Esteri

Follia a Londra: arrestato manifestante per un cartello contro Hamas

Il doppiopesismo tra manifestanti pro-Israele e pro-Gaza è emerso con tutta la sua forza in Gran Bretagna: ecco cos’è successo

“Hamas is terrorist

Sono tempi duri, complicati per il buonsenso. A Londra, come nelle altre capitali occidentali, si tengono ormai settimanalmente delle manifestazioni a favore della Palestina, di Gaza. A volte a sostegno di Hamas, il gruppo palestinese terrorista che ha firmato la strage del 7 ottobre. Ieri nella capitale inglese si è tenuta una contromanifestazione in solidarietà a Israele. E qui è avvenuta la follia: un uomo è stato arrestato perché aveva un cartello contro Hamas.

“Hamas is terrorist”, recitava il cartello mostrato da Niyak Ghorbani mentre sfilava il corteo dei pro-Gaza. Di punto in bianco, il manifestante è stato trascinato a terra dalla polizia e ammanettato. Una scena incredibile, documentata con diversi video sui social network. “Vergogna”, ha gridato l’uomo verso gli agenti: “Ho scritto che Hamas è un’organizzazione terroristica ma mi hanno arrestato”. L’uomo, 38 anni, è stato rilasciato poco dopo. La polizia ha spiegato di averlo fermato per motivi di sicurezza: i pro-Gaza avrebbero potuto aggredirlo. Risulta inutile anche commentarla una sparata così grossa. Emerge con forza il doppiopesismo delle autorità. Possiamo fare tanti esempi sulla disparità di trattamento tra pro-Israele e pro-Gaza. Tra i plausi ad Hamas e le accuse di genocidio a Tel Aviv, oggi a Londra qualcuno ha manifestato sostegno alle milizie Houthi che stanno prendendo di mira le navi che attraversano il Mar Rosso.

Leggi anche:

Tornando a Ghorbani, l’iraniano ha spiegato ai microfoni del Telegraph di essere stato aggredito dai manifestanti filo-palestinesi mentre teneva in mano il suo cartello contro Hamas. “Mi hanno attaccato da dietro e mi hanno colpito alla testa. Mi hanno spinto e mi hanno detto che Hamas è un protettore della Palestina”, ha raccontato l’uomo, professione informatico: “La polizia ha distrutto il mio cartello e mi ha detto che avevo molestato qualcuno durante la protesta ed è per questo che mi hanno arrestato. Mi hanno arrestato perché qualcuno che sostiene Hamas mi ha attaccato e io mi sono difeso. Dopo dieci minuti i miei amici hanno mostrato loro un video di quello che stavo facendo e mi hanno rilasciato. La persona che mi ha aggredito non è stata arrestata”.

Ma non è il primo episodio per il manifestante anti-Hamas. Ghorbani ha infatti raccontato di essere stato colpito con bottiglie, bastoni e altri oggetti nel corso dei cortei delle ultime settimane. L’iraniano non ha dubbi, in Gran Bretagna c’è scarsa consapevolezza su Hamas: “Ho vissuto in Germania per otto anni e lì sanno com’è Hamas. Qui alcune persone non ne hanno idea”. Sostenere Gaza è diventato una moda, coltivata soprattutto dalla sinistra, e le tracce di antisemitismo sono sempre più evidenti.

Massimo Balsamo, 10 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli