in

La Del Bufalo contesta il vaccino e fa infuriare Burioni

Un video ironico dell’attrice fa scattare il tweet inquisitorio del virologo

diana del bufalo

Dimensioni testo

Che fosse vietato finanche scherzare sul vaccino, s’era capito: guai a lasciarsi scappare una battuta di disillusione nei confronti delle sacre iniezioni, che ci proteggeranno senz’altro dalla malattia grave, dal ricovero, dalla rianimazione e dal decesso, ma contro l’infezione stanno mostrando tutti i limiti che ora gli esperti, cantori del vaccino che ci doveva portare fuori dalla pandemia, assicurano di aver già previsto da tempo immemore. Sarà…

Lo “scontro” Del Bufalo-Burioni

Fatto sta che un’attrice, Diana Del Bufalo, l’altro giorno ha pubblicato sui social un video, palesemente ironico, in cui manda a quel paese i vaccini e osa dire: “Non funzionano”. Difficile non cogliere, appunto, la vena comica della sua sbuffata: la voca dell’italiano medio, che di fronte al dilagare dei contagi, si abbandona a un momento di comprensibile incertezza. E sbeffeggia un po’ le supposte virtù taumaturgiche dei preparati anti Covid. Tuttavia, nel regno del pandemicamente corretto, sghignazzare è proibito. “Castigare ridendo mores” è vieppiù imperdonabile. E infatti, puntuale, si è abbattuta sulla Del Bufalo la scure del serio e savio virologo televisivo. In questo caso, Roberto Burioni, che ha celiato: “Dopo Heather Parisi e Red Ronnie accogliamo nel numero dei virologi italiani anche questa eminentissima collega, che ringrazio per l’autorevole contributo”.

Chi è il vero comico?

A onor del vero, basterebbe lui, se si trattasse di far ridere. Stiamo parlando dell’uomo che, dal salottino di Fabio Fazio e dalla tribuna di Twitter, ne ha dette di ogni: il contagio da coronavirus più improbabile del fulmine, il farmaco di Moderna che “sembrava” bloccare la trasmissione del virus, il tampone che provoca le emorragie, il vaccino per gli under 12 che “non ha senso”, salvo poi essere salutato con giubilo dopo l’approvazione. Evidentemente, le virostar sono gelose del loro primato comico: facevano già abbastanza sbellicare le filastrocche di Nino Cartabellotta, il suo ignobile tentativo di sbertucciare il no vax Povia dopo il contagio, che bisogno c’è, adesso, dei monologhi da “desperate housewife” della Del Bufalo?