in

Il filosofo Galimberti getta la maschera: “Draghi dittatore, decida tutto lui”

L’intervento choc del professore a In Onda: “Basta partiti, lasciamo decidere Draghi”

Dimensioni testo


Eccallà, ci mancava solo la dichiarazione senza vergogna in diretta nazionale. Che barba la democrazia. Che barba i partiti che cercano di influenzare il governo. Che schifo i leader che si mettono di traverso sul trionfale cammino di sua santità Mario Draghi. Molto meglio una dittatura, in cui a decidere tutto è Supermario e gli altri si adeguano. Fino ad oggi eravamo quasi certi che molti democraticissimi intellettuali lo sussurrassero solo nei salotti buoni tra una tartina al caviale e l’altra, senza però esporre al grande pubblico la loro preferenza per una dittatura illuminata del premier Draghi. Ora invece Umberto Galimberti ha rotto il velo d’ipocrisia (e di questo occorre almeno dargli merito) ed è arrivato a confessare in diretta tv il disprezzo per i meccanismi della democrazia.

In studio a In Onda si stava discutendo delle incomprensibili norme prodotte dal governo per “arginare” l’avanzata di Omicron. Riuscire a districarsi tra green pass, super green pass, tre tipologie di quarantene, contatti stretti o laschi, prima seconda o terza dose, è oggettivamente impossibile. Di chi è la colpa? Di Speranza, in teoria titolato a gestire la situazione sanitaria? Di Draghi, che guida questo governo “dei migliori”? No, ovviamente. Per Galimberti sono i partiti ad aver creato confusione. “La complicazione – ha detto – nasce dal fatto dal fatto che abbiamo un governo fatto di partiti che si detestano e il povero Draghi ha iniziato a fare delle mediazioni che moltiplicano le diversità dei casi all’interno dei quali si deve intervenire”.

Hai capito che orrore? I partiti cercano di interpretare le istanze degli italiani? Non sia mai: è lesa maestà. Dovrebbero starsene zitti e lustrare le scarpe al premier-padrone. “Se è vero che abbiamo un governo di salute pubblica – ha insistito Galimberti – se è vero che siamo in epoca di emergenza, non si può considerare Draghi una sorta di… non dico la parola dittatore, ma quasi? Che decida lui a prescindere dalle bandierine dei vari partiti che vogliono difendere questa o quell’altra categoria, allentando la difesa nei confronti di questo virus”.