Articoli

Fine di un impero? - Seconda parte

La risposta di Trump sarà rozza ma è miracolosamente realistica: le condizioni di favore sul commercio ai cinesi potevano essere giustificate dal sostegno alla politica di sviluppo senza egemonismo impostata da Deng, non a quella tendenzialemte imperialista di Xi, il douce commerce non ha convinto Teheran che ha usato i guadagni da non sanzioni per finanziare interventi militari in Libano, Siria, Irak e Yemen, Erdogan deve essere posto di fronte alla scelta di aderire a un equilibrio ispirato da valori liberali e il finanziamento dei vari movimenti terroristici guidati dalla Fratellanza musulmana, Parigi e Berlino devono scegliere se costruire un fronte occidentale o un multilateralismo dove tutte le vacche sono bigie e si può fare retorica sull’ambiente e truccare i motori diesel o le soglie di anidride carbonica, non pagare il dovuto per la Nato e così via.

Può darsi che chamberlainamente ci si debba arrendere a un mondo guidato da quella potenza opaca che è la Cina di Xi: non manca chi pensa che ormai la civiltà greco-giudaico-cristiana abbia esaurito la sua capacità espansiva. Comunque questo sarebbe un approccio realistico, quello delle favolette alla Stephens sul mondo che c’era una volta, invece, scarta dalla concretezza dei fatti.

 

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli