in

Il peggio di Conte in 3 minuti

Dimensioni testo

Ieri sera l’ex premier Giuseppe Conte ha fatto il suo ritorno in tv a Dimartedì dopo mesi di assenza dai riflettori.

Il sedicente avvocato del popolo ha dato tutto il peggio di sé, tra megalomania e le solite promesse…

Dalla puntata dell’8 giugno 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
40 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
simone
simone
12 Giugno 2021 8:38

ha la bocca talmente infarcita di cazzate da renderlo quasi incomprensibile quando parla! MAI PIÙ! 5S TRADITORI BUFFONI.

Aldo Rigon
Aldo Rigon
11 Giugno 2021 17:15

Una vera sofferenza, riascoltato è stato un castigo che non mi meritavo.

PAOLO CAMPANER
PAOLO CAMPANER
11 Giugno 2021 11:12

Mamma, mamma ! O tepora o mores ! Ma il Circo Orfei non ha bisogno di un pagliaccio ?

paolo sanzio pois
paolo sanzio pois
10 Giugno 2021 19:31

Alla strafottenza non ci sono limiti.

Maria
Maria
10 Giugno 2021 18:28

É vero che non é cambiato, continua a farsi I complimenti per tutto cio che non ha datto e che ha fatto di sbagliato! Verreb da ridere se non fosse che ha lasciato agli italiani solo gli occhi per piangere!

Caterina
Caterina
10 Giugno 2021 16:43

Viva l’autoreferenzialità… Peccato che di cose positive nei suoi due governi se ne siano viste ben poche, a partire dalla incapacità di gestione una pandemia, per la quale ha persino nominato 300 esperti pagati da noi, che non hanno saputo fare nulla, se non contraddirsi tra loro e cambiare disposizioni ogni settimana. Semplicemente ridicolo lui e le sue autocertificazioni.

Andrea
Andrea
10 Giugno 2021 10:10

Le solite promesse? Da che pulpito! Eppure Porro dovrebbe essere abituato a sentire di peggio… 1 milione di posti di lavoro, il ponte sulli stretto, l’abolizione dell’IRAP, del bollo auto, del canone TV, addirittura la sconfitta in 3 anni del cancro e mi fermo qui per problemi di spazio…

Pico
Pico
10 Giugno 2021 10:05

Mr. Pochette è ammirato, purtroppo, da una platea, o pletora, di autentici figli della DE-scolarizzazione dell’Italia iniziata dal ’68 fino ad oggi, quindi di cosa meravigliarsi? Non illudiamoci, purtroppo, anche con altri soggetti “emergenti”, ma almeno meno spocchiosi di questo avvocatuccio pugliese approdato nella Caput Mundi e poi in un Ateneo che vede tra l’altro il Rettore uscente rinviato giudizio per corruzione, e già interdetto dai pubblici uffici. Insomma un quadro desolante di quello che ci aspetta da ora a due anni, in cui la debacle dell’Italia sarà compiuta del tutto.