in

Green pass: con una sola dose vi negano le vacanze

green pass vacanze
green pass vacanze

Dimensioni testo

Houston, abbiamo un problema. Fa presto la presidente della Commissione europea, Ursula von del Leyen, a dire che “i cittadini dovrebbero godersi un’estate sicura e rilassante”. Perché qui con le regole che stanno prendendo corpo tra Bruxelles e Roma si rischia di costringere i turisti italiani a vivere un periodo di ferie logorante. Ci sarà da districarsi tra norme anti-Covid incomprensibili, calcoli sui metri cubi di aria occupabili al ristorante, limitazioni variabili e green pass dalla validità altalenante. Paese che vai, certificato che trovi.

La burocrazia del green pass

L’ultima complicazione delle cose semplici sta sorgendo proprio sul pass digitale europeo, quel documento con cui muoversi più o meno liberamente tra gli Stati Ue. Basta risultare vaccinati, essere guariti o avere un tampone negativo per viaggiare senza restrizioni. Ieri Bruxelles ha lanciato la piattaforma dedicata e già 10 Paesi si sono collegati al sistema, di cui sette hanno già iniziato ad emettere i pass. Tra questi ovviamente non c’è l’Italia, e ci mancherebbe, anche perché da noi come al solito sono sorti problemi di natura burocratica.

La fregatura per gli italiani

Nel Belpaese il green pass esiste già. Va utilizzato per spostarsi tra Regioni e Province autonome nel caso in cui fossero rosse o arancioni. Ma anche per partecipare, dal 15 giugno, a feste ed eventi o per far visita agli anziani nelle Rsa. Bene. Il problema è che tra il green pass europeo e le regole nostrane vi sono delle differenze di non poco conto che rischiano di rovinare le vacanze oltre confine degli italiani. Il governo Draghi ha previsto infatti il rilascio del certificato dal 15esimo giorno dopo la prima dose di vaccino, mentre quello Ue è molto più restrittivo e sarà valido solo 14 albe dopo la seconda dose. Differenza non di poco conto, considerato che in molti casi (soprattutto per i giovani) il richiamo è fissato nel pieno dell’estate: il green pass Ue potrebbe attivarsi a ferie concluse, risultando dunque inutile. Bella fregatura. Altra differenza sull’asse Roma-Bruxelles riguarda il test covid negativo: qui da noi sia il molecolare che il rapido durano 48 ore, in Europa invece i primi valgono 72 ore, quelli rapidi 48. In pratica per mettersi in viaggio bisognerà chiedere spiegazioni al commercialista, oppure si diventa matti.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
83 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tania
Tania
8 Luglio 2021 9:23

e mi pare, la conclusione, anche questo voluto. Di cosa stiamo disquisendo? Aria fritta? Rischiamo di entrare nel girone della Propaganda e distrarci dal risolvere la causa orginaria (root cause).

giùalnord
giùalnord
6 Giugno 2021 0:43

Dottor Porro facciamo anche un articolo sull’incostituzionalità dei DPCM ,dei vaccini,dei green pass ecc.ecc.
Così facendo la gente avrà possibilità di scegliere cosa fare della propria vita e della propria libertà continuamente calpestate a causa dell’emergenza pandemica(da verificare se effettivamente trattasi di pandemia o ideologia politica).

Anna
Anna
3 Giugno 2021 18:30

Nessuno vi ha avvertiti che sulla gazzetta ufficiale del 3 maggio sta scritto che il green pass non é lecito e chi lo richiede é passibile di denuncia penale? Non continuate a terrorizzare la gente, ma ditegli come difendersi.

Erman67
Erman67
3 Giugno 2021 16:50

> bisognerà chiedere spiegazioni al commercialista

Ahahah … Questa idea che per qualsiasi cosa ci si debba rivolgere al commercialista mi fa impazzire …

Nedo Micci
Nedo Micci
3 Giugno 2021 14:17

A me spiace dirlo perche’ un po’ nell’Europa ci ho creduto e ci credo , ma non sono cieco;a me per motivi familiari il ” passaporto vaccinale europeo ” farebbe molto comodo , ma prevedo un’altra debacle europea. Sara’ come per Schengen;tutti liberi di circolare pero’ con la clausola di poter chiudere i propri confini secondo necessita’.La stessa cosa accadra’ per il suddetto ” passaporto ” …sara’ lasciata ad ogni Stato la possibilita’ di pretendere il classico tampone quando,per esempio,la Svezia a suo insindacabile giudizio considerera’ taroccati i dati ufficiali e tranquilizzanti dell’Italia , diranno: vieni dall’Italia?TAMPONE PLEASE !!

Cricri
Cricri
2 Giugno 2021 22:53

Giusto x restare allegri la Palombelli ieri sera diceva nel suo programma”Bhe’ così ad Ottobre saremo pronti x il nuovo vaccino” giusto d’ora in poi ci dovremo vaccinare ogni 6 mesi con vaccini dichiaratamente SPERIMENTALI Siamo alla follia pura Costituzione calpestata e soprattutto hanno votato l’obbligo vaccinale in Italia QUANDO L’EUROPA NON LO AVEVA CHIESTO…
ALLORA CONTINUIAMO A SUBIRE????

Antonio
2 Giugno 2021 20:49

Mi sembra che l’articolo trascuri il fatto che il Garante per la Privacy ha dichiarato illegittimo l’utilizzo del green pass quando non sia assicurato un congruo trattamento dei dati sensibili (è in Gazzetta Ufficiale). Quindi, il famigerato Covid manager, figura che dovrebbe apparire come un controllore delle norme sanitarie ai matrimoni, feste e via dicendo, non potrà chiedere di esibirlo, pena denuncia penale. Tranne che incontri qualche idiota che glielo mostri spontaneamente, tanto per vantarsi di essere un vaccinato responsabile.

Luciano
Luciano
2 Giugno 2021 20:09

È ora di dire basta . Più ne sento è più mi convinco che è tutta una manovra politica . E basta . I buffoni di corte pseudo virologi oggi dicono una cosa e domani un’altra . Accettiamo una vaccinazione con vaccini che sono ancora in fase sperimentale e nessuno che evidenzia a gran voce il fatto . Il beneficio è superiore al rischio . Ma vogliamo scherzare ? Siamo cavie punto . Ora il green pass ? Ma l’unione europea non era nata come libera circolazione di popoli e merci in un libero mercato e nazioni senza confini ? Che ci restiamo a fare ? Vantaggi non ne ho visti sinceramente, ma obblighi a iosa . Ma che siamo i fessi d’Europa ?