in

La vera zavorra del governo Draghi

draghi parlamento
draghi parlamento

Dimensioni testo

Avevamo tra noi il punto fortissimo di riferimento di tutte le forze progressiste; eravamo governati dai migliori del mondo; eravamo l’esempio da seguire in Europa; sono passati due giorni, perdipiù durante il fine settimana, ed i titoli dei giornali la domenica urlano “mettiamo l’Italia in sicurezza”, “75 giorni per salvare il Pil”, “una giusta ribellione a Ministri incompetenti” e potrei andare avanti a lungo.

Insomma ci siamo salvati per un pelo da un disastro che nessuno, salvo Mattarella e Renzi, sembrava aver previsto. Forse distratti dalle veline del “pifferaio” Casalino stavamo correndo verso un burrone inseguendo la chimera dell’abolizione della povertà e mentre tutto stava crollando compravamo felici banchi a rotelle e diligenti aspettavamo che le primule fossero montate nelle piazze per poterci vaccinare. Non posso credere che questo fosse il mondo solo pochi giorni indietro, non posso credere che la maggioranza relativa degli scemi del villaggio ci obbligasse ad aspettare il voto su Rousseau, sono terrorizzato dall’idea che possa accadere ancora.

Perciò anche se vedere Azzolina e Buonafede fuori dal Governo mi ripaga di molte sofferenze, vederci ancora dentro Di Maio e Speranza ne alimenta di nuove. Lo ammetto mi sarebbe piaciuto l’armageddon con tutti gli incapaci fuori già nel weekend, ma sogno un lunedì tranquillo senza dirette Facebook o tweet inutili; un martedì con titoli che urlano “Arcuri rimosso”, “Ricciardi silenziato”, “Alitalia fallita”, “Ilva ceduta”; fino ad arrivare al mercoledì di fiducia alla Camera con il Quirinale che fa trapelare una citazione da Rambo “Allora vedo che non avete capito. Io non mi preoccupo di salvare Draghi da voi. Io sono qui per salvare voi da lui” e tutti i deputati eletti dagli scemi del villaggio, finalmente consapevoli della loro inutile inadeguatezza che votano compatti la fiducia al Governo con il fermo proposito di salvare il loro stipendio e non riunirsi prima dei prossimi 8/10 mesi. Il mio è solo un sogno ma il problema reale è il Parlamento eletto nel 2018 e finché non ce ne saremo liberati ci dovremmo preoccupare solo di farlo lavorare il meno possibile.

Antonio De Filippi, 15 febbraio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Francesca
Francesca
18 Febbraio 2021 23:32

Ciao Antonio
Chissa se ti ricordi di me forse di mio fratello Umberto …eravate a scuola insieme alle medie Ippolito Nievo…
Anche io non vedo l’ora che questi scappati di casa anti-politica spariscano dall’orizzonte politico!
Mala tempora currunt…
Continuate a tenere accesi i riflettori sulle ingiustizie! Buon lavoro!

Nedo Micci
Nedo Micci
16 Febbraio 2021 13:54

@Marina vb…Lei insomma vuol dire che siamo nei casini .
SI , siamo nei casini
..e grossi ; bacchette fatate non ce l’ha nessuno , neanche Draghi , ma qui tanto sfondo una porta aperta , lo sanno tutti.
Quando Lei allude ai 5S certo che e’ cosi’ ma la cosa e’ ben peggiore , nel senso che e’ il Paese tutto e per dinamiche tutte sue che da decenni sta andando a ramengo in una maniera inarrestabile .
Per farla breve una conclusione qualunquistica….tutti colpevoli.
Non c’e’ stato nessuno che abbia avuto il coraggio e la forza di ” cambiare ” davvero , avrebbe perso il consenso…il dare tutto a tutti ci ha fregato.
La vicenda Alitalia e’ tra i fatti più emblematici di tutto cio’…tutti colpevoli : lavoratori, governi e sindacati. Chi ha seguito la storia di Alitalia sa cosa intendo.
P.S.Ah Lei poi dice del morire lentamente….e chi ci capisce più niente , anche nella nostra vita personale si naviga a vista ; oggi più che mai ” del diman non v’e’ certezza “.

Marina Vb
Marina Vb
16 Febbraio 2021 12:57

Per il simpaticissimo Giovanni Giovi.
La mia pausa sul lago dura da 40 anni.
Lei invece ha proprio bisogno di una pausa da se stesso.
Lei non si è accorto che campioni di giravolte sono proprio i suoi beniamini.
Ma forse si vergogna un po’ ad ammetterlo.
Gli altri invece non hanno alcuna remora a farlo.
E quando i 5 stelle gridavano mai con il partito di Bibbiano (a proposito, a che punto siamo con l’indagine?) e i rossi rispondevano mai con i 5 stelle ci hanno guidato fino alla fine del pozzo.
E si difendevano pure a vicenda, un matrimonio quasi perfetto (alle amministrative si fanno guerra, chissà perché).
Oggi una bella fucilata della Morani contro la Raggi (voluta, osannata e riproposta dai 5 stelle).
Guardi il marcio che c’è nelle sue frequentazioni prima di guardare quello degli altri.

art3mide
art3mide
16 Febbraio 2021 11:20

Si è dimenticato di citare la Lamorgese.

Laval
Laval
16 Febbraio 2021 10:58

Buongiorno Nedo:
ti ho risposto ma non lo vedo nel sito e ti rispondo di nuovo alla domanda come faccio a saperlo.
Non scrivo mai a caso, solo se sicuro di quanto affermo o per averlo letto dai quotidiani di destra e di sinistra da cui tiro le somme e scrivo, per cui mi risulta che Mattarella ha imposto una parte di componenti politi (inseriti per dare una certa continuità al governo).
Le spinte dei santi santorum sono infinite.
Fraterno abbraccio

Marina Vb
Marina Vb
16 Febbraio 2021 9:26

@Nedo Micci
Lei ha tirato in ballo il chiacchiericcio.
Finché lo facciamo noi su questo sito i danni sono limitati, quasi inesistenti. Non influisce sulla vita vera.
L’impressione, o forse la conclusione, è che il chiacchiericcio sia stato praticato da chi ha rovinato vite, da chi ha ingabbiato un paese.
Il raffronto con gli altri paesi del mondo non me ne frega niente.
Io vivo in Italia, è stato il sistema politico e il chiacchiericcio dei così detti esperti a condizionare la mia vita.
Se due + due fa 4 il fatto che i ministeri pesanti siano in mano a soggetti scelti da Draghi ci dice anche chi ha deciso gli altri.
Che poi è anche chi ha deciso che in Italia non si poteva andare al voto.
Mentre il resto del mondo ci andava.
Ecco, mi rendo conto che i continui raffronti che tanto piacciono a Nedo sul piano pandemico quando riguardano la possibilità di votare ciò che ha fatto il resto del mondo non viene preso in considerazione.

Susi
Susi
16 Febbraio 2021 8:26

Basta con queste varianti tutto fa brodo pur di tenerci in galera OMS e compagni avete rotto le scatole ,dite chiaramente che volete vedere l’Italia allo sfascio che è la cosa a cui crediamo di più.dimostrste sta caspita di variante per noi poveri comuni mortali

stefano
stefano
16 Febbraio 2021 0:10

Per questo sostengo che DRaghi deve legiferare a forza di DPCM come ha fatto Conte. Cioè decretare ,saltare il Parlamento e ottenere la firma di Mattarella trasformando, entro 60 gg. il decreto in legge! Amen