Erdogan umilia Ursula, ma l’Europa è pronta a dargli altri soldi

La scortesia, anzi, la cafonaggine istituzionale del presidente turco, Recep Erdogan, che non ha concesso una sedia d’onore a Ursula von der Leyen, ha destato scalpore. Proteste dal Ppe e dalla Commissione Ue, presieduta proprio dall’ex ministro della Difesa tedesco.

Eppure, sembra che l’Europa sia pronta ad aprire di nuovo il portafogli a beneficio del sultano. Charles Michel, l’imbarazzato presidente del Consiglio Ue (che ha assistito a tutta la scena, umiliante per la von der Leyen, senza pensare di porgerle la sua sedia), aveva infatti dichiarato che l’Ue “concorda sula fatto che l’assistenza finanziaria” alla Turchia continui. Lo scopo? Evitare che Erdogan “apra le gabbie” e lasci che i migranti intraprendano la rotta balcanica, creando grossi guai soprattutto alla Germania.

Sì, la solita Germania, che ha già ottenuto che ad Ankara venisse sganciato un assegno da 6 miliardi. Stavolta basterà lo sgarbo di Erdogan perché si desista dal folle progetto di finanziarne il regime, solo perché fa comodo a Berlino? Decideremo che, finalmente, il sultano ha passato il segno? O lui si permette qualsiasi sopruso, perché tanto sa che la debole Europa si piegherà lo stesso?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Vi spiego perché sul sofagate ha ragione Erdogan - Franco Battaglia
12 Aprile 2021 17:00

[…] questa stizza – non so se internazionale, ma sicuramente italiana da femministe pidiote – per la Ursula Von der Leyen trattata, a dire delle medesime, a pesci in faccia da Erdogan. Le donne che hanno protestato testimoniano inequivocabilmente la superiorità femminile e […]

trackback
Sofagate, la verità spiegata da un esperto di cerimoniali - Fabio Dragoni
12 Aprile 2021 14:06

[…] Quindi tutto poteva avere in testa il presidente turco meno che creare un imbarazzo Bruxelles; addirittura “umiliando” Ursula Von der Leyen che scopre di non avere una poltrona su cui sedere al contrario del presidente del Consiglio Europeo Charles Michel. L’increscioso episodio altro […]

trackback
Italia in arancione, ma i giornali accusano ancora i cittadini – Giornale di Ravenna
10 Aprile 2021 16:48

[…] Quel Michel adesso ci dice che, a causa del caso sedia-Ursula, non ci dorme la […]

gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
10 Aprile 2021 15:46

Sembrerebbe un messaggio di quello che Erdogan pensa della EU, dopo che la Turchia è stata continuamente rifiutata ad entrare nella EU. Anche se rispetto molto il “popolo” Turco, questo non include LUI !.Sarebbe un grande errore che diventasse parte dell’Europa, finché ritiene le sue idee opposte alle nostre.

trackback
Zuppa di Porro del 10 aprile 2021 - Nicola Porro
10 Aprile 2021 12:48

[…] Quel Michel adesso ci dice che, a causa del caso sedia-Ursula, non ci dorme la […]

trackback
Cosa c'è dietro l'attacco di Draghi a Erdogan - Francesco Giubilei
9 Aprile 2021 16:03

[…] una presa di posizione netta come quella del Presidente Draghi nei confronti del presidente turco Erdogan definito: “un dittatore”. Una dichiarazione che ha suscitato l’immediata reazione di Ankara […]

trackback
Zuppa di Porro del 9 aprile 2021 - Nicola Porro
9 Aprile 2021 10:56

[…] Draghi dà del diattatore a Erdogan, ma sulla questione della sedia, il vero cialtrone oltre che cafone con pantalone a sigaretta (mitico Polito che lo sfotte) è […]

Nella
Nella
9 Aprile 2021 10:10

In Turchia non c’é una dittatura…

Noi cmq la stiamo imitando molto bene!!