in

È l’ora di dire basta alla coppia Conte-Casalino

Dimensioni testo

A partire naturalmente da Nicola Porro, diverse voci, su questo sito, hanno settimana per settimana indicato gli errori del governo: in termini di sottovalutazione, di confusione, di ritardo, di strategia complessivamente sbagliata.

Risultato? L’emergenza sanitaria è ormai tragica, non solo drammatica. È alle viste un’emergenza economica devastante. E sullo sfondo – non va trascurata nemmeno quella – c’è un’emergenza geopolitica, con lo scarrellamento dell’Italia nell’orbita cinese. Deriva paradossale: prima contagiati, e poi trasformati in palcoscenico globale della propaganda di Pechino.

Il weekend ha fatto il resto: ennesima conferenza notturna del Presidente del Consiglio, altra incertezza, altra comunicazione che crea panico, anziché circoscriverlo. E soprattutto, nessun orizzonte, nessuna direzione di marcia comprensibile: se non un’attesa (a questo punto, c’è da temere, fideistica) dei risultati del lockdown, che per ora, dopo quasi due settimane, ancora non si vedono. Anzi.

C’è anche – inutile girarci intorno – un problema politico e costituzionale. Tutto avviene con un Parlamento non convocato da tempo, regolarmente scavalcato attraverso Dpcm (cioè di fatto decreti ministeriali, atti amministrativi), e un’ambiguità di fondo per cui si chiede unità all’opposizione, ma il governo ne respinge le richieste più sensate (quelle sulla moratoria fiscale).

Nella forma, tutto è affidato a comunicazioni via Facebook e a norme di livello secondario, senza vaglio parlamentare. Nella sostanza, a forza di chiudere (peraltro, senza risorse adeguate e senza prospettiva), rischia presto di non esserci molto da riaprire.

Nella Prima Guerra Mondiale, dopo Caporetto, si chiese a Cadorna di lasciare la guida militare. Gli subentrò Diaz, e ci si incamminò verso Vittorio Veneto. Senza polemiche, senza acrimonia, senza altre lacerazioni, è l’ora che il Capo dello Stato tiri le somme, dando vita in mezza giornata a un War Cabinet bipartisan, con il coinvolgimento di tutte le forze politiche e una guida autorevole, in grado di ripristinare la pratica del rispetto della Costituzione, di non sacrificare oltre un’economia già al collasso, di impedire il commissariamento del paese dall’estero (in forme più o meno “soft”), e anche di valutare la correggibilità di una strategia sanitaria che in alcune zone (Lombardia) è ormai obbligata, ma che in altre aree del paese – dove il contagio è ancora allo stadio iniziale – può consentire, sul modello sudcoreano, tamponi di massa, analisi più mirate, quarantene rigide ma dirette ai positivi, e l’individuazione e il tracciamento di filiere di positività.

Altrimenti, si dica che la strategia è solo: chiudere tutto e pregare. Ma potrebbe non bastare più.

Daniele Capezzone, 23 marzo 2020