zerocalcare, Roberto Piumini e Salvatore Settis è stato tra coloro che hanno deciso di non partecipare al Salone del libro per protesta) ha scritto un ingiurioso tweet contro l’appena scomparso Zeffirelli e Oriana Fallaci che è agli antipodi delle finalità pedagogiche necessarie a un autore che viene scelto per le tracce della maturità: “Si può dire che il #maestro Scespirelli era un insopportabile mediocre, al cinema inguardabile? E che fanno senso gli alti lai della Firenzina, genuflessa in lutto o in orbace, ai piedi suoi e dell’orrenda Oriana? Dio l’abbia in gloria, con Portesante e quel che ne consegue. Amen”.

Condividi questo articolo

5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ogni anno le tracce dei temi per la maturità mi gettano nel più profondo sconforto. Sembrano pensate per essere svolte con successo solo da chi sappia imbastire triti luoghi comuni sinistresi. Così entrano nella vita adulta generazioni di ipocriti conformisti.

  2. Montanari è un supponente caxxone, incapace di prendere in considerazione qualsiasi posizione diversa dalla propria, che tramuta subito nel male o in errore oggettivamente dimostrabile. Certo però che anche ‘il mondo politico conservatore, liberale e sovranista’ è suggestivo come ossimorico progetto politico fallimentare.

  3. Ungaretti dice in una sua poesia: “M’illumino d’immenso”.
    Per Montanari, e non solo per questi, non si possono usare le stesse parole, ma piuttosto: “Sgomento per tanta bassezza”, ovviamente, intellettuale, artistica ed umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.