in

Ho scoperto la grande bellezza

nido di uccello
nido di uccello

Dimensioni testo

Corro al lavoro, corro a casa, infine mi distendo sul divano e attendo. Con un frullato di libri, film,  programmi tv e il telefono. Il divano non esige una me perfetta e anticipa il ristoro del sonno che introdurrà, a sua volta, una nuova giornata ricca di attività da gestire, subire o riconsiderare. Distendo le gambe, tiro su la copertina natalizia, incurante della primavera, e mi ritiro in quel mondo in cui nessuno mi chiede nulla e posso rallentare con tempi miei. Mentre sorseggio calma, ecco irrompere in sala Sofia: “Vieni a vedere!”

Mi infastidisco. Quel momento distensivo è tutto ciò che mi rimane per riattaccare i pezzi. “Mamma, vieni a vedere!”. Mi libero a fatica dall’involucro accidioso e la seguo in terrazza, lì ci sono i miei fiori, “toh” penso “da quando li ignoro sono diventati bellissimi”. Sofia mi attende eccitata davanti a un vaso e, scostando un po’ il fogliame, mi introduce la novità.

C’è un nido. Rametti, muschio, paglia, un capolavoro di incastri meticolosi grande quanto due mani che si accostano per bere, incastonato in una piccola conca di terra, irrompe nel mio vaso di finta terracotta. Una perfezione che nemmeno Tadashi Kawamata può sfidare.

Forse non l’avrei mai visto se non fosse stato per gli occhi di Sofia. Mi specchio in lei e in me percepisco la stessa linfa; il tran tran è spezzato da una bellezza inaspettata che, infine, è ciò che davvero attendiamo o che io, almeno, in ogni istante della mia esistenza, attendo. Lo sguardo si svecchia e quella tensione disponibile diventa un metodo con cui affrontare la quotidianità: non è un fatto emotivo, è un dato ontologico, strutturale.

La mania di gestione ci inaridisce, ma l’imprevisto può irrompere in ogni istante e richiamare la nostra attenzione a quel che siamo e a quel che attendiamo, rendendoci degli innamorati impenitenti e mai illusi, perché costantemente corrisposti.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gpc
Gpc
2 Maggio 2021 20:25

Complimenti per l’articolo.. E grazie! Un imprevisto è la sola speranza (cit.)

Marina Vb
Marina Vb
2 Maggio 2021 17:29

Durante le mie consuete passeggiate lungolago mi soffermavo ad osservare un cigno che covava le sue uova. Ho sempre guardato distrattamente l’incedere elegante di quegli animali sull’acqua ma vederlo difendere le sue future creature, vederlo raccogliere le sue piume per accostarle al corpo come ulteriore protezione aveva risvegliato una sorta di tenerezza.
Erano in molti a tifare per quelle uova fino a due giorni fa quando è stata ritrovata la sua carcassa e le sue uova sparite.
Dalla lettura della notizia, soffermandomi alla prima riga, ho provato subito rabbia quella rabbia tipica del tempo da covid. Poi continuando a leggere (segue)

Bruno
Bruno
2 Maggio 2021 17:19

L’emozione fino alle lacrime

loredana
loredana
2 Maggio 2021 16:48

Cara Fiorella bellissimo articolo. Ti faccio però presente che se continuate a disturbare la cova la mamma abbandonerà il nido, anche se e quando ci saranno i pulcini. Vi prego di fare molta attenzione.