La disobbedienza incivile della capitana Carola (e del partito anti italiano)

Ieri notte la Sea Watch ha attraccato al porto di Lampedusa. La nave Ong ha effettuato una manovra pericolosa, schiacciando una motovedetta della Guardia di finanza. Tutti illesi ma i finanzieri hanno rischiato la vita. La capitana Carola Rackete è stata arrestata, stando alle prime informazioni, per violazione dell’articolo 1100 del codice della navigazione, che – come spiega la agenzia Agi – richiama il comportamento del comandante o dell’ufficiale che commetta atti di resistenza o di violenza contro una nave da guerra nazionale, ed è punibile con la reclusione da tre a dieci anni. Soddisfatto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, indignato il Partito democratico.

Nel frattempo si è aperto il dibattito. Secondo alcuni esponenti del Partito democratico, e molti esponenti dei media di sinistra tra cui Roberto Saviano, le azioni della Sea Watch sono disobbedienza civile e rispondono a doveri morali superiori alle leggi dello Stato. Al contrario, le azioni della Sea Watch sono disobbedienza incivile che ci conduce all’infrazione delle regole sgradite e alla lunga ci consegnerà al caos. Qui sotto provo a spiegare perché.

A sinistra, tra politici ed editorialisti, è di gran moda l’espressione «disobbedienza civile» buttata lì con una leggerezza che lascia sgomenti. L’elemosiniere del Papa riattacca la luce al condominio occupato illegalmente? Disobbedienza civile. La nave Ong Sea Watch, che trasporta una cinquantina di immigrati, viola un divieto ed entra in acque italiane dopo 14 giorni di attesa, lasso di tempo in cui sarebbe potuta andare e tornare da Amsterdam o Amburgo? Disobbedienza civile.

Sono veri casi di disobbedienza civile? E soprattutto: cos’è la disobbedienza civile? La questione è intricata. In ogni caso, il primo a rendere famosa questa espressione è stato un reazionario coi fiocchi: lo statunitense Henry David Thoreau. Resistance to Civil Government è il titolo di un suo libro del 1849 noto anche come Disobbedienza civile. Per Thoreau disobbedienza civile significa non pagare le tasse a uno Stato che utilizza il denaro per combattere guerre assurde. In questo Thoreau è fedele alla Dichiarazione d’indipendenza: se una qualsiasi forma di governo nega la libertà, il popolo «ha diritto di mutarla o abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzarne i poteri nella forma che sembri al popolo meglio atta a procurare la sua Sicurezza e la sua Felicità».

Inutile provare a riassumere un dibattito infinito che va dal giusnaturalismo a Martin Luther King passando per John Rawls, Hannah Arendt e mille altri pensatori o uomini politici. Un tratto comune però si intravede: il gesto di disobbedienza civile, per sua natura pacifico, deve rendere evidente l’ingiustizia della legge che intende denunciare o il vuoto legislativo che propone di colmare. Per questo, venendo all’Italia, molte (non tutte) battaglie dei radicali di Marco Pannella sono ricordate come momenti di libertà rivendicata e spesso ottenuta proprio perché l’opinione pubblica di ogni colore politico le riteneva giuste.

Quale legge sarebbe stata sbugiardata dall’elemosiniere del Papa o dalla Capitana Carola? Quella che impedisce di occupare un condominio e per giunta di non pagare le bollette? Quella che impedisce di entrare in acque italiane senza averne il permesso o quella che vieta l’immigrazione clandestina? Salvare una vita in pericolo è un dovere morale più importante del rispetto della legge? Sì. Ma non è questo il caso. La Sea Watch ha utilizzato i migranti per calcolo politico.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tommaso
Tommaso
30 Giugno 2019 23:02

Errata Corrige: Sostituire “…fare quadrato è sconfiggere così…” con “…fare quadrato e sconfiggere così…”.

Tommaso
Tommaso
30 Giugno 2019 22:56

Non si può non essere d’accordo totalmente con “ancoraparli”. Finché ci saranno concittadini come lui e come Salvini, c’è sempre anche un filo di speranza e credo che potremo sempre scongiurare qualsiasi grande pericolo, soprattutto come quello che ancora svolazza sulle nostre teste da un bel po’ di tempo. Dobbiamo, noi tutti veri italiani, fare quadrato è sconfiggere così tutti i nostri nemici e i nemici da sempre della nostra cara Italia, che si annidano nel Vaticano e militano e si annidano pure da sempre nei partiti di sinistra, a cominciare dal Pd. E ultimamente, e non solo ultimamente, li abbiamo visti pure andare apertamente in soccorso della peggiore specie dell’umanità nostra nemica.

Vittorio
Vittorio
30 Giugno 2019 20:34

Preg.mo Dott.Porro,
la foto che pubblica è veramente esplicativa della tenacia e del coraggio della Capitana…..UNA DONNA CON I C…….!!

Gastone Guerra
Gastone Guerra
30 Giugno 2019 19:50

Vorrei aggiungere agli elogi già ricevuti dalla capitana Carola i miei elogi a Del Rio ed Accoliti per aver voluto rischiare la propria vita salendo sulla S W, bagnarola che notoriamente può colare a picco da un momento all’altro per ogni folata di vento (fortunatamente ciò non si è verificato nelle ultime due settimane). Li abbiamo visti molto provati spiegare ai giornalisti che la nave ha giustamente violato il blocco per l’imminente pericolo di vita di tutti proprio tutti coloro che erano a bordo dato che così a lungo non avevano potuto radersi o civilmente fare bidè. In pratica lo stesso motivo per cui una ambulanza può passare col rosso. A tutti i contemporanei la non ardua sentenza.

Marco
Marco
30 Giugno 2019 16:25

Diego Fusaro
“Il padre di Carola Rackete è un ex ufficiale esperto in sistemi militari. (…) Dal 2012 Ekkehart Rackete risulta consulente presso la Mehler Engineered Defence, azienda attiva nel settore militare che tra le varie cose si occupa di sistemi di protezione balistica-terra, lago, aria e scudi per sistema d’aria” (Il giornale “). Non solo figlia di papà, dunque…
Hanno la coscienza un po’ così e tutta la famiglia vuole scaricare ciò che hanno dentro ! I tedeschi grazie ai loro comportamenti si sentono sempre in colpa contro il mondo intero
Lui stesso, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera, ammette che la figlia è pronta a navigare nuovamente verso la Libia per caricare altri immigrati clandestini e sfidare il governo italiano.

wisteria
wisteria
30 Giugno 2019 12:33

Mi sembra urgente appurare chi assolda, incarica e telecomanda questa sedicente capitana, e i suoi pari. È fin troppo evidente la concomitanza fra la minaccia di procedure d’infrazione da Bruxelles e l’offensiva delle ong targate Germania e paesi allineati, che scaricano sedicenti profughi sulle nostre coste.

ancoraparli
ancoraparli
30 Giugno 2019 12:26

le chiacchiere stanno a zero, ma quali regole, ma quale libia, e va bene l’ipocrisia europea, va bene la vergognosa infame squallida traditrice sinistra antiitaliana che invece di fare squadra dà man forte al nemico solo per dispetto, odio, rancore e invidia verso un ministro con un consenso popolare enormemente superiore al loro, ma qui il problema vero, come al solito, come sempre in questo paese e la solita, maledetta magistratura politicizzata. se la solita toga rossa di agrigento avesse fatto l’ultima volta quello che doveva fare, cioè sequestrare davvero e non per finta quella schifosa bagnarola questo casino non sarebbe successo e quella frustrata repressa ora starebbe a mungere le capre in sassonia o dove ***** abita. come al solito questi fottuti nipotini dei rivoltatori di calzini di antiberlusconiana memoria anche loro applicano alla lettera le leggi per i nemici e le interpretano, distorcono o addirittura ignorano per gli amici e gli amici degli amici. se penso che un gentiluomo come tortora si è fatto 7 mesi di galera e questa testa di ***** solo perchè piazzata nella parte giusta della scheda elettorale, cioè la stessa della mafia politico-mediatico-istituzionale che tiranneggia l’europa che va da soros a macron via bruxelles che per interesse e/o convenienza politica la esalta solo perchè utile idiota funzionale al loro progetto di lotta al… Leggi il resto »

Pasquale Cirillo
Pasquale Cirillo
30 Giugno 2019 12:18

Secondo voi qual’è la differenza tra la “disobbedienza” nei quartieri napoletani quando arrestano un camorrista (fuorilegge!) , e su questo Saviano ci può essere maestro! , e la “comprensione” del gesto della capitana (fuorilegge!) di questi signori ?