in

Paolo Sileri: “Omicron è il canto del cigno di questo maledetto virus”. (Video)

Crolla la mortalità in SudAfrica e negli USA. In Lombardia diminuiscono le terapie intensive

Paolo Sileri: "Omicron è il canto del cigno di questo maledetto virus". (Video)
Paolo Sileri: "Omicron è il canto del cigno di questo maledetto virus". (Video)

Dimensioni testo

: - :

Paolo Sileri sottosegretario alla salute, ospite all’Aria che Tira, ieri mattina (video) conferma che: “Omicron è una formula diversa del virus. Crea meno danni. Sembrerebbe l’evoluzione del virus verso una forma più leggera. Certo i vaccini hanno funzionato, i vaccini hanno fatto la loro parte e se la situazione è quella che è lo dobbiamo anche al fatto che siamo vaccinati in moltissimi”.

Quello che scrivo ormai da qualche giorno non sembra più essere una novità. Omicron sta cambiando gli esiti della Pandemia, avvicinandone la fine. Sì, la fine della Pandemia la si può respirare nell’aria.

Nei due articoli scritti nei giorni scorsi argomento con dovizia di p articolari i perché delle mie affermazioni, affermazioni che ormai stanno diventando di molti, sono quasi un coro.

https://www.nicolaporro.it/economia-finanza/economia/omicron-contagi-record-ma-fa-meno-male-rt-scende-da-3-giorni-e-la-fine-della-pandemia/?utm_source=nicolaporro.it&utm_medium=link&utm_campaign=economiafinanza

 

https://www.nicolaporro.it/economia-finanza/economia/omicron-sta-cancellando-delta-la-pandemia-potrebbe-essere-alla-fine/

 

Paolo Sileri sottosegretario alla salute, ospite all’Aria che Tira, ieri mattina (video) conferma che: “Omicron è una formula diversa del virus. Crea meno danni. Sembrerebbe l’evoluzione del virus verso una forma più leggera. Certo i vaccini hanno funzionato, i vaccini hanno fatto la loro parte e se la situazione è quella che è lo dobbiamo anche al fatto che siamo vaccinati in moltissimi”.

 

 

 

 

 

 

 

Insomma Sileri ribadisce quello che racconto da qualche giorno. Il Virus ha cambiato pelle. Lo dicono le ricerche, lo dicono i medici e gli studiosi di ogni parte del mondo. Urlare ai 4 venti il numero dei contagiati è una formula impropria di descrivere la realtà.

È improbabile che il virus che causa il Covid-19 scompaia completamente e probabilmente si stabilizzerà in un modello di trasmissione a bassi livelli, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità, avvertendo che ci sarà comunque da percorrere una “strada accidentata” fino ad allora.

Intanto, come vediamo dal grafico, non c’è più correlazione, in SudAfrica, tra il numero dei contagiati e quello legato ai decessi.

Paolo Sileri:

 

 

 

 

 

I decessi negli Stati Uniti diminuiscono mentre Omicron aumenta 

Le morti negli Stati Uniti stanno diminuendo anche con l’aumento dei casi di Covid-19, secondo i funzionari sanitari federali che hanno suggerito che la variante in aumento dell’omicron potrebbe causare meno sofferenza rispetto ad altri ceppi.

 
RIFLETTIAMO Se fosse grave non starebbero decidendo di rivedere i termini delle quarantene, se fosse grave con questi numeri ci avrebbero già chiusi a chiave in casa.

ATTENZIONE. Questi numeri sono comunque pericolosi per i non vaccinati e per le persone deboli, quindi purtroppo continueremo a vedere condizioni di difficoltà per molte persone ma come ho scritto, quando sei nell’occhio del ciclone il ciclone sta scaricando la sua energia forse è arrivato davvero il momento in cui sta per cambiare l’andamento della tempesta.

ANTIVIRALI La Germania sta acquistando 1 milione di confezioni della pillola recentemente approvata da Pfizer per il trattamento di Covid-19, garantendo le forniture mentre le infezioni dalla variante omicron a rapida diffusione aumentano rapidamente. Ma questo dimostra che se la malattia è più blanda, più blande nel tempo potranno essere anche le cure farmaceutiche.

Insomma appare chiaro che i vaccini hanno fatto bene la loro parte di tutela nei confronti di Omicron, ma anche il virus comincia a fare ciò che fanno tutti i virus: adattarsi all’Ospite (l’Uomo) senza ucciderlo. Senza l’ospite muore anche il virus.

30/12/2021 Leopoldo Gasbarro