in

Il 4 luglio di Trump: “Fermeremo il nuovo fascismo di sinistra”

Dimensioni testo

  • Pubblichiamo il discorso che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha tenuto ieri in occasione delle celebrazioni per il 4 luglio, giorno dell’indipendenza, al monte Rushmore, nella cui roccia sono scolpiti i volti dei presidenti George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln.
    (Testo tradotto dal quotidiano “La Verità”). 

Non potrebbe esserci posto migliore per celebrare l’indipendenza dell’America, se non sotto questa magnifica, incredibile, maestosa montagna monumentale, dedicata ai più grandi americani che siano mai vissuti. Oggi, rendiamo omaggio alle vite eccezionali e alle straordinarie eredità di George Washington, Thomas Jefferson, Abraham Lincoln e Teddy Roosevelt . Sono qui come vostro presidente per proclamare davanti al Paese e davanti al mondo che questo monumento non sarà mai profanato, questi eroi non saranno mai sfregiati, il loro retaggio non sarà mai distrutto, i loro successi non saranno mai dimenticati e il Monte Rushmore resisterà per sempre come tributo eterno ai nostri antenati e alla nostra libertà. […]

La nostra nazione sta assistendo a una campagna spietata per spazzare via la nostra storia, diffamare i nostri eroi, cancellare i nostri valori e indottrinare i nostri figli. Folle rabbiose stanno cercando di abbattere le statue dei nostri fondatori, sfigurare i nostri monumenti più sacri e scatenare un’ondata di crimine violento nelle nostre città. Molte di queste persone non hanno idea del perché lo stiano facendo, ma alcuni sanno esattamente che cosa stanno facendo. Pensano che il popolo americano sia debole, molle e sottomesso. Ma no, il popolo americano è forte e orgoglioso e non permetterà che il nostro Paese e tutti i suoi valori, la sua storia e la sua cultura gli siano sottratti. Una delle loro armi politiche è cancellare la cultura, scacciare le persone dal loro lavoro, gettare nella vergogna chi dissente e chiedere la totale sottomissione di chiunque non sia d’accordo.

Questa è la definizione stessa di totalitarismo, ed è completamente estranea alla nostra cultura e ai nostri valori e non ha assolutamente posto negli Stati Uniti d’America. Questo attacco alla nostra libertà, alla nostra magnifica libertà deve essere fermato e sarà fermato molto rapidamente. Non tuteleremo questo movimento pericoloso, proteggeremo i figli della nostra nazione da questo assalto radicale e preserveremo il nostro amato stile di vita americano. Nelle nostre scuole, nelle nostre redazioni, persino nelle nostre sale riunioni aziendali, c’è un nuovo fascismo di estrema sinistra che richiede fedeltà assoluta. Se non parlate la sua lingua, non eseguite i suoi rituali, non recitate i suoi mantra e non seguite i suoi comandamenti, allora sarete censurati, banditi, inseriti nella lista nera, perseguitati e puniti. Non succederà a noi. Non fate errori. Questa rivoluzione culturale di sinistra è progettata per rovesciare la Rivoluzione americana.

In tal modo distruggerebbero la stessa civiltà che ha salvato miliardi di persone dalla povertà, dalle malattie, dalla violenza e dalla fame e che ha portato l’umanità a nuovi livelli di successo, scoperta e progresso. Per renderlo possibile, sono determinati a demolire ogni statua, simbolo e memoria della nostra eredità nazionale. […] Questo è il motivo per cui sto schierando le forze dell’ordine federali per proteggere i nostri monumenti, arrestare i rivoltosi […] Il nostro popolo ha una grande memoria. Non dimenticherà mai la distruzione di statue e monumenti, dedicati a George Washington, Abraham Lincoln, Ulysses S. Grant, abolizionisti e molti altri. Il caos violento che abbiamo visto nelle strade e nelle città che sono gestite dai democratici liberal è il risultato prevedibile di anni di estremo indottrinamento e faziosità nell’istruzione, nel giornalismo e in altre istituzioni culturali.

Contro ogni legge della società e della natura, ai nostri figli viene insegnato a scuola a odiare il proprio Paese e a credere che gli uomini e le donne che l’hanno costruito non fossero eroi ma persone cattive. La visione radicale della storia americana è una rete di bugie, ogni visione viene rimossa, ogni virtù viene oscurata, ogni motivazione viene alterata, ogni fatto viene distorto e ogni difetto è amplificato fino a quando la storia non viene epurata […]. Questo movimento sta attaccando apertamente l’eredità di ogni persona sul Monte Rushmore. Hanno macchiato il ricordo di Washington, Jefferson, Lincoln e Roosevelt. […] Nessun movimento che cerca di smantellare queste preziose eredità americane può nutrire nel profondo un amore per l’America. Non può succedere. Nessuna persona che tace sulla distruzione di questa eredità splendente può condurci a un futuro migliore.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
99 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Trump’s July 4: “We will stop the new left-wing fascism” | News1 English
11 Luglio 2020 6:50

[…] Source link https://www.nicolaporro.it/il-4-luglio-di-trump-fermeremo-il-nuovo-fascismo-di-sinistra/ […]

Giorgio Petricich
Giorgio Petricich
7 Luglio 2020 11:36

Inesattezza storica, il fascismo è sempre stato di sinistra.

Raffaello Ferrentino
Raffaello Ferrentino
7 Luglio 2020 9:38

Caro Alfredo, le rispondo perche’, nonostante adoperi nei confronti degli USA una terminologia invereconda, dettata da un odio forse dovuto a personale frustrazione, con lei si puo’ discutere perche’ non ricorre ad insulti gratuiti al contendente. Ammetto pero’ che mi e’ dispiaciuto che non abbia trovato 3 minuti per il mio video: ovviamente non si trattava dei miei gusti musicali, ma della cornice in cui si svolgeva il concerto: 200.000 giovani che ballavano e cantavano sotto le bandiere della Confederazione -non erano schiavisti che inneggiavano alla secessione e ad una nuova guerra civile!- ma soltanto giovani che volevano divertirsi liberamente: in America si puo’ fare. A Hong Kong se inneggi all’ Inghilterra e’ tradimento e incitamento alla rivolta: c’ e’ l’ ergastolo. Ma per lei e’ meglio la Cina; un vero liberale. Ma gia’ il fatto che lei senta il bisogno di aggiungere “democratico”, mi insospettisce. Sara’ perche’ le mie letture sono datate, sara’ perche la sua aggiunta o e’ pleonastica o veicola di nascosto un altro messaggio (di tipo demagogico?), ma io ho sempre pensato che il semplice termine “liberale” contiene in se’ l’ idea di democrazia: il Parlamento, il suffragio universale, la pruralita’ dei partiti, il pubblico dibattito delle idee SONO idee liberali, invenzione liberale, prodotto della filosofia anglo-sassone, il piu’ alto grado di civilta’ fino ad oggi… Leggi il resto »

Krus
7 Luglio 2020 9:01

Bisogno di buona educazione e rispetto a ogni uno di noi. Bisogna di regole ben precisi per la sicurezza di ogni uno di noi. Bisogna di molta polizia per le steade supratutto quelli popolari. Bisogna togliere le armi da le strade. Avere un arma si, ma cin determinate regole e responsabilità seria.

Raffaello Ferrentino
Raffaello Ferrentino
6 Luglio 2020 23:22

Uno e’ liberaldemocratico, l’ altro crociano, ma in politica guardano al nazi-comunista Xi e al regime terrorista degli ayatollah, mentre in economia seguono Keynes, dato che Mao e Stalin non van piu’ di moda. Ma anche Mussolini con l’ IRI si era comportato bene, nel solco, del resto, della sua formazione socialista.
Viva Kim! almeno non si maschera.
Dovro’ rivedere le mie teorie: io ero partito da Locke e dalla filosofia inglese del 1600. Dovro’ mettermi a studiare il Celeste Impero: sembra che siano li’ le radici di liberalismo e democrazia.

Alfredo Branzanti
Alfredo Branzanti
6 Luglio 2020 20:25

@Orlo. Rispondo qui per assenza della funzione risposta sotto. Caro Orlo in effetti me ne sono accorto e devo dire che il Sig. Tullio Pascoli, anche per la mancanza di rispetto nei confronti di chi dissente, mi appare, con termine forse datato, un reazionario, è una posizione discutibile, ma legittima, basta essere chiari. Del resto, al di là della parola, il libertarianesimo è una filosofia totalitaria, perché significa la prevalenza ed il dominio assoluto, in una riproposizione della società feudale, del più forte o del più ricco. Ovviamente non replichero’ più al Signore, perché io non offendo mai i miei interlocutori, ma mi sono macchiato di quella che, visto l’oggetto delle mie critiche, definirei (cerebro)lesa maestà nei confronti dell’arancione (magari fosse un hare krishna). Spero non legga mai quello che scrive di Trump Giuliano Ferrara, che sarà pure stato comunista, ma oggi non è certamente un agente del cominform. Se riuscirò a far nascere un’associazione per far conoscere la natura tirannica ed i crimini degli Usa ti attendo. Buona serata.

giancarlo cremonini
giancarlo cremonini
6 Luglio 2020 14:22

Caro Pigi inquinare cibo e acqua e devastare l’ambiente non significa mettere gli umani davanti ai vegetali . Significa essere stronzi

Pigi
Pigi
6 Luglio 2020 10:24

In effetti Trump non ha mai citato la parola “destra”, ed è difficile catalogarlo come uomo di destra.
Combatte il globalismo, quindi favorisce la working-classa americana, a scapito di coloro che fanno miliardi con i soldi degli altri, la finanza parassitaria. Preferita dai democratici e anche dal PD, che accoglie con tutti gli onori uno squalo come Soros.
Poi mette gli uomini prima dei vegetali e degli uccelli, per cui gli squali suddetti, che vorrebbero le loro città senza traffico (per poter girare senza ingorghi solo loro), con le fabbriche tutte in Cina ad inquinare da quelle parti, non lo possono vedere.
Inoltre non vuole il suo paese invaso dal nuovo sottoproletariato, i clandestini, che, come insegna Marx, vengono usati dagli squali per combattere i lavoratori essendo disposti all’illegalità e al lavoro nero.
Se guardiamo ai contenuti, la politica di Trump è molto più a sinistra di quella dei democratici americani. Non parliamo del Pd, che ha fatto il salto della quaglia, a livello di Mussolini. Trump, uomo abituato a giudicare i fatti, non le parole, li definisce senza mezzi termini: fascisti.