Commenti all'articolo Il Mes spolperà l’Italia

Torna all'articolo
Avatar
guest
21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tommaso Centorrino
Tommaso Centorrino
11 Maggio 2020 5:12

Ma tutto quanto è stato scritto e sarà scritto sul MES, parla delle problematiche trattate nel suo articolo solo in modo marginale e non approfondito. Probabilmente sarebbe necessario che in modo martellante , si dessero ai cittadini delle informazioni-lezioni sul tema:”Che cosa è il MES, quale è lo statuto costitutivo e quali sono le regole che uno stato deve seguire per l ‘accesso al fondo e infine quali sono le normative alle quali il MES è sottoposto”. Infine, trattati in modo completo ed esaustivo i suddetti temi, forse ognuno di noi si renderà conto che le condizionalità zero alla luce degli attuali trattati e regolamenti non possono esistere pertanto, visto che la restituzione del prestito è prevista in 10anni, dobbiamo immaginare che gli altri nove, dando per scontata l’ estinzione della pandemia entro un anno, saranno gravi di di condizioni stringenti, controlli serrati e vessazioni a quei cittadini cui il MES avrebbe dovuto fornire aiuto per il superamento della crisi. Ove qualcuno non lo avesse ancora capito il MES, con le sue regole rappresenta uno strumento per il controllo completo, profondo e definitivo dell’economia degli stati membri che vi ricorrano, onde approfondire il gap finanziario che esiste fra paesi più o meno ricchi. L’unica soluzione relativamente al MES sarebbe il suo smantellamento il più rapido possibile onde evitare di ricorrere… Leggi il resto »

Luciano Tes
Luciano Tes
10 Maggio 2020 22:02

Un Europa solidale e condivisa non esiste . C’è un solo padrone . La Germania tanto per dirne una . Il Mes è una trappola ben congeniata e non priva di condizioni , tra l’altro capestro . E in Italia il nostro governo sbandiera un accordo che alla loro vista è eccezionale ma che ci soffochera’ da qui a non molto vista la situazione economica in franata per il covid 19 . Condivido l’affermazione che il tutto è stato orchestrato per condizionare anche l’attuale opposizione che oggi ha serie possibilità di vincere le prossime elezioni ma anche per impedirci di uscire dall’Europa . Un quadro da traditori della patria e servi di un Europa che copre solo interessi bancari e lobby economiche di alcuni stati . È ora di uscirne da questo letamaio .

stefano
stefano
10 Maggio 2020 19:59

….in realtà è già spolpata e si sta anche spopolando rapidamente.

Fabio
Fabio
10 Maggio 2020 16:42

Quando la gente capirà che il nostro problema di fondo, da cui derivano tutti gli altri, si chiama Stato Italiano, sarà sempre troppo tardi. In UE veniamo trattati a pesci in faccia nonostante siamo la terza potenza economica, abbiamo un peso politico nullo nonostante siamo poco sotto alla Francia come Pil e popolazione, veniamo considerati come una Grecia qualsiasi nonostante siamo la seconda manifattura continentale. E questo perché? Perchè gli europei sono razzistoni brutti e cattivi? Forse al 5%; al 95% perchè abbiamo uno Stato degno di una Repubblica delle banane, senza credibilità, senza affidabilità, inefficiente, cialtrone, incapace, fatto di burocrati da quattro soldi che vanno sempre in Europa col cappello in mano. Abbiamo uno Stato che ha creato un debito pubblico abnorme in decenni di spese assurde, inefficienza, malaffare, assistenzialismo, clientelismo; e ci meravigliamo se ci vedono con sospetto? Abbiamo uno Stato che, per tenere in piedi il carrozzone pubblico, schiaccia i privati con un livello di tassazione e una burocrazia folli; e ce la prendiamo con tedeschi francesi e compagnia? L’UE così com’è sicuramente non funziona e va cambiata però non scherziamo, per favore. UE=10% del problema, Stato=90%. Ditemi, voi vi fidate dello Stato Italiano? Voi prestereste soldi a cuor leggero allo Stato? Io no di certo e credo qualunque italiano con un minimo di raziocinio. E poi… Leggi il resto »