Il regimetto sanitario ora ha il volto di Zingaretti

I troll ribelli da divano accusano sempre i giornalisti di parlare senza fare: insomma, già esporsi di questi tempi è una lettera scarlatta, è finire nel braccio della morte della professione, comunque c’è del vero, spesso noialtri stiamo alla finestra; io, per me, vi dico come mi sto comportando io, passando mazzinianamente dal pensiero all’azione. Sono andato dal tabaccaio. A prendere le sigarette, perché sono un fumatore: per vizio e per dispetto contro questo fottutissimo politicamente corretto. Dal tabaccaio c’era uno laureato all’università del gratta e vinci che dietro la mascherina farfugliava: “Il coviddì… i positivi… dice che stanno tutti a morì…”. Sono partito come un missile sulla rampa di lancio di Cape Kennedy: “Lei! Sì, lei! Lei conosce uno, dico uno che sia morto di Covid negli ultimi 3 mesi?”. “Ma… Tutti… Dice il telegiornale… Tutti morti…”. “No! Me ne dica uno che conosce lei!”.

Aria di nuovo lockdown

Silenzio. Allora ho continuato: io di mestiere sono uno che osserva la realtà, cerca di capirla e cerca di spiegarla; voi siete quelli che la realtà la subiscono, liofilizzata e confezionata. Ora: se nel computo dei morti di coviddì debbono infilarci pure chi è affogato, chi si è impiccato, chi ha avuto un sinistro stradale, e perfino una vecchia di 98 anni “che poteva dare ancora tanto”, vuol dire che sono a corto di cadaveri. Il che vuol dire che mentono. Il che vuol dire che hanno qualcosa in mente. Bene: stanno per prorogare, di nuovo, lo stato di emergenza: serve a preparare il terreno per un nuovo lockdown (e qui il tabaccaio ha preso ad agitarsi). Chi lo decide? Formalmente Conte, in realtà Zingaretti. Che fa il segretario del Pd. E che schiaccia il Conte, visto che i grillini non esistono più.

Ora. Sapete dirmi che mestiere fa Zingaretti? Formalmente è un odontotecnico, in realtà ha sempre e solo fatto politica, è stato messo lì da un partito: perché deve essere questo qui a decidere della mia libertà? Perché il Pd non sa a che Cristo votarsi, non ha strategie, candidati, facce, non ha niente e deve prendere ancora tempo? (il tabaccaio sempre più a dimenarsi, il laureato del gratta e vinci con la mascherina ammosciata). Voi la vedete la televisione. E chi c’è in televisione da Fabio Fazio, che è uno del Pd? Chi ci va una settimana sì e l’altra pure: i soliti: Burioni, Capua, eccetera. E cosa dicono questi? Tutti la stessa cosa: “Ah, è la fine, arriva l’ondata, moriamo tutti, si muore al 60-70-120%”. E questi qui sono tutti nell’alone del Pd, tutti in attesa di candidatura, pensate solo a quello che è diventato assessore in Puglia, Lopalco. Solo che le loro previsioni a questo punto hanno lo stesso valore del gratta e vinci, perché non sono mai sorrette da elementi certi, è tutto un solfeggio di forse, probabilmente, sicuramente, va a finire che. A questa stregua, la loro parola contro la mia.

Mi sono acceso una sigaretta, ho preso fiato e sono andato avanti. “Ah, i positivi”, ripetono. Ma positivo non vuol dire malato e non vuol dire morto. Non vuol dire niente. Anche chi becca un raffreddore è positivo. Adesso, a novembre, quando arriva l’influenza, ci diranno che abbiamo 18 milioni di positivi? O diranno che anche l’influenza, che è vecchia quanto l’uomo, è Covid? I morti di influenza, decine di migliaia ogni anno, verranno scaricati sulla spoon river del coronavirus? Certo che sì, lo stanno già facendo. Nessuno si è mai sognato di voler debellare l’influenza, che cambia ogni anno, e il raffreddore, però pretendono di estirpare il Covid. Poi ci pigliano per il culo: dicono che bisogna eliminare il Covid, però col Covid dovremo convivere per sempre. Dicono che ci penserà il vaccino, solo che senza scaricare la app Immuni che ci controlla il vaccino non funziona, va’ un po’ a capire perché, però il vaccino non c’è e chissà quando ci sarà (domani, tra un mese, tra otto anni, mai).

Isteria da mascherina

Nel frattempo, non ci fanno vivere. Ci impongono un modo di sopravvivere che è semplicemente impossibile. L’impossibile esistere. Mi spiegate a cosa serve girare con la mascherina sotto al sole restando lontani sei metri? Non chiedono prudenza, pretendono isteria. Scardinano corpo e mente. Il mondo sterile, gli umani impacchettati come profilattici. Lo sapete chi era Glenn Gould? Era un grande pianista, però aveva la fobia del contagio, rifiutava ogni contatto, voleva vivere in una bolla sterile, le sue difese immunitarie piano piano sono crollate e l’ha ucciso il primo morbo che ha beccato. Ma lui non aveva più risorse. Ecco cosa ci aspetta.

Il tabaccaio, stravolto, ha tentato una tenue reazione vitale (non virale): “Ma io non posso permettermi un altro lockdown, io già sopravvivo a fatica, ci penseranno pure, questi, si porranno il problema…”. Ma quando, ho risposto. Guarda che al Pd di quelli come te, o come me, non gliene frega niente, anzi più ne muoiono e meglio è. Scusa, quando mai hanno fatto qualcosa? Hanno stanziato, per dritto o per storto, 100 miliardi a seguito dell’emergenza: per le imprese solo 6 e chissà dove sono andati a finire. Allora? Allora per loro, noi siamo ladri, evasori, dobbiamo pagare e dobbiamo pagarla. Loro hanno gli statali che li votano e quello che gli resta, poco, pochissimo, del mondo operaio, più i centri sociali e i trafficanti di clandestini. I soldi li danno a quelli.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
56 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
franco
franco
5 Ottobre 2020 0:07

Mi scusi che siate stati dei privilegiati e cosa nota, stare a casuccia con stipendio pieno!!! mi pare un bel regalino o no??? IN UN PAESE SERIO, ve ne avrebbero tolto almeno un terzo, e dato a chi lo stato(cioe’ tutti gli italiani) ha imposto di chiudere l’attivita’ E NON GUADAGNARE PER TRE MESI!! ovv vi avrebbero anche bloccato le pendenze con banche e vario debito. E saremmo stati, lo stato equo, giusto, SOLIDALE DE SINISTRA, che si spaccia da anni..

franco
franco
4 Ottobre 2020 23:57

La.bufala e’ servita…1) ma se c’era tutta questa grave epidemia, com’e che non hanno fermato le contrattazioni in borsa? Sarebbe..tutto falsato no? A monte avrebbero creato tutto cio’ e insisterebbero per spostare miliardi da una parte all’altra, se tutto il sistema globale fosse FOSSE serio, anche la borsa(che non e’ un fenomeno naturale) avrebbe dovuto chiudere! Invece? Ps vedete morti in strada? Barelle in ogni dove? Ambulanze a destra e a manca? Casi certi in famiglia? COME ACCADEVA NELLE VERE E GRANDI EPIDEMIE? NO! lo sappiamo da questi schifosi media nazionali privati e non e dalla gente in mascherina che si da di gomito. Mi sembra una chiara epidemia “virtuale” aumentata da device capillarmente distribuiti, che ci bombardano di app e palle giornalistiche. E’ in atto un chiaro esperimento sociale di condizionamento psichico di massa, e parallelamente un rimescolamento finanziari colossale

ermete
ermete
4 Ottobre 2020 23:42

Anche io non fumo ma che tristezza vedere i vecchi teorici sessantottini della canna ad ergersi ora a moralisti ipocriti verso il fumo solo perché conviene al partito dell’imbecillità per rimanere incollato alla poltrona agitando non più e non solo il fantomatico straccio nero del ritorno del fascismo ma il finalmente politically correct straccio bianco della mascherina che evidentemente all’aperto non serve a nulla ed è diventata l’equivalente del libretto rosso di Mao per indottrinare le masse.

ermete
ermete
4 Ottobre 2020 23:31

La dipendente statale non si deve inalberare.
E’ chiaro che l’articolista generalizzi e peraltro è giustificato da un obbligo morale a ribellarsi ad un sistema demenziale che asfalta le coscienze.
Certo è che ognuno non dovrebbe vedere il proprio orticello e magari capire che se nel suo specifico caso tra smart working et similaria e stipendio assicurato la cosa possa essere addirittura vantaggiosa, la stessa cosa non possa funzionare all’infinito per un sistema produttivo che in fondo gli paga lo stipendio .

renne! unto zio !
renne! unto zio !
4 Ottobre 2020 17:26

Molte cose condivisibili. Ma Glenn Gould il sommo è morto di un ictus, nel 1982, se ben ricordo.

Massimo da Rotterdam
Massimo da Rotterdam
4 Ottobre 2020 12:15

Italia: minaccia di lockdown imminente, stato di emergenza perenne e mascherine 24h anche all’ aperto, isteria collettiva alla vista di un untore senza mascherina.
Olanda: si valutano tutte le opzioni tranne il lockdown, consiglio ma non obbligo di mettere mascherina in luoghi chiusi, nessuna isteria collettiva ma voglia di andare avanti.
Italia: 36.000 morti, popolazione 60 milioni
Olanda: 6.400 morti, 17 milioni di popolazione
Fare parallelismi non è sempre corretto ma quello che non riesco a capire è il tragicismo, l’ angoscia e la paura spropositata che si ha in Italia per una malattia che non fa più “vivere” le persone. Uno stato emergenziale continuo è utile a chi di questa situazione ne trae un guadagno politico, saranno contenti i pessimisti di natura che nelle tragedie si sentono realizzati ma per le nuove generazioni traumatizzate, quale sarà il loro futuro?

Seraf
Seraf
4 Ottobre 2020 9:31

Che tristezza.
Io sto con Del Papa
Zingaretti da buon disoccupato politico che tira a campare pensa che il terrorismo Covid sia l’unica risorsa possibile per portare se stesso ed il PD alla remuntada già sperimentata in Campania da De Luca riproponendo il regime Staliniano dell’uomo forte al comando che salva dal Covid ma fa affogare tutti nella *****.
I media sono vergognosi ma rappresentano anche il termometro del regime, più cantano ad una voce sola più la dittatura è in atto.

Milady
Milady
4 Ottobre 2020 0:11

Anche io cerco di fare apostolato, per ora con scarsi risultati…però leggere queste righe mi ha fatta sentire meno sola, grazie!