in

La maglia dell’Italia vittima del politicamente corretto

Non partono dai vivai, partono dalla maglietta: “Il verde simboleggia il grande lavoro che stiamo facendo con i giovani. Vogliamo celebrare il rinascimento del calcio italiano con un colore che non sostituisce l’azzurro, ma lo rende ancora più luminoso”. Also sprach Gravina, presidente della Figc, che poi aggiunge, con rispetto parlando (come dicevano le portinaie di Maigret), ulteriori fregnacce sulla lotta al razzismo le discriminazioni la xenofobia, tutta junk demagogia che riempie la bocca ma non lascia sostanza.

La verità essendo che la nuova maglia della Nazionale è imposta dalla multinazionale Puma per ragioni di marketing etico – perché la pubblicità s’è fatta etica, non si limita più a dirci “desidera, compera”, si è evoluta in direzione moralista: se non consumi questo prodotto, che è buono e giusto, sei fascista, intollerante e ammazzi il pianeta. Vale per Greta, per la prima influencer che passa e per la magliaccia “nuova” della “nuova” Italia che, riflettendo un tipico costume nazionale, non si sa bene che cazzo sia: è azzurra? No, è verde? Neppure; è come sembra, come conviene, Montanelli ricordava che non si era mai dato il caso in cui l’Italia avesse concluso una guerra dalla stessa parte in cui l’aveva cominciata: vale anche per le guerre pacifiche sui campi erbosi con dentro una palla che rotola.

Praticamente la maglia è una corazzata Potemkin, una paraculata che, si capisce, è stata concepita pensando allo stacco esotico, praticamente un incitamento ad arruolare più atleti di colore. I quali fossero tutti come Pelè, ci mancherebbe: il guaio è che al massimo sono come Balotelli. Come sempre, quando si è a corto di argomenti, si frusciano le code di paglia: si scomoda il Rinascimento, senonché, insegnava Prezzolini, “la fede nell’uomo, ossia l’Umanesimo, ha per rovescio la retorica”. Gravina, in effetti, nel rivendere la maglia color bottiglione come simbolo di rinascenza, ricorda molto le svenevolezze d’un Poliziano; quanto alla densità cromatica, forse quelli della Puma si saranno ispirati alle morbidezze botticelliane.

E si parla di una Nazionale che viene da un fragoroso ciclo di fallimenti, neppure qualificata allo scorso mondiale, in grave crisi di talenti – perché non sono solo i cervelli migliori, ma anche i piedi a fuggire all’estero: noi, in compenso, importiamo spesso molti scarponi, tapum. E loro partono dall’involucro, “l’intendenza seguirà”, avranno pensato: da queste parti si sentono tutti Napoleone, è una nota sindrome dilagante, purtroppo in libertà. Ma come dovranno sostenere, i tifosi, la loro Nazionale? Forza azzurri no, forza verdi? Neppure, forza verdazzurri è patetico, forza bottiglioni imbarazzante, va a finire che bisognerà chiedere lumi alla Boldrini: forza calciatori del mondo e della terra senza distinzioni di genere e di provenienza all’insegna di un colore che è tutti i colori perché la diversità è arricchimento e il sovranismo barbarie. Solo che ci vuole un’apnea degna di Maiorca, senza contare che se uno fa gol, ora che hai finito la giaculatoria cromaticamente corretta quegli altri hanno già fatto in tempo a pareggiare.

Condividi questo articolo

15 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ragazzi, avete quasi ragione tutti, ma diciamoci la verità. Questo colore ( a prescindere) fa o non fa cagare? (evitate di offendervi a vicenda che è triste)

  2. Quest’articolo è un’incredibile stronzata galattica. Questa è la terza maglia dell’Italia, decisa da Puma per diversificare il mercato. Cosa che funzionerà perfettamente, vista la pubblicità che su questa storia viene fatta da personaggi come il tipo che ha scritto ‘sta robaccia qua.

  3. Fate schifo, maglia
    color Nigeria,e modelli di colore,qui non è questione di razzismo o populismo, sarebbe solo questione di dignità e intelligenza.. ma ripeto..fate schifo tutti!!

  4. Grande Max Del Papà: sempre corrosivo e puntuale nel dissacrare le minchiate politicamente corrette. A completamento dell’aforisma Montanelliano, se non erro con copyright di Churchill, bisogna aggiungere che è pur successo che l’Italia ha finito una guerra con lo stesso alleato con cui l’ha iniziata, e cioè “quando ha tradito due volte”.

  5. A proposito di politicamente corretto che cosa pensate di questo? :
    Una voce, di corridoio, ma clamorosa. Matteo Renzi “vuole fare fuori Giuseppe Conte” per sostituirlo con Luigi Di Maio mantenendo però la maggioranza M5s-Pd”. Antonio Padellaro, ex direttore e ora editorialista del Fatto quotidiano, avvalora lo spiffero regalato da Paolo Mieli a Otto e mezzo e rilanciato anche dal Foglio. Si tratta di fantapolitica o, vista la statura morale dei due personaggi menzionati, potrebbe avverarsi?

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.