in

Gufi all’Oms: Ranieri fa la Guerra al buonsenso

Dimensioni testo

Ranieri Guerra, Direttore aggiunto dell’Oms, è una di quelle persone che quando ci parli hai sempre la sensazione che ti stia facendo sentire un cretino. Cioè tu magari stai esponendo un concetto profondamente serio e documentato, ma lui, con quel viso sottile e vagamente sprezzante e soprattutto con quella voce dalla calata veneta che sembra però di Milano, dietro quegli occhialetti ti guarda… e ti senti un cretino.

Io con Ranieri Guerra in realtà non ci ho mai parlato, e non credo mai accadrà; non vedo perché le mie piccole certezze e quella minima autostima debbano essere distrutte da quello sguardo che ti entra nel cervelletto e ti fa sentire un povero deficiente. Che poi tu dici “be’, sono certamente un cretino di fronte a cotanta personalità, perbacco, tra l’altro influente voce del comitato scientifico internazionale e scienziato di fama mondiale”.

Specializzato in malattie tropicali seguendo anche un Master a Londra, ha lavorato per una Ong in Africa dove ha formato il personale medico e paramedico, ha lavorato in diversi ospedali in Italia, per il Ministero degli Esteri seguendo progetti di cooperazione, e anche per le Nazioni Unite. Ha pubblicato decine di ricerche ed è Consigliere d’Amministrazione di molte aziende tra cui la veronese Glaxo, ruolo per cui è stato anche politicamente attaccato dagli ambienti no-vax e dal Codacons che vedevano un conflitto di interessi con la sua figura istituzionale.

Ma figurati se uno con un curriculum del genere non ti fa sentire un povero cretino. Che poi quando parla Ranieri, gli dai talmente credito che ripensi agli anni 70, quando una notizia data in TV era automaticamente al di là di ogni dubbio: è vera, si diceva, e non può non esserlo… l’ha detto la televisione!

No, con uno che mi mette così soggezione non ci parlo. Anche se in realtà di cose da chiedergli ne avrei diverse. Ad esempio mi piacerebbe parlare con lui proprio dell’Oms, per esempio. Sarebbe bello domandargli perché l’organizzazione che rappresenta contraddice se stessa un giorno sì e l’altro pure. In realtà ci ha già pensato il Washington Post ad accusare la potente Organizzazione Mondiale della Sanità di non averne azzeccata mezza dall’inizio della pandemia.

Però anche il nostro Ranieri sembra metterci del suo. Ad esempio quando Guerra testualmente sostiene “L’andamento di un’epidemia come questa è ampiamente previsto e prevedibile. C’è una discesa che coincide con l’estate: è vero che le terapie intensive si sono svuotate, ma si sono svuotate come previsto che accadesse”.

Cioè mi scusi esimio Professore… lei mi sta dicendo che dopo averci frantumato gli zebedei da fine Febbraio che non vi era nessuna certezza che con l’estate l’epidemia si sarebbe attenuata, ora ci racconta che era ampiamente previsto e prevedibile? No dai, è uno scherzo e sono io un cretino che ha capito male. E poi continua con “come la Spagnola, giù in estate e poi ripresa feroce a Settembre-Ottobre”.

Premesso che il paragone con la Spagnola lo accetto a malapena da un utente medio di Facebook, stante le infinite differenze storiche-sociali-igieniche-farmacologiche e anche tecnologiche con l’epidemia del 1918, ripenso ad un’altra perla recentemente emessa dall’Oms e del tutto difesa da Ranieri Guerra, ovvero che gli asintomatici non sono contagiosi.

Ma come??? Ma ci avete sfracassato i maroni per mesi dicendo l’esatto contrario, e che il vero grande pericolo del contagio del coronavirus era proprio chi, seppur positivo, in quanto ignaro di esserlo, era a tutti gli effetti un untore!

E quindi? E niente, vale tutto. Che poi quando se ne sparano talmente tante, prima o poi ci azzecca. Come diceva un noto sóla che di strada ne ha fatta tanta, “non è mai quello che dici, ma come lo dici”. Se poi lo dici con quella voce dalla calata veneta ma che sembra anche un po’ di Milano, non può che essere vera.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
51 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Ingiustizia all’Oms: si dimette l’uomo che criticò il piano pandemico - Redazione
12 Marzo 2021 20:16

[…] nonché membro del Comitato tecnico-scientifico ed ex tecnico del ministero della Salute, cioè Ranieri Guerra. Il superesperto che fece pressioni su Zambon affinché ritirasse quel report e che alla fine fece […]

Carlo petronio
Carlo petronio
28 Giugno 2020 15:16

Articolo fantastico! Grande Lucherini!

Valter Valter
Valter Valter
28 Giugno 2020 13:21

Note sulla fenomenologia del tipo antropologico alla Losurdo

Questo tipo antropologico si caratterizza per il rifiuto apparente di prendere atto di quello che é, in quanto o non l’ha ancora capito o finge di non capirlo. La storia insegna e la cronaca lo conferma che la gran parte di coloro che millantano altruismo sono solo aspiranti aguzzini con la bava alla bocca desiderosi di agire il proprio odio antropologico su chi dissente, adducendo a giustificazione dei propri delitti un fine etico superiore e il bene del popolo. Sono i piccoli Stalin, Hitler, Pol Pot, sono le sardine buoniste di oggi, i tifosi dei Lerner, dei Travaglio, delle Carole e dei Gino Strada, dei Raimo, delle Murgia e dei Saviano, quelli che vorrebbero Meloni, Salvini e Fontana appesi a testa in giù, insomma i tristi estimatori di tutti quelli che anche il tipo alla Losurdo verosimilmente venera nel suo Pantheon.

wisteria
wisteria
28 Giugno 2020 12:20

Se davvero il corona virus si comportasse come la spagnola sarebbe un grosso guaio, anche perché noi, rispetto ai nostri vecchi che ci sono passati, abbiamo più dispositivi e più farmaci, ma sicuramente meno forza d’animo. Pensate che loro hanno affrontato la pandemia insieme alla Grande Guerra, e non mi risulta che per due anni la gente abbiacsmesso di lavirare, di produrre e di studiare…
Noi, nonostante il governo e la UE, siamo immensamente più fortunati, ma non sappiamo reagire,

Tullio Pascoli
Tullio Pascoli
28 Giugno 2020 0:21

Io vorrei vedere le loro reazioni quando nelle librerie arriverà il libro coordinato dal libertario Leonardo Facco insieme ad un’altra ventina di specialisti:
CORONAVIRUS: STATO DI PAURA!

Che, credo, smaschererà non poche menzogne che ci sono state propinate tanto dal terrorismo mediatico del modo intero, come alimentate principalmente dall’OMS.

Forse ci sarà da notare qualche segno di imbarazzo? O continueranno con le loro puntuali contraddizioni?

IVAN
IVAN
27 Giugno 2020 23:23

Ovvio che a questi personaggi sia utile mantenere attenzione e interesse. Dicessero si ok si è evaporato ora pensiamo a tutto quello che si è distrutto, chi se li filerebbe più?

Cristina
Cristina
27 Giugno 2020 23:17

Ranieri Guerra è anche un gran signore…ha esortato un collega tramite social a tornare nelle fogne.
Educazione oxfordiana, sicuramente!

bertoldo
bertoldo
27 Giugno 2020 23:04

ah ma abbimo un direttore aggiunto nll’OMS ? Fino ad adesso non lo sapevamo ed era meglio per lui non farsi identificare con il carrozzone
spara-stupidate sulla sanita’ !!!