Commenti all'articolo Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse e della moneta (John Maynard Keynes)

Torna all'articolo
Avatar
guest
25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tullio Pascoli
Tullio Pascoli
28 Maggio 2019 11:46

Keynes liberale??? ma andiamo, potrà essere eventualmente “liberal” nel senso americano: uno che difendeva l’intervento del potere pubblico nell’economia, di autenticamente liberale non poteva avere niente.

Del resto, le divergenze nel dibattito fra Hayek e Keynes alla conferenza di Bretton Woods hanno fatto storia, mettendo in evidenza le radicale differenze fra i due.

Pertanto, con tanti autori veramente “liberali”, mi sembra piuttosto stravagante voler definire “liberale” uno statalista come Keynes …

Se non abbiamo letture “liberali” migliori da leggere, siamo davvero a corto di idee; Keynes era più a sinistra dello stesso Gobetti che, in molti, esaltano ancora oggi come grande liberale; certo, in un Paese dove si dimentica, magari, un nome come Bruno Leoni, non mi sorprendo più niente; questo, sì, era un grande liberale riconosciuto in tutto il mondo e quasi ignorato nella sua stessa Italia.

Giovanni Solazzo
Giovanni Solazzo
21 Aprile 2019 12:11

Keynes fu sempre un liberale, iscritto al partito inglese. Farlo diventare marxista light è veramente comico. Hayek andò a Londra per conoscere Keynes che ammirava. Non si amavano, ma insieme parteciparono alla sorveglianza dei tetti di Londra durante la BATTAGLIA D’INGHILTERRA. La vituperata UE di oggi è certamente più vicina a Hayek (in versione teutonico ordoliberista che Hayek dubito approverebbe e dubito pure Friedman) che a Keynes ed è la dimostrazione che la MANO INVISIBILE DEL MERCATO ha bisogno di essere ogni tanto di essere guidata, almeno un po’. Il traffico scorre meglio se si autoregolamenta con le rotonde invece che con i rigidi e ottusi semafori. Ma ciò non toglie che anche sulle rotonde accadono incidenti e in quel caso non interviene la MANO INVISIBILE, ma POLIZIA POMPIERI, AMBULANZE vale a dire lo STATO che ogni liberale sa che è un male, però necessario, poiché se gli uomini sono imperfetti, lo sarà anche la circolazione delle auto e lo saranno anche anche i mercati che prodotti degli umani sono. Un liberale è cosciente dell’imperfezione umana, per questo è liberale, che poi creda che il mercato invece sia perfetto è una splendida superstizione. No, non conta che nel lungo periodo il mercato ritrovi, forse, equilibrio, perché come è noto tale periodo può non coincidere con la breve esistenza degli umani.… Leggi il resto »

Mazzola
Mazzola
16 Aprile 2019 21:36

Quanta ignoranza… studiate prima di parlare, pseudo economisti a cominciare da Porro
Giornalista di basso livello

Giacomo
Giacomo
16 Aprile 2019 11:42

Qua sembra che Friedman e von Hayek siano stati quasi dimenticati dalla storia o perseguitati e che Keynes sia fondamentalmente un idiota, non scherziamo per favore.
Quando leggo “Fu lo snob economista inglese a spiegare che nel futuro si sarebbe dovuto lavorare al massimo tre ore al giorno, per un totale settimanale di quindici. Ha ovviamente sbagliato, come in molte delle sue previsioni” leggo ideologia, infatti se ne possono osservare diverse peculiarità in poche righe: offesa (“snob”), falsa conseguenza logica (“dovuto”… “sbagliato”, perché mica sbaglio io se ti dico quel che dovresti fare e poi non lo fai), l’uso di termini impropri (“ovviamente”, perché niente è ovvio) e denigrazione finale (ha sbagliato “come tante delle sue previsioni”).
La storia ci dice che la direzione che ha preso la politica almeno negli ultimi 30 anni ha avuto un indirizzo liberale: lo Stato Italiano si è ritirato sì o no da diversi settori pubblici? Si sono avute o non si sono avute privatizzazioni importanti (“liberalizzazioni”)? E in che situazione ci troviamo oggi? Sia chiaro: se ne può discutere e lo so che non è una dimostrazione questa, ma è un indizio che mi fa pensare che non sia poi così assurdo dare qualche colpa al liberismo.