in

Ecco la “donna dell’anno”

Giornali (cartacei e non), settimanali, riviste, bollettini parrocchiali e aziendali, a fine anno tutti si lanciano nel proporre “L’uomo dell’anno”. I criteri sono i più disparati, in genere più il media è prestigioso più il criterio è ovvio: scegliere un uomo di potere, meglio se al potere. In Italia, tempi duri per i candidati: i “Tecnici” hanno stufato, gli “Intellò” portano male, e si stanno sgonfiando, i “Competenti”, gettatisi a corpo morto contro i giallo verdi, stanno diventando incompetenti come loro. Roberto Saviano si è defilato, teme di perdere la scorta (quel buzzurro di Matteo Salvini è capace di tutto), e per lui, senza scorta, le vendite si azzererebbero. Milano 1 e Roma 1 hanno pianto in Parlamento con Emma Bonino, ma le lacrime radical-ztl non bucano più lo schermo (i giallo verde sono individui aridi, e la maggioranza di chi li vota è peggio di loro, ormai sono arrivati al punto che si eccitano, non con il sangue, ma con le lacrime).

Mario Draghi fino al 2020 non è candidabile (conflitto di interessi) per cui la bella foto di “lancio candidatura” sul volo Ryanair (che sfiga, aveva solo posti in turistica) non era uno scoop ma una fake truth uscita troppo presto. Rimaneva George Soros (nessuno è più uomo dell’anno di lui) ma se ne sono impossessati quei birbanti del Financial Times. A proposito di Soros, spesso mi chiedo: ma sarà proprio quel diavolo, astutissimo e malvagio, che le destre europee descrivono, e sul quale Viktor Orban ci campa da anni? A me fa più l’impressione di un vecchio semplice, biascica alla Bbc improbabili discorsi para filosofici, il classico nonno pieno di quattrini al quale i nipoti fanno schifo. Speriamo che quelli delle élite, disperati, non ripieghino su Papa Bergoglio o su Sergio Mattarella. Non lo facciano, sono personaggi troppo perbene per prestarsi alle pochade.

Non per dire, ma allora meglio il mio Blog. Quest’anno premio la “Donna dell’anno”, gli uomini non li reputo più degni di considerazione, stanno precipitando nell’eunuchismo parolaio. Per gli uomini ho creato il premio “L’Omesso” (quelli prima esaltati poi, chissà perché, obliati). L’ho assegnato a Sergio Marchionne. Lui è stato un personaggio straordinario, il più grande deal maker che abbia conosciuto, un genio del business, dimenticato dopo appena 48 ore dalla morte. In tempi non sospetti, sostenevo che il valore di borsa del titolo Fca quotava un 25% in più con lui Ceo. Persino nella morte il Ceo capitalism mostra il suo volto miserabile.

Per la “donna dell’anno”, in splendida solitudine, ho scelto Jacline Mouraud, 51 anni, bretone, madre di tre figli, 800 € al mese, un diesel di undici anni pagato allora 11.000 €. Erano gli anni in cui i “competenti” suggerivano di comprare i diesel per il loro minor costo di gestione e minori emissioni, poi si sono innamorati di Elon Musk, un birbante, ed è cambiato tutto. Hanno avuto un’idea bislacca: tassare il diesel dei contadini perché i bobos del XVI° possano scorrazzare sui Champs Élysées con la Tesla.

Con un video di 4 minuti 4 Jacline Mourand ha sistemato per sempre Emmanuel Macron, demolendo lui e la corte dei miracoli franco-europea che lo circondava. Chapeau!

Riccardo Ruggeri, 26 dicembre 2018

Condividi questo articolo
  • 642
    Shares

18 Commenti

Scrivi un commento
  1. certo che soros è uomo dell’anno, il giornale che lo ha nominato appartiene a lui…e poi uomo dell’anno per chi? non certo per noi, gente di buon senso, che ha ancora un autonomia di pensiero! è tutta gentaglia che ha per scopo solo speculazioni immorali e distruzione di popoli e finanze…basta smascherarli, tutti, e il mondo ritornerà migliore, senza certi personaggetti. bisognerebbe smascherare anche i giornali, perchè sono tutti di. proprietà talmudista saurocrtica sionisti, un bel cocktail…di materialismo distruttivo….

  2. Azzarderei gentile Ruggeri, una mia personalissima e suppongo opinabilissima spiegazione all’oblio italiano caduto su Sergio Marchionne. A mio modesto avviso da mettere in relazione con due elementi 1) Il forte scetticismo sulle mirabolanti doti dell’auto elettrica; 2) Il servilismo giornalaio ai potenti di turno, in questo momento il governo rosso verde e giallo. Cosa avrebbe detto il Sergione sulla ecotassa, e sulle sue inconsistenti giustificazioni ???!!!!!
    Per passare alle donne dell’anno, sono d’accordissimo sul declino dell’ex sesso forte del quale faccio parte, ma se mi consente avessi avuto voce in capitolo sui giornaloni da lei citati, o avendo a disposizione un blog e senza nulla togliere all’ottima Jacline, io avrei proposto Asia Bibi, che oltretutto a mio avviso, guadagnava anche molto meno.
    Della serie si può essere Grandi con retribuzioni monetarie misere.

  3. Io penso che la maggior parte dei commenti siano puramente polemici e veramente inutili ! Io leggo e seguo il blog di Porro e Ruggeri perché Li ritengo eccellenze del giornalismo ! Nessuno mi obbliga e quindi altrettanto per Voi !!! Se non vi vanno, non vedo il problema….. cambiate canale e AMEN !!!

  4. per chi “gli italiani sono dei poveretti che non sanno le lingue!”: credete forse che mediamente i francesi sappiano parlare altro che la propria lingua o che si preoccupino minimamente di impararne altre? Per non dire degli inglesi o degli americani.
    Ruggeri come tutti i fighetti da salotto buono (o aspiranti tali): come sempre. sinistri, destri, o pseudo neutrali, sempre pronti a trattare i non adepti come sottospecie inferiore. A “ciapà i rat” te e tutti i tuoi simili da uno che purtroppo sa solo l’inglese!

  5. Monsieur Ruggeri s’il vous plait la traduction…le monde entier n’est pas polyglotte comme Renzi ou bién Saviano.
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

    • Biensure!!! Nuccio, c’est vrai, il n’y a pas de traduction et on ne sait pas quoi faire!!! Merde nous italiens le connaissons le Francis, mais nuovo la voulons, la traduction. Je te salus, Nuccio, nonne annee!!!! Ciao, t’a completement raison!!!!

  6. “i giallo verde sono individui aridi, e la maggioranza di chi li vota è peggio di loro, ormai sono arrivati al punto che si eccitano, non con il sangue, ma con le lacrime ” o volevi scrivere non con le lacrime ma con il sangue? lacrime di chi? Fornero, Bonino tua sorella? George Soros va sfatato, presidente della Soros Found ecc ecc. nato 12 agosto 1930 a Budapest . gli accreditano di tutto e di più. Collaboratore con in nazisti già alla giovane età di 9 anni circa. La guerra incominciò nel 1939 . In fatto di cattivismo doveva essere molto precoce. Oggi dovrebbe avere 88 anni. Silvio Berlusconi nato a Milano 29 settembre 1936 anni 82, su youtube circola un video della sua gaffe migliori. Se tanto mi da tanto dovremmo trovarci di fronte a due quasi rimbambiti totali. Possibile accreditare a Soros la capacità reificare un progetto così complesso come la sostituzione etnica dei popoli europei e ogni complessa operazione speculativa derivata dall’instabilità sociale dei sistemi che si vogliono aggredire? Indubbiamente le cose stanno diversamente e non riconducibili a logiche individuali. Sono scelte di un élite ergo di una squadra non di giocatori individuali. Due ultime considerazioni. L’élite finanziaria da l’impressione di essere alla frutta se per esempio il gruppo Bilderberg sponsorizza cerebrolesi come Macron e altro eclatante esempio di casa nostra la nostra siliconata Lilli Gruber . Se Jaclive Mouraud riesce ad essere una Giovanna D’Arco con l’aiuto di rivoluzionarie tecnologia informatiche , vedi smarphone, all’élite potrebbero rimanere dei giorni contati . Tutto é diventato imprevedibile. Seconda considerazione. Caro Ruggeri, vero che sei un fenomeno di intelligenza , rappresentativo del Ceo Capitalismo e di qualcosa d’altro di cui ancora non so. Ma sarebbe bene che incominciassi a scrivere come mangi, si dice dalle mie parti. Vizio tra l’altro di molti pseudo giornalisti. insomma non le passa per la spocchia che un video così poteva essere tradotto con sottotitoli . Sottolinea che lei il francese lo sa e chissà quante altre cose. Poi basta con termini abbastanza oscuri, adesso con questo cazzo di ceo capitalismo che mi ha costretto per capire cosa è di dover consultare wikipendia. Sì che ho due lauree ma la mia vicina di casa che fa di lavoro le pulizie e é pagata in nero mica lo sa.Poi parliamo di crisi della stampa. chi la capisce più se si scrive solo per se stessi. Ecco la ragione per il quale io per primo mi eccito solo con il sangue, perché mi avete rotto i coglioni con la vostra spocchia da super classe. in fondo i tempi di Maria Antonietta non sono tanto così lontani.

  7. Gli italiani sono famosi nel mondo per non parlare le lingue straniere piu importanti.Mi sembra infatti siano proprio loro i piu fighetti quelli che di fronte a una parola in francese inglese o tedesco pretendono che qualcuno gliela traduca.Ma scusate è mai possibile che avere frontiere con Francia,
    ed Austria non ci venga l’idea elementare di imparare la loro lingua?Certo lo si può fare anche con l’inglese ma il risultato non è certamernte deludente.Fare un il giro dell’oca assurdo per le cose piu semplici!.

  8. C’è un solo Uomo dell’anno, Gesù sulla Croce. E una sola donna dell’anno, Sua Madre ai piedi della Croce. Tutti gli altri contano … ZERO!

  9. la donna del’anno proclamata da D DI REPUBBLICA è LA PROFESSORESSA FRANA DI BLASIO
    SFREGIATA CON UN COLTELLO DA UN ALUNNO DELLA SUA SCUOLA DI SANTA MARIA A VICO,.LA PROFESSORESSA FRANCA DI BLASIO CON FOTO IN PRIMA PAGINA SUL NUMERO 1122 DEL 15.DICEMBRE 2018-PER LA PRECISIONE LA PROFESSORESSA è DI MONTESARCHIO IN PROVINCIA DI BENEVENTO-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *