Chiesa

Il Papa s’inchina ai cinesi (e che pasticcio sulle finanze del Vaticano) - Seconda parte

Doveva essere stato sospeso in attesa che la vicenda fosse chiarita e, invece, a giugno è tornato in ufficio, quasi di straforo. Dalla Santa Sede, nessuna nota ufficiale, nessun chiarimento. Il Pontefice organizzò un sinodo sugli abusi, avallando la linea giustizialista della “tolleranza zero”, ma poi vorrebbe che il supervisore dei forzieri della Chiesa sia un uomo accusato di aver molestato i seminaristi. Un uomo di cui, peraltro, lui stesso ebbe a dire che «economicamente è disordinato». Avete capito bene: insieme al capo dell’Apsa, monsignor Nunzio Galantino, a gestire la cassaforte vaticana dovrebbe esserci un prelato «economicamente disordinato». E intanto, a Pechino, i comunisti cinesi se la ridono.

Alessandro Rico, 1° ottobre 2020

 

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli