in

Incubo digitale: il mistero dei green pass che non funzionano

Il certificato verde oltre a essere uno strumento liberticida è il simbolo della peggiore dittatura burocratica

Dimensioni testo

Entri dal barbiere, allunghi il tuo cellulare per il controllo di rito e scopri che il tuo Green Pass non è valido. Panico. Vai in crisi, perché ti chiedi dove puoi avere sbagliato. Hai fatto il vaccino, anche la terza dose, l’ultimo tampone era negativo. E quindi perché la app che controlla il tuo codice Qr segnala, in rosso, che non sei in regola? Ma il barbiere in questione, ha notato che di casi simili ce n’è più di uno. Ha detto anche di un cliente che è stato allontanato perché aveva il Green Pass non valido. Poi è tornato subito dopo, in salute ma alquanto arrabbiato, con il codice Qr stampato. E a quel punto si è scoperto che era valido.

Sarà la app Immuni che fa scherzi? Non sia mai: tutto quello che è stato coordinato dall’ex commissario Arcuri è andato benissimo. Magari sarà anche la app IO? Chi lo sa. Comunque capita che una persona perfettamente in regola, possa apparire come un malefico evasore vaccinale agli occhi del controllo elettronico.
L’atteggiamento menefreghista è sempre dietro l’angolo: chissenefrega se non vai dal barbiere adesso, ma ci torni dopo un’ora una volta chiarito l’equivoco. D’accordo. Ma se sei in aeroporto e devi prendere un aereo? Se ti stai imbarcando su una nave a centinaia di chilometri da casa tua? Se perdi il treno e manchi un appuntamento importante? Sono tante e imprevedibili le circostanze in cui, questo stesso scherzetto, può costare molto caro.

Può darsi che una persona si organizzi meglio, portandosi dietro anche la stampa. Ma siamo sicuri che venga rilevata sempre correttamente anche quella? In un periodo come questo, scopri che ci sono tantissimi italiani schierati in difesa della burocrazia: “Non hai fatto questo, non hai fatto quello, non sai che c’è il numero verde che, non ti sei accorto che, non hai letto che…” sempre pronti a dare la colpa a chi subisce il disservizio, perché lo Stato, di fondo, ha sempre ragione e sei tu che ti ci devi adeguare.

Ma gli italiani entusiasti del Green Pass danno per scontate tre cose: che tutti i controllori siano in buona fede, che tutti i sistemi funzionino a dovere e che, se segui le regole, tu non abbia nulla da temere. Sono tre ipotesi, quasi sempre false. Se sei in regola, hai ancora molto da temere. Non prendi mai in considerazione che, per errore o per dolo, qualcuno o qualcosa possa considerarti colpevole e sia tu a doverti discolpare, mostrando le prove della tua innocenza, in un curioso ribaltamento delle parti di uno Stato di diritto.