in

“Ecco gli ebrei che dovremo uccidere”. La conferenza choc di Hamas

Dimensioni testo

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid, in visita ufficiale a Washington, ha incontrato la vicepresidente Kamala Harris alla quale ha espresso apprezzamento per la politica dell’amministrazione Biden nei confronti dello Stato Ebraico. Considerando però i trascorsi dell’attuale Presidente, che durante la sua carriera ha più volte attaccato Israele e i suoi rappresentanti, e la recente risposta anti-israeliana che proprio la Harris ha dato a una domanda di una studentessa araba che chiedeva come mai gli Usa continuassero a elargire aiuti militari allo Stato Ebraico, si è certamente trattato di un incontro di puro protocollo. Frasi condite con poca verità e tanta ipocrisia, che in fondo sono gli ingredienti principali della politica e della diplomazia.

Le intenzioni di Biden

I ventidue minuti che Lapid e la Harris hanno passato insieme, praticamente il tempo per un caffè o un tè caldo, hanno avuto solo un significato formale perché gli argomenti seri sono stati affrontati durante la riunione a due con il Segretario di Stato Tony Blinken. Riunione che è poi diventata a tre con la partecipazione del ministro degli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti Sheikh Shakhboot Nahyan Al Nahyan. Il Dipartimento di Stato Usa ha riaffermato l’intenzione da parte della nuova amministrazione di continuare nella politica di quella precedente, Trump docet, che ha portato alla firma degli Accordi di Abramo del 13 agosto 2020, accordi che hanno sancito la normalizzazione tra Israele e gli Emirati Arabi e tra Israele e Bahrein. L’unica differenza nelle politiche fra questa e la precedente amministrazione, e non è una questione di poco conto, è che mentre Trump cercava di costringere i palestinesi a scendere a compromessi e ad accettare un accordo con Israele, Biden e i suoi vogliono tornare al famoso slogan “due popoli e due Stati” con contatti diretti ai quali praticamente non crede più nessuno. Neanche molte nazioni arabe della regione.

Movimento di Resistenza Islamico, gli ideali

La ricerca dei contatti diretti è, ed è stata, un pieno fallimento fin dalla firma degli accordi di Oslo del 1993 che non hanno fatto altro che alimentare il terrorismo palestinese lasciando dietro di loro una scia di sangue da ambedue le parti. Inutile girarci intorno, continuare su questa strada per arrivare a un accordo di pace fra Israele e palestinesi che si basi su contatti diretti è una pia illusione a causa di diverse ragioni, a cominciare dal programma politico enunciato nello stesso statuto di Hamas datato 18 agosto 1988. Ad esempio l’articolo 11 cita: “Il Movimento di Resistenza Islamico crede che la terra di Palestina sia un sacro deposito (waqf), terra islamica affidata alle generazioni dell’Islam fino al giorno della resurrezione. Non è accettabile rinunciare ad alcuna parte di essa. Nessuno Stato arabo, né tutti gli Stati arabi nel loro insieme, nessun re o presidente, né tutti i re e presidenti messi insieme, nessuna organizzazione, né tutte le organizzazioni palestinesi o arabe unite hanno il diritto di disporre o di cedere anche un singolo pezzo di essa, perché la Palestina è terra islamica affidata alle generazioni dell’islam sino al giorno del giudizio”.

Mentre nell’articolo 13 leggiamo: “Le iniziative di pace, le cosiddette soluzioni pacifiche, le conferenze internazionali per risolvere il problema palestinese contraddicono tutte le credenze del Movimento di Resistenza Islamico. In verità, cedere qualunque parte della Palestina equivale a cedere una parte della religione. Il nazionalismo del Movimento di Resistenza Islamico è parte della sua religione, e insegna ai suoi membri ad aderire alla religione e innalzare la bandiera di Allah sulla loro patria mentre combattono il jihad”. Considerando questi presupposti è lecito chiedersi come possa la Casa Bianca continuare su questa via, soprattutto dopo la débâcle afgana che ha fatto perdere credibilità agli Stati Uniti in campo internazionale. È chiaro a tutti tranne che a Biden e alla sua amministrazione, che accordi diretti israelo-palestinesi sono ormai un capitolo da libro di fantasia.

La mossa di Hamas contro gli ebrei

Questa scelta è sicuramente parte del frutto avvelenato della vecchia politica liberal che persevera nell’errore anche davanti a fatti conclamati, e questo spiega anche perché non si continui nelle strategie vincenti della precedente amministrazione che hanno aperto la strada anche a nuovi accordi che si sono però insabbiati appena Biden è entrato nello Studio Ovale. L’attuale Presidente e il suo staff sono tornati indietro come tanti gamberi e rimangono sulle vecchie posizioni anche se Hamas, che in caso di elezioni politiche palestinesi avrebbe secondo tutti i sondaggi una maggioranza bulgara, reale o frutto di brogli, il 30 settembre scorso ha sponsorizzato una conferenza per spiegare al popolo palestinese cosa fare quando Israele sparirà.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Franz
Franz
14 Ottobre 2021 18:23

Molto utile la inovazione del articolo udibile….bravo Nicola avanti così

Davide V8
Davide V8
14 Ottobre 2021 18:09

Secondo me farebbe meglio a preoccuparsi di come Israele si stia autodistruggendo con la dittatura sanitaria.

Hamas sappiamo come la pensi, ma oggi preoccuparsi di Hamas assomiglia molto a preoccuparsi della guerra con l’Eurasia invece che del grande fratello interno.
Se qualcuno fosse maligno penserebbe che sia un diversivo, come Orwell insegnava.

marco
marco
14 Ottobre 2021 17:40

Due popoli e due stati non ha più senso. Israeliani e palestinesi dovranno abituarsi all’idea di convivere in un paese solo, come è successo in Bosnia e in Sudafrica. Condividendo il potere. E agli israeliani conviene anche darsi una mossa perchè il tempo e la demografia lavorano a favore dei palestinesi. Se da una parte tolgono di mezzo Hamas e dall’altra non votano più la destra sionista si può fare. Se non va bene, allora non resta che la guerra aperta.

Franco
Franco
14 Ottobre 2021 17:39

Dal titolo del post sembrava la terza puntata del filmato dell’inchiesta FANPAGE…..

Paola Marchesin
Paola Marchesin
14 Ottobre 2021 17:33

L’America con Biden sta tornando indietro‼️ E’ il crollo di una civilta’